I produttori portoghesi continuano a dimostrare qualità alla competizione mondiale

Nonostante una resa inferiore nel 2020, i coltivatori portoghesi hanno prodotto olio di alta qualità e hanno battuto il loro successo nella competizione dell'anno precedente.
Foto: Monterosa
Giu. 21, 2021
Clarissa Joshua

Notizie recenti

Parte della nostra continuazione copertura speciale di 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.


I produttori portoghesi di olio d'oliva hanno portato a casa 38 premi al 2021 NYIOOC World Olive Oil Competition, sei in più rispetto all'anno precedente e quattro in meno rispetto al record del 2019.

Il successo è arrivato nonostante il fatto che molti olivicoltori siano entrati in un anno libero, la flessione ciclica della produzione che segue un raccolto eccezionale. portoghese la produzione ha raggiunto le 100,000 tonnellate nell'annata agricola 2020/21, in calo rispetto al raccolto record nel 2019/20 in cui il Paese iberico prodotto 140,500 tonnellate.

Per noi è molto speciale vincere un premio a New York perché uno dei motivi che ci ha fatto decidere di scommettere davvero sulla vendita del nostro olio d'oliva con il nostro marchio è stato il primo Gold Award vinto da Olmais nel 2016.- Julio Alves, comproprietario, Quinta dos Olmais

Tuttavia, il calo della produzione non ha avuto alcun impatto sulla qualità, con il 95 percento dell'olio prodotto che dovrebbe soddisfare gli standard dell'olio d'oliva vergine ed extra vergine.

Produttori in Portogallo sfide affrontate relativo al Pandemia di covid-19, come le loro controparti della regione mediterranea.

Tuttavia, la alta densità i coltivatori che utilizzano macchine non sono stati in gran parte colpiti dalla carenza di manodopera al momento del raccolto, ma le esportazioni e le vendite interne sono crollate a causa di due blocchi che hanno costretto a chiudere i settori della ristorazione e dell'ospitalità.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dal Portogallo

Sebbene si sia verificato un leggero aumento dei consumi delle famiglie, ciò ha beneficiato principalmente i produttori più grandi, sebbene alcuni produttori più piccoli abbiano comunque registrato una crescita positiva.

Sovena è tra i produttori portoghesi che negli ultimi tre anni hanno riscosso un successo costante nel più prestigioso concorso mondiale di qualità dell'olio d'oliva.

"Per Sovena e per il marchio Oliveira da Serra è un grande onore ricevere tre Gold Awards", ha detto un portavoce Olive Oil Times. L'attenzione di Sovena alla qualità e alla conservazione della natura insieme allo sviluppo sostenibile è la chiave del successo dell'azienda, ha aggiunto.

"Ma il nostro successo è anche legato alle nostre persone che, ogni giorno, cercano di produrre il miglior olio d'oliva del mondo, scegliendo le olive migliori, selezionando i lotti migliori e rispondendo alle esigenze e alle preferenze dei consumatori ", ha affermato il portavoce.

Monterosa ha anche un forte track record al NYIOOC ed è riuscito a portare a casa un Gold e due Silver Awards nel 2021. Il loro Picual ha ottenuto l'oro dal 2015.

profili-concorsi-europei-i-migliori-oli-di-oliva-produttori-portoghesi-del-mondo-continua-a-dimostrare-la-qualità-al-concorso-mondiale-tempi-di-oliva

Foto: Monterosa

"È una sensazione meravigliosa [vincere] anno dopo anno", ha detto António Duarte, un rappresentante di vendita dell'aziendo olive oil Times. "Il riconoscimento di tutto il duro lavoro che mettiamo nella produzione dei nostri oli e genera interesse anche da parte dei clienti”.

"Uno degli oli è prodotto da una varietà di olive regionale, Maçanilha de Tavira, e combiniamo un metodo di produzione tradizionale con la tecnologia moderna per produrre i nostri oli ", ha aggiunto.

Tuttavia, Duarte ha affermato che il successo per l'azienda non è avvenuto senza difficoltà.

"L'anno scorso in Portogallo è stato un anno con rese molto basse e condizioni climatiche insolite", ha affermato. "Un giorno era ancora presto e tre giorni dopo era già un po' tardi. La maturazione dei frutti è avvenuta molto rapidamente e abbiamo dovuto stare molto attenti nel decidere quando raccogliere”.

La pandemia di Covid-19 ha anche rappresentato molte sfide per il Monterosa, poiché i due blocchi del Paese hanno messo a dura prova il settore dell'ospitalità.

