Affari

Il giudice ripristina parzialmente la causa del gruppo commerciale

Un giudice federale ha stabilito che la North American Olive Oil Association può citare in giudizio Veronica Foods per proprio conto, ma non per conto dei suoi membri. Un avvocato di Veronica Foods ha nuovamente presentato una mozione per archiviare il caso.

Agosto 29, 2018
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Un giudice federale in un tribunale distrettuale di Long Island ha deciso di ripristinare parzialmente una causa intentata contro Veronica Foods e sette dei suoi rivenditori associati dal Associazione nordamericana dell'olio d'oliva (NAOOA), un gruppo commerciale che rappresenta gli importatori di olio d'oliva.

I consumatori non devono indurre in errore a pensare di dover acquistare oli di oliva super costosi da un negozio specializzato per ottenere benefici per la salute.- Joseph R. Profaci, NAOOA

Veronica Foods fornisce oli d'oliva a centinaia di negozi di vendita al dettaglio di specialità negli Stati Uniti, dove gli oli sono esposti in contenitori di acciaio inossidabile, chiamati fustie i clienti sono invitati a degustare oli prima di effettuare un acquisto.

"Siamo lieti di questa decisione e ribadisce l'impegno della NAOOA ad assumere coloro che nel nostro settore denigrano ingiustamente e in modo inesatto gli altri nella categoria per ottenere un vantaggio competitivo ", ha dichiarato Joseph R Profaci, direttore esecutivo della NAOOA pubblicazione.

"Riteniamo inoltre che le circostanze del caso dovrebbero consentire alla NAOOA di intentare causa a nome dei suoi membri che sono stati danneggiati da tali false dichiarazioni e stiamo valutando il modo migliore per rispondere alla decisione della corte contraria su tale questione ", ha aggiunto.

Arthur Spatt, il giudice che presiede il caso, ha annullato parti della sua decisione originale dopo che il NAOOA ha sostenuto che il tribunale aveva trascurato i fatti nella denuncia che sosteneva che l'associazione di categoria ha intenzione di fare causa per proprio conto.

pubblicità

"Nel caso di specie, NAOOA […] afferma di poter fare causa per proprio conto perché ha speso considerevoli risorse finanziarie per combattere false dichiarazioni dalle presunte false pubblicità e dichiarazioni denigratorie dei Convenuti, ”ha scritto Spatt nella sua decisione. "Secondo la Corte, queste accuse sono sufficienti per stabilire la posizione individuale di un'associazione. "

Tuttavia, Spatt ha ribadito che il NAOOA non è riuscito a dimostrare che nessuno dei suoi membri individuali aveva subito perdite tangibili a causa delle affermazioni fatte da Veronica Foods e ha anche fallito nel dimostrare che l'associazione ha legittimità legale per recuperare le perdite per i suoi membri.

Ha detto Profaci Olive Oil Times che non era d'accordo con la decisione del giudice per questi ultimi due punti e aveva pianificato di procedere con la causa.

"Non siamo d'accordo con la decisione del giudice di non riconoscere la posizione associativa a nome dei membri della NAOOA ”, ha affermato. "Questa è una domanda legale, e i nostri consulenti ci hanno detto che credono di aver soddisfatto lo standard legale. "

Ha rifiutato di commentare ulteriormente il caso mentre il contenzioso è pendente.

Adam Gutride, avvocato di Veronica Foods, ha detto Olive Oil Times di essere deluso dalla sentenza del giudice e che intende continuare a combattere la questione per conto del suo cliente.

"Il tribunale ha stabilito che il NAOOA ha superato un ostacolo tecnico di dimostrazione in piedi per fare causa, ma solo per una parte del caso ", ha detto. "Abbiamo già deciso di archiviare il caso per altri motivi che la Corte non ha ancora preso in considerazione. La Corte ha accettato di presentare tale mozione dopo che il NAOOA ha respinto il suo ricorso. "

La denuncia era originariamente archiviato nel 2016 contro Veronica Foods e alcuni dei suoi rivenditori con sede a New York per ciò che la NAOOA sosteneva fossero commenti falsi, fuorvianti e scientificamente privi di fondamento che la società aveva fatto sull'olio d'oliva venduto nei supermercati.

"Sosteniamo molto gli sforzi per commercializzare oli extra vergini di oliva di alta qualità, ma i consumatori non devono indurre in errore a pensare di dover acquistare oli di oliva super costosi da un negozio specializzato per ottenere benefici sulla salute ", ha affermato Profaci. "I consumatori dovrebbero avere fiducia nella qualità della stragrande maggioranza dell'olio d'oliva venduto nel mercato al dettaglio degli Stati Uniti, compresi i loro supermercati locali ".

Il NAOOA ha continuato ad accusare Veronica Foods di "uno sforzo mirato e concertato per attaccare il NAOOA e i suoi prodotti a base di olio d'oliva venduti nei supermercati. "

Veronica Foods ha smentito queste affermazioni.

"La nostra azienda è stata fondata sull'importazione e la vendita di oli extra vergini di oliva di altissima qualità ", ha affermato Gutride. "La nostra missione principale è offrire al consumatore trasparenza, tracciabilità e formazione in un mercato spesso confuso. "

Lo scorso novembre la causa è stata respinta da Spatt, lo stesso giudice federale, dopo che la mozione degli imputati di archiviare il caso era stata concessa. Gli imputati hanno affermato che il NAOOA non aveva sufficientemente dimostrato che i suoi membri avevano subito un pregiudizio a causa delle pretese degli imputati.

Gutride ha dichiarato che Veronica Foods ha già presentato una mozione per archiviare il caso, ben prima della scadenza di 30 giorni concessa dal tribunale.

"Abbiamo intenzione di continuare a combattere la questione ", ha detto Gutride.


Related News