Affari

TAP "Confidente" come telaio di prova, si prepara a ripiantare gli alberi sradicati

Il gasdotto Trans Adriatic ha dichiarato che la società è fiduciosa in vista del prossimo processo. La reimpianto degli ulivi in ​​questione nella sperimentazione dovrebbe iniziare a febbraio.

Olivi rimossi da TAP in attesa di essere ripiantati.
Gennaio 26, 2020
Di Julie Al-Zoubi
Olivi rimossi da TAP in attesa di essere ripiantati.

Notizie recenti

Vugar Veysalov, il capo degli affari esteri per il Gasdotto Trans Adriatico (TAP), ha detto Olive Oil Times la società avrebbe collaborato durante la sua prossima prova e rimase fiducioso che sarebbe stato ritenuto non colpevole sotto tutti gli aspetti.

La dichiarazione di Veysalov arriva mentre il TAP si prepara ad affrontare le accuse illegalmente sradicando ulivi e causando danni ambientali nella regione Puglia.

A febbraio TAP dovrebbe ricominciare a ripiantare gli ulivi nella loro posizione originale, a seguito di un'analisi che conferma che sono ancora liberi da Xylella.- Vugar Veysalov, capo degli affari esteri di TAP

"TAP è fiducioso nel dimostrare la correttezza, sotto tutti i punti di vista, del comportamento dell'azienda e dei suoi dirigenti ", ha affermato.

Olive Oil Times ha richiesto un aggiornamento sullo stato degli ulivi che TAP aveva sradicato per far posto al gasdotto - un'azione che ha scatenato proteste diffuse.

Guarda anche: Gasdotto Trans Adriatico

"A febbraio TAP dovrebbe ricominciare a ripiantare gli ulivi nella loro posizione originale, a seguito di un'analisi che conferma che sono ancora liberi da Xylella ", ha risposto Veysalov.

pubblicità

Le foto fornite dalla società sembrano mostrare che gli ulivi rimanenti sono in buone condizioni.

Veysalov ha aggiunto che il progetto ha interessato un totale di 2,109 ulivi e che 351 (16.6 per cento) degli alberi sono stati colpiti "conservato in loco ", mentre 1,189 (56.4%) sono stati temporaneamente trasferiti in un'area di stoccaggio.

Secondo Veysalov, 563 alberi (26.7 per cento) furono distrutti dopo "autorità fitosanitarie competenti ”hanno concluso di essere stati infettati Xylella fastidiosa e si dice che sei degli alberi sfortunati (0.3 per cento) abbiano "essiccato naturalmente "o "stato distrutto per caso. "

Veysalov ha ribadito le affermazioni fatte dalla società nel 2017 secondo cui il progetto TAP in Italia avrebbe avuto un impatto su circa 2,100 ulivi. A quel tempo la società ha negato le affermazioni fino a 10,000 ulivi verrebbero sradicati per far posto al controverso gasdotto.

La società ha insistito sul fatto che un massimo di 2,300 ulivi fossero stati destinati alla rimozione - un calcolo basato su 231 alberi che si trovavano nell'area del micro-tunnel del progetto più altri 2,000 che fiancheggiavano il percorso di otto chilometri (cinque miglia) dal micro -tunnel al terminale di ricezione della pipeline.

A quel tempo un portavoce della TAP ha ammesso, "la cifra di 10,000 è se includiamo la sezione Snam dal terminal di ricevimento del gasdotto TAP a Brindisi. ”

La compagnia desiderava sottolineare il proprio impegno nel prendersi cura dei sani ulivi e infine nel riportarli nei loro siti originali.

"Essere immagazzinato nella scuola materna assicura quel rischio di infezione da Xylella fastidiosa il batterio, che attualmente minaccia gli ulivi in ​​Italia, può essere prevenuto ", ha detto un rappresentante di TAP.

Veysalov ha confermato che l'incombente caso giudiziario non ha fermato i lavori sulla conduttura. "I lavori onshore e offshore continuano in linea con il programma del progetto ", ha affermato.

Secondo quanto riferito, la costruzione della pipeline è nei tempi previsti. Veysalov ha aggiunto che il 91 percento delle fasi di ingegneria, approvvigionamento e costruzione erano state completate entro la fine di dicembre 2019.

Il novantanove percento delle tubazioni tra Grecia, Albania e Italia è interrato e il ripristino lungo il percorso è completo al 99 percento.


Related News