Il marchio di provenienza visto come la chiave per la protezione delle esportazioni di olio d'oliva australiano

Con i problemi di contraffazione e di qualità, un problema costante per i marchi di prodotti alimentari australiani, alcuni esperti ritengono che il marchio di provenienza sia la chiave per salvaguardare la qualità.

Febbraio 21, 2017
Di Mary Hernandez

Notizie recenti

I produttori australiani di prodotti alimentari di consumo di fascia alta esportati (compreso l'olio d'oliva) che cercano di assicurarsi una quota maggiore dei loro guadagni al dettaglio dovrebbero prendere in considerazione la collaborazione per garantire "marchio di provenienza regionale ", afferma un rapporto della Rural Industries Research and Development Corporation (RIRDC).

Ciò dovrebbe consentire agli agricoltori di acquisire e proteggere in modo più efficace il valore aggiunto che creano generando avviamento basato sulla provenienza in tali mercati.- Ricerca e sviluppo delle industrie rurali Corp.

Sebbene questo approccio sia raccomandato come mezzo per salvaguardare i prodotti regionali contro i produttori freeloading dall'attaccare al carrozzone (qualcosa che rappresenta una minaccia costante nei mercati asiatici, dove i prodotti di imitazione a buon mercato sono una minaccia costante), arriva con i suoi ostacoli, nel forma di registrazione IG (indicazione geografica) - qualcosa disponibile solo per l'industria vinicola australiana.

Il progetto rapporto è intitolato "Da locale a globale: marchio di provenienza e cooperazione tra agricoltori per mercati di esportazione di alto valore ”ed è scritto dagli esperti legali William van Caenegem e Lucie Tréguier e dall'esperta di governance geografica Jen Cleary.

Afferma che l'Australia dovrebbe espandere il suo schema di registrazione delle IG per consentire ad altri alimenti e bevande di registrarsi come misura proattiva contro la contraffazione, che affligge paesi asiatici come Cina e Giappone.

Il rapporto cita persino casi di imballaggi di prodotti alimentari di lusso con sedi australiane su prodotti non autentici come ostriche e abalone. Con le esportazioni di cibo in queste regioni che sono raddoppiate a oltre 9 miliardi di dollari australiani negli ultimi cinque anni grazie in parte a una fiorente popolazione della classe medio-alta (che dovrebbe raggiungere i 180 milioni entro il 2022); questo dovrebbe essere motivo di preoccupazione per tutti gli esportatori di alimenti specializzati australiani.

Oltre a salvaguardare la qualità dei prodotti nei mercati internazionali, il marchio di provenienza farebbe anche molto per combattere i recenti scandali di qualità che affliggono il mercato internazionale dell'olio d'oliva.

Attualmente, molti produttori australiani di olio d'oliva fanno già parte di organizzazioni e associazioni geografiche, il che renderebbe notevolmente più semplice il marchio collettivo di provenienza regionale attraverso la certificazione IG e il marchio.

Questo metodo di branding consente a ciascun singolo produttore di conservare il proprio marchio aziendale e le proprie immagini. L'idea di espandere il marchio di provenienza ha già il sostegno di diverse parti, tra cui l'ambasciatore dell'Unione europea in Australia.

Chris Mercer, presidente dell'Olive Western Australia, ha detto Olive Oil Times che mentre vi è effettivamente una crescente necessità per i coltivatori di proteggere i loro marchi all'estero e che i gruppi di coltivatori possono trovare forza numerica, il fatto che la protezione delle IG è ancora limitata all'industria del vino e che il marchio IG all'estero è possibile solo una volta che il marchio IG nazionale ha stato raggiunto, significa che la certificazione in questo modo non è probabile che avvenga in tempi brevi a meno che questi problemi non vengano affrontati.

Il rapporto conclude citando che mentre le soluzioni di branding tecnologico come marchi olografici e codici QR possono essere utilizzate come misure di salvaguardia, gli autori del rapporto ritengono che queste strategie siano "di breve durata nella loro efficacia ”ei produttori dovrebbero cercare una soluzione più efficace ea lungo termine per proteggere i loro marchi di provenienza di alto valore.

Questo è qualcosa con cui Mercer non è d'accordo, poiché ritiene che la protezione tecnologica sia ancora una misura efficace e che i sistemi attualmente disponibili (incluso il "Australian Authentic ”) per il momento sono più che efficaci.



Related News

Feedback / suggerimenti