Girando le pietre d'ulivo in mobili decorativi

Paninos, una società con sede nel sud della Spagna, prende ciò che tradizionalmente è stato un sottoprodotto della produzione di olio d'oliva e lo ha trasformato in un flusso di entrate aggiuntivo.

Foto per gentile concessione di Paninos.
Gennaio 7, 2019
Di Rosa Gonzalez-Lamas
Foto per gentile concessione di Paninos.

Notizie recenti

In una piccola città nel cuore della campagna olivicola spagnola, un sottoprodotto secolare sta trovando un uso nuovo di zecca.

Paninos, che ha sede a Benamejí, Córdoba, ha lanciato un'iniziativa per utilizzare le pietre d'oliva in modi nuovi e innovativi. L'azienda prende queste pietre e le trasforma in mobili, compresi i ripiani del bagno e della cucina, tra le altre cose.

Le nuove applicazioni contribuirebbero inoltre allo sviluppo imprenditoriale e alla creazione di più posti di lavoro nell'ambiente rurale dell'Andalusia.- Francisco Arjona, Paninos

La Spagna è responsabile di quasi la metà della produzione mondiale di pietra d'oliva. Durante l'anno di raccolta 2018 - 19, il paese avrebbe dovuto produrre quasi 800,000 tonnellate di sottoprodotto, la maggior parte delle quali è attualmente bruciata come biomassa.

Il progetto è iniziato nel 2013 con l'obiettivo principale di cercare nuovi usi per questi noccioli di oliva, in modo che possano essere trasformati da un prodotto di scarto in un flusso aggiuntivo di entrate per olivicoltori e produttori di olio.

"Le nuove applicazioni contribuirebbero anche allo sviluppo imprenditoriale e alla creazione di più posti di lavoro nell'ambiente rurale dell'Andalusia ", ha detto Francisco Arjona, l'innovatore di questi rivestimenti a base di pietra olivastra Olive Oil Times.

Arjona è un architetto tecnico e conosce bene il settore dell'olio d'oliva. Lavora per due aziende che producono, trasformano e vendono noccioli di olio d'oliva, sia per biomasse che da utilizzare in altri processi industriali, come la produzione di cosmetici e biocompositi. Juan Cabello, un falegname, ha lavorato con Arjona allo sviluppo del prodotto.

La creazione dei rivestimenti in pietra d'oliva Paninos è stata il risultato di un lungo processo iniziato con il tentativo di attaccare le pietre d'oliva frantumate al legno. Una volta ottenuto un materiale simile al rivestimento attuale, gli inventori hanno capito la sua unicità, versatilità e potenziale estetico per la decorazione. Le pietre frantumate hanno molte possibilità in termini di texture e design. Il materiale è anche sostenibile, durevole e rinnovabile.

"Quello che facciamo è spargere noccioli di oliva frantumati su un pannello su cui è stata precedentemente applicata la resina ", ha detto Arjona. "Una volta aderite le pietre, il materiale viene carteggiato e la superficie risultante viene ricoperta con uno stucco di farina di nocciolo di olivo. Il materiale viene quindi nuovamente levigato e rivestito con una vernice trasparente ".

Uno dei vantaggi del materiale è che consente una grande varietà di colori e design. Oltre a tavoli, banconi della cucina o del bagno, Paninos utilizza anche pietre d'oliva per creare porte, cornici, pannelli a parete, piani di lavoro e altri prodotti.

Secondo Arjona, i rivestimenti hanno un prezzo molto competitivo, considerando quanto sono unici e versatili. Lui e Cabello lavorano principalmente con pietre delle varietà di olive Arbequina, Hojiblanca e Picual, sebbene Arjona abbia sottolineato che la varietà dell'oliva impiegata è irrilevante per il prodotto finale.

Nel 2018 Paninos ha ottenuto un brevetto europeo per questo materiale. A gennaio 2019 la società si unirà allo stand spagnolo ICEX-Exports and Investments alla fiera Maison & Objet, che si tiene a Parigi, per mostrare i propri prodotti a potenziali acquisti da tutto il mondo.

Paninos sta anche lavorando allo sviluppo di nuovi e diversi tipi di prodotti legati alle pietre di ulivo.





Related News

Feedback / suggerimenti