In Rajasthan, Piani per introdurre vino ottenuto da foglie di ulivo

Gli imprenditori olivicoli indiani progettano di produrre quello che potrebbe essere il primo vino al mondo in Rajasthan.

Agosto 26, 2019
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

Una nuova bevanda si sta preparando tra gli uliveti di Rajasthan, uno stato nel nord-ovest India, dove un team di esperti di olive afferma di aver sviluppato il primo vino al mondo per olive.

In un'intervista con Olive Oil TimesYogesh Verma, COO del Rajasthan Olive Cultivation Limited (ROCL) gestito dallo stato e l'esperto di olivicoltura indipendente Yuval Chen hanno spiegato di più sulla loro audace mossa nella vinificazione.

L'iniziativa sul vino d'oliva trasformerà la vita degli agricoltori poveri poiché i rifiuti post potatura forniranno un'ulteriore fonte di reddito per gli olivicoltori del Rajasthan.- Yogesh Verma, COO del Rajasthan Olive Cultivation Limited

"Nessun altro paese produttore di olive ha sviluppato vino d'oliva ”, ha affermato Verma e ha sottolineato in che modo l'iniziativa andrebbe a beneficio degli agricoltori locali impoveriti migliorando l'economia del raccolto.

"L'iniziativa sul vino d'oliva trasformerà la vita degli olivicoltori del Rajasthan in quanto i rifiuti post potatura forniranno un'ulteriore fonte di guadagni per gli agricoltori che compensano $ 0.90 per chilogrammo ($ 1.98 per libbra). ”Secondo Verma, questo era in realtà maggiore del valore dell'olio d'oliva per gli agricoltori dello stato e favorirebbe anche l'economia basata sul turismo del Rajasthan.

Guarda anche: India Olio di oliva Notizie

Il duo ha parlato appassionatamente del loro vino d'oliva, che sarà realizzato a mano nel Rajasthan dalle foglie dei 1,000 ettari di ulivi dello stato del deserto (2,471 acri) e commercializzato come bevanda esclusiva del Rajasthan.

pubblicità

Mentre Verma ha lasciato intendere che il liquore era composto da una varietà di foglie di ulivo, ha insistito sul fatto che la ricetta esatta è rimasta un segreto ben custodito fino a quando il prodotto non è stato brevettato.

"Il processo di brevettazione è stato avviato e la produzione di vino d'oliva inizierà non appena il brevetto sarà registrato ", ha affermato. "Sommelier professionisti testeranno il vino d'oliva per assicurarsi che soddisfi i rigorosi standard del vino dell'India ".

Verma ha aggiunto che è stato personalmente colpito dal sapore del vino d'oliva e ne ha prevenuto il consumo, "proprio come qualsiasi altro bicchiere di vino. ”Crede che la bevanda potrebbe diventare commercialmente disponibile entro un anno e potrebbe attirare l'interesse dell'industria vinicola globale.

Il duo ha affermato che gli studi sul prodotto hanno indicato che il vino nutraceutico d'oliva offriva molti degli stessi benefici per la salute come olio d'oliva Compreso migliorare la salute del cuore e abbassando il colesterolo. Verma ritiene che la bevanda abbia il potenziale per diventare un rimedio naturale per una serie di condizioni di salute e potrebbe persino ridurre la crescita del cancro della pelle.

"Si ritiene che i polifenoli trovati nelle foglie proteggere dal cancro e altre malattie correlate all'infiammazione mentre gli alti livelli di antiossidanti sono considerati utili per la prevenzione diabete e ritardando l'invecchiamento cellulare ", ha detto. Ulteriori ricerche sui presunti benefici per la salute del vino d'oliva saranno condotte dalle università Tripura, Jiwaji e Manipal.

Chen ha prestato la sua esperienza allo sviluppo del settore olivicolo indiano dal 2009 e ha descritto il Rajasthan con i suoi brevi inverni come "uno dei climi più impegnativi del mondo per la coltivazione dell'olivo. "

Ha detto che gli agricoltori hanno combattuto condizioni climatiche difficili con basse ore di refrigerazione durante gli inverni 2016/17 e 2017/18, dopo dieci anni di condizioni favorevoli per la coltivazione dell'olivo.

Verma ha dichiarato la sua iniziativa 2017 di produzione di tè in foglie di ulivo in Rajasthan era stato un successo con gli agricoltori locali che ora fornivano foglie sufficienti per il funzionamento di tre grandi fabbriche, che producono tè alle olive che viene venduto in tutto il mondo.

Dal suo primo tentativo nella coltivazione dell'olivo dodici anni fa, l'impresa olivicola di ROCL si è estesa fino a comprendere 1,000 ettari (2,471 acri) di oliveti, che finora hanno prodotto dodici tonnellate di olio d'oliva commercializzate con il marchio RajOlive.

Il duo ha espresso gratitudine al governo del Rajasthan per aver finanziato la ricerca e lo sviluppo del progetto, una joint venture tra il governo del Rajasthan, Finolex Palsson Industries con sede a Pune e Israel's Indolive Limited.

I progetti futuri dell'oleodotto del Rajasthan includono la produzione di aceto di oliva e cosmetici prodotti con vitamina E e foglie di ulivo ricche di oleuropeina per aumentare il valore.





Related News