Affari

Produzione di olio vegetale globale in aumento

Forti raccolti per una varietà di semi oleosi e altri prodotti a base di olio vegetale hanno portato a un anno record in termini di produzione. Tuttavia, la domanda rimane stabile e alcuni analisti si preoccupano dell'effetto sui prezzi.

Olio di soia
Ottobre 23, 2018
Di Daniel Dawson
Olio di soia

Notizie recenti

Un nuovo rapporto del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) prevede che la produzione di olio vegetale raggiungerà un livello record alla fine della stagione del raccolto 2018/19.

Secondo Dati USDA, la produzione salirà a 204 milioni di tonnellate, con un aumento del tre percento rispetto allo scorso anno.

Un raccolto eccezionale di semi di soia sia in Brasile che negli Stati Uniti; una resa "sorprendentemente alta" di olio di palma dal sud-est asiatico; e un anno forte per i coltivatori di girasoli in Ucraina hanno contribuito alla produzione record.

Guarda anche: Dati di produzione di olio d'oliva

Tuttavia, non tutte le colture nel settore dell'olio vegetale hanno avuto un buon anno. L'USDA prevede che la produzione di semi oleosi diminuirà leggermente a causa del deludente raccolto di colza nell'Unione europea e in Australia e di un brutto anno per le arachidi negli Stati Uniti e in India.

Anche così, alcuni analisti sono preoccupati che questo surplus di olio vegetale continuerà a spingere verso il basso i prezzi globali e che parte di ciò che viene prodotto non potrà andare da nessuna parte. I prezzi del greggio commestibile sono già diminuiti dell'11-25%, in parte, a causa dell'eccesso di offerta e della diminuzione della domanda in mercati più grandi, come India e Cina.

pubblicità

"Sulla scia di questa tendenza dell'offerta, la pressione sui prezzi persisterà nei mercati internazionali dell'olio vegetale", ha dichiarato in una nota l'Unione tedesca per la promozione dei semi oleosi e delle piante proteiche (UFOP, per le sue iniziali tedesche).

Parte dell'eccesso di approvvigionamento proviene da semi di soia e olio di semi di soia. Le scorte globali erano relativamente alte all'inizio della stagione del raccolto, in parte a causa delle tensioni commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina.

"Le vendite all'esportazione degli Stati Uniti e le spedizioni di semi di soia hanno iniziato la stagione 2018/19 a settembre più lentamente del solito", hanno scritto gli analisti di ricerca economica per l'USDA in un rapporto mensile.

pubblicità

"Il ritmo complessivo è il più basso degli ultimi sette anni a causa di un forte calo degli scambi con la Cina", hanno aggiunto gli autori del rapporto. "La composizione alterata dei mercati di esportazione degli Stati Uniti quest'anno potrebbe spostare una percentuale più elevata di spedizioni nella seconda metà del 2018/19".

Secondo Mark Ash e Mariana Mathias, due membri del Servizio di ricerca economica dell'USDA, la domanda cinese è attualmente soddisfatta dai produttori brasiliani e argentini.

pubblicità

I due hanno scritto che la domanda proveniente dai mercati di destinazione tradizionali per i semi di soia e l'olio di soia brasiliani e argentini sarà invece servita dai produttori americani la prossima primavera, alleviando l'eccesso e diminuendo la pressione sui prezzi.

Per quanto riguarda gli aumenti nel resto del settore dell'olio vegetale, gli analisti dell'UFOP sospettano che mentre la domanda di olio vegetale commestibile rimarrà sostanzialmente invariata, la politica relativa ai biocarburanti dovrà adeguarsi di conseguenza.

"I prezzi degli oli vegetali sono da tempo disaccoppiati dai prezzi del greggio, costringendo i paesi produttori di olio vegetale ad adottare politiche più attive in materia di biocarburanti", ha dichiarato UFOP. "Paesi come l'Indonesia, il Brasile e l'Argentina hanno cercato di gestire la pressione sui prezzi aumentando i mandati per i biocarburanti".