Le esportazioni di olive nere spagnole negli Stati Uniti sono dimezzate da quando sono state imposte le tariffe

Da quando le tariffe sono state imposte ad agosto 2018, i produttori e gli esportatori di olive spagnoli hanno perso oltre $ 50 milioni.

Settembre 18, 2019
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

I coltivatori e gli imballatori di olive in Spagna hanno perso € 45.5 milioni ($ 50.1 milioni) dal imposizione di dazi sulle esportazioni di olive nere dagli Stati Uniti l'anno scorso, secondo l'Associazione spagnola di esportatori e industriali di olive da tavola (Asemesa).

Leader in Spagna oliva da tavola l'associazione dei produttori ha affermato che il reddito previsto dalle esportazioni di olive nere negli Stati Uniti è diminuito di € 17 milioni ($ 18.7 milioni) tra gennaio e luglio 2019.Questo è avvenuto quando i produttori hanno spedito 8,325 tonnellate di olive nere negli Stati Uniti nella prima metà dell'anno, una diminuzione del 50 per cento rispetto allo stesso periodo del 2017.

Ci sono aziende che hanno perso quasi il 30 percento del loro fatturato.- Antonio de Mora, il segretario generale di Asemesa

Inoltre, si è verificata una perdita stimata di € 28.5 milioni ($ 31.4 milioni) tra agosto 2018, quando sono state imposte le tariffe, fino alla fine dell'anno.

Questa attività perduta sta colpendo tutti i tipi di produttori di olive, dalle piccole aziende agricole a conduzione familiare ai grandi imballatori industriali. Lo ha detto Antonio de Mora, il segretario generale di Asemesa Olive Oil Times che si prevede che le entrate perse continueranno ad accumularsi fino a quando tariffe rimanere al suo posto.

Vedi anche: Notizie sulle tariffe

"Data la bassa domanda di olive nere nella campagna passata, i prezzi delle varietà utilizzate per produrre olive nere sono scesi di oltre il 20% sul campo e quest'anno succederà lo stesso o più ", ha detto. "Ci sono aziende che hanno perso quasi il 30 percento del loro fatturato ".

Lontano dalle tariffe, Asemesa ha già speso € 5 milioni ($ 5.48 milioni) in spese legali e dovrebbe spendere altri € 2.5 milioni ($ 2.74 milioni) prima della fine del processo.

Il progetto Unione europea ha anche presentato un reclamo per conto dei produttori di olive all'Organizzazione mondiale del commercio ed è stato formato un pannello per verificare se esiste una base legittima per le tariffe.

De Mora ritiene che l'OMC alla fine si pronuncerà a favore dell'UE e dei produttori di olive spagnoli, sebbene questi processi generalmente richiedano molto tempo per svolgersi.

"Siamo fiduciosi che sarà così anche se si tratta di un processo lungo e complicato ", ha detto.

Il processo è stato fatto ancora più complicato dagli Stati Uniti, che ha bloccato la nomina di nuovi giudici all'organo sovranazionale, ritardando la procedura di audizione e giudicando i nuovi reclami a tempo indeterminato.

Prima dell'imposizione del dazio del 27%, la Spagna forniva agli Stati Uniti più di tre quarti delle importazioni di olive nere americane.

Questa la figura è caduta da allora a solo il 36 percento e ha creato un vuoto in cui sono entrati alcuni dei concorrenti esportatori di olive da tavola spagnoli.

Mentre le esportazioni spagnole sono state dimezzate, gli esportatori rivali hanno visto aumentare le loro esportazioni combinate negli Stati Uniti dell'260 percento. L'Egitto, il Marocco e il Portogallo hanno subito forti ostacoli da quando sono state imposte le tariffe.

Finora il Marocco è stato il più grande vincitore, con esportazioni in crescita del 460 percento. Nel frattempo, anche Portogallo ed Egitto hanno registrato aumenti del 189 percento e dell'149 percento, rispettivamente, nello stesso periodo di tempo.

De Mora ritiene che se le tariffe vengono invertite rapidamente, la Spagna sarà in grado di recuperare il terreno perduto. Tuttavia, se le tariffe aumentano, teme che il mercato statunitense potrebbe andare perso per i suddetti concorrenti.

"Se otteniamo [una sentenza favorevole] presto, sicuramente sì [la Spagna può recuperare la sua precedente quota di mercato], ma se le tariffe vengono mantenute sarà impossibile recuperare la posizione sul mercato ", ha affermato.

Tuttavia, i funzionari europei credono già che queste tariffe saranno difficili da invertire. All'inizio della settimana, Cecilia Malmström, la commissaria europea al commercio uscente, sembrava pessimista sulla possibilità di indurre gli Stati Uniti a ritirare le tariffe.

"Stiamo discutendo un modo per porre fine a queste tariffe con gli Stati Uniti, finora senza successo ”, ha detto al New Economy Forum di Madrid.

Nel frattempo, de Mora e altri nel settore olivicolo chiedono un maggiore sostegno da parte dell'UE e del governo spagnolo. Molti produttori stanno già cercando nuovi mercati per le loro olive nere, che è anche un processo lento.

"A breve e medio termine è impossibile [per i produttori trovare nuovi mercati per le loro olive] sebbene le aziende stiano facendo tutto il possibile per aumentare le loro vendite senza cadere in una guerra dei prezzi in altri mercati ", ha detto de Mora.

Ha aggiunto che il governo spagnolo e l'UE dovrebbero istituire un fondo per aiutare e compensare le perdite che sono già state subite dai produttori, cosa che non è ancora avvenuta.

"Non capiamo perché né l'UE né la Spagna ci stanno aiutando in questo ”, ha affermato de Mora.





Related News

Feedback / suggerimenti