Affari

I produttori italiani potrebbero perdere $ 200M se le tariffe USA sono approvate, Trade Group avverte

L'associazione italiana dell'olio d'oliva avverte che i prezzi dell'olio d'oliva potrebbero raddoppiare a causa delle tariffe, che potrebbero ridurre le esportazioni italiane di petrolio negli Stati Uniti del xnumx percento.

Più tardi quest'estate, l'OMC deciderà se approvare tutte o alcune delle tariffe statunitensi proposte sulle merci dell'UE
Giu. 17, 2019
Di Daniel Dawson
Più tardi quest'estate, l'OMC deciderà se approvare tutte o alcune delle tariffe statunitensi proposte sulle merci dell'UE

Notizie recenti

L'associazione italiana dell'industria olearia (ASSITOL) ha avvertito che i produttori del paese potrebbero perdere fino a $ 200 milioni all'anno se Tariffe americane sulle importazioni di olio d'oliva dall'Unione Europea sono approvati

Anna Cane, presidente di Assitol, ha affermato che le esportazioni verso gli Stati Uniti potrebbero diminuire del 50% se l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) approvasse le tariffe proposte. L'organo di governo per il commercio internazionale deciderà entro la fine dell'estate se approvare alcune o tutte le tariffe proposte.

Con un flusso europeo inferiore, che garantisce agli Stati Uniti l'80 percento di petrolio confezionato, verrà dato spazio ai prodotti dei nostri concorrenti.- Anna Cane, presidente di Assitol

"Se l'ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR) agisse in conformità con queste prime indicazioni, imponendo tasse ad hoc, l'intera catena di fornitura subirebbe gravi danni ", ha affermato Cane.

"In effetti, con una tassa sul 100 percento del prodotto, il prezzo dell'olio extra vergine di oliva [raddoppierebbe], il che sarebbe insostenibile per il consumatore americano e, quindi, indurrebbe gli acquirenti a cercare olio d'oliva altrove o identificare oli alternativi, " lei ha aggiunto.

Guarda anche: Notizie commerciali sull'olio d'oliva

L'USTR ha tenuto l'olio d'oliva in un elenco aggiornato delle tariffe punitive che prevede di imporre l'Unione Europea in relazione a una disputa sui sussidi del blocco commerciale per Airbus. Inoltre, nell'elenco aggiornato sono stati inclusi diversi tipi di olive verdi snocciolate, non snocciolate e farcite.

pubblicità

"Il rappresentante commerciale degli Stati Uniti sta prendendo in considerazione l'elenco aggiuntivo di prodotti ... affinché l'inclusione in un elenco finale di prodotti sia soggetta a maggiori dazi in relazione all'applicazione dei diritti degli Stati Uniti nella controversia dell'OMC contro l'Unione europea ", ha affermato USTR.

Mentre l'olio d'oliva era anche incluso nell'elenco precedente, i quattro tipi di olive da tavola non è stato.

L'Italia è uno dei maggiori fornitori di olio d'oliva negli Stati Uniti. Secondo Assitol, l'Italia ha esportato 94,000 tonnellate di olio d'oliva negli Stati Uniti nel 2018, che rappresentavano il 31 percento delle importazioni totali di olio d'oliva in America e oltre il 50 percento delle esportazioni totali di olio d'oliva in Italia.

Cane sperava che l'olio d'oliva non fosse incluso nell'elenco aggiornato a causa della dipendenza americana dall'olio importato. Gli Stati Uniti hanno importato oltre il 95% dell'olio d'oliva consumato nell'anno di raccolta 2018/19. Complessivamente, circa il 65 percento delle importazioni di olio d'oliva americano proviene dall'Unione Europea.

La North American Olive Oil Association, di cui Assitol è membro associato, ha iniziato a far circolare una petizione rimuovere l'olio d'oliva dall'elenco a maggio ma non ci riuscì.

Cane teme che se le tariffe saranno approvate, i consumatori americani si rivolgeranno ai produttori di olio d'oliva nordafricano e sudamericano per colmare il vuoto.

"Una buona parte dell'olio extra vergine di oliva in bottiglia nei supermercati statunitensi viene importato dall'Italia ", ha affermato Cane. "Con un flusso europeo inferiore, che garantisce agli Stati Uniti l'80 percento di petrolio confezionato, verrà dato spazio ai prodotti dei nostri concorrenti, in particolare tra i nostri concorrenti in Nord Africa, come la Tunisia e il Marocco. "

"Anche supponendo che, in seguito, i dazi vengano annullati, sarà molto difficile riconquistare il mercato perduto ”, ha aggiunto.

Lo spazio di mercato perso è particolarmente preoccupante per l'Italia, che l'anno scorso ha venduto oltre il 50 percento delle sue esportazioni di olio d'oliva negli Stati Uniti. In confronto, la Spagna ha venduto solo circa un terzo delle sue esportazioni di olio d'oliva negli Stati Uniti

Fino a quando l'OMC non deciderà se autorizzare o meno le tariffe americane nell'elenco delle merci dell'UE, non c'è molto che i produttori italiani possano fare.

Assitol ha formalmente scritto a Fedolive, la federazione europea dei produttori di olio d'oliva, la situazione, ma non è chiaro cosa potrà fare esattamente il gruppo paneuropeo di olio d'oliva per mitigare il danno.

"Ciò che serve è una seria posizione assunta dall'Italia, per evitare i possibili effetti dei dazi, impedendone l'entrata in vigore ”, ha affermato Cane.

pubblicità





Related News