"Essendo in un paese mediterraneo dove il consumo di olio d'oliva per persona è elevato, l'impatto, fortunatamente, non è stato così grave come con altri settori di attività come turismo", ha detto Duarte. "Ma abbiamo avuto tutti difficoltà a vendere i nostri prodotti perché ristoranti e hotel hanno dovuto chiudere durante due blocchi, quindi questo ha avuto ancora un grande impatto”.

cibi nudi ha anche sentito l'impatto della pandemia, e Rui Abecassis, il comproprietario dell'azienda, ha detto Olive Oil Times hanno avuto a che fare con "scarsità di carta e ritardi delle stampanti, costi di trasporto alle stelle e un tasso di cambio sfavorevole”.

profili-concorsi-europei-i-migliori-oli-di-oliva-produttori-portoghesi-del-mondo-continua-a-dimostrare-la-qualità-al-concorso-mondiale-tempi-di-oliva

Foto: cibi nudi

Tuttavia, potrebbero ancora produrre olio di alta qualità e il loro marchio Bare Superior ha vinto l'oro per tre anni consecutivi al at NYIOOC, anche nel 2021.

I produttori hanno detto che NYIOOC record aiuta ad attirare l'attenzione e ricorda ai clienti che stanno producendo alcuni dei migliori olio extra vergine di oliva al mondo.

Inoltre, il marchio Bare è facilmente disponibile negli Stati Uniti.

"ne vedi un sacco oli extra vergini di oliva importati negli USA ma molto pochi dal Portogallo", ha detto Abecassis. "L'olio extra vergine di oliva Bare e Bare Superior si trovano in circa 500 punti vendita al dettaglio negli Stati Uniti, il che lo rende l'olio extra vergine di oliva portoghese meglio distribuito negli Stati Uniti "

Segredos do Côa è un altro produttore portoghese pluripremiato in diversi anni. Il produttore di Duoro guadagnato un Gold Award per il quarto anno consecutivo nel NYIOOC.

"È un piacere partecipare a un concorso così riconosciuto", ha affermato il proprietario Aníbal Soares. "Siamo estremamente orgogliosi del nostro marchio... Si aggiunge al nome dell'azienda e alla continua crescita e dimostra la qualità dei nostri prodotti”.

"I principali fattori che differenziano il nostro olio d'oliva è il fatto che sia un extra vergine 'Azeite de Quinta' da uliveti centenari, una cultura tradizionale, non intensiva e non irrigua", ha aggiunto. "Suoli scistosi collinari e olive appena raccolte a mano, in uno stato di corretta maturazione, danno origine a questo puro succo.”

Segredos do Côa ha affrontato molte sfide relative al clima nel 2020, soprattutto perché i loro uliveti sono biologici e raccolti a mano. La pandemia di Covid-19 ha anche danneggiato la capacità dell'azienda di commercializzare i suoi prodotti.

"Come tutti sappiamo, la pandemia ha colpito tutti in generale", ha detto Soares. "Il nostro concetto in particolare – Farm-to-Table – ha influenzato le nostre vendite, poiché ristoranti e hotel in Portogallo sono stati praticamente chiusi per circa 10 mesi”.

Situato non troppo lontano a nord-est di Duoro, Quinta dos Olmais è di proprietà della famiglia Gomes Alves, e loro olio extra vergine di oliva biologico ha vinto due Gold e due Silver Awards da quando ha partecipato al concorso nel 2016.

profili-concorsi-europei-i-migliori-oli-di-oliva-produttori-portoghesi-del-mondo-continua-a-dimostrare-la-qualità-al-concorso-mondiale-tempi-di-oliva

Foto: Quinta dos Olmais

Quest'anno, il produttore di Trás-os-Montes guadagnato un Silver Award per il suo terreno organico Cobrancosa.

"Per noi è molto speciale vincere un premio a New York perché uno dei motivi che ci ha fatto decidere di scommettere davvero sulla vendita del nostro olio d'oliva con il nostro marchio è stato il primo Gold Award vinto da Olmais nel 2016", il comproprietario Julio Alves ha detto Olive Oil Times. "Quella vittoria è stata la nostra prima vera e ci ha motivato più di ogni altra cosa; ci ha davvero indicato la strada.”

Alves ha detto che ciò che distingue Quinta dos Olmais è il profilo floreale verde fresco ed equilibrato dell'olio, che, insieme alla sua lieve amarezza e piccantezza, lo rende "l'olio d'oliva gastronomico perfetto.”

Ha aggiunto che il retroscena dell'azienda aiuta anche il marchio a distinguersi nel mercato competitivo dell'olio extra vergine di oliva di fascia alta.

"Abbiamo iniziato questo progetto nel 2010, abbiamo recuperato alcuni uliveti abbandonati, li abbiamo convertiti all'agricoltura biologica, abbiamo ottenuto la certificazione e poi nel 2016 abbiamo iniziato a imbottigliare e commercializzare il nostro olio d'oliva con il nostro marchio ", ha affermato Alves. "Due anni fa, la nostra azienda ha vinto il Premio Nazionale per l'Agricoltura”.

Le maggiori sfide che Quinta dos Olmais ha dovuto affrontare lo scorso anno sono state dovute alla pandemia e alle difficili condizioni climatiche. I produttori avevano una cronica mancanza di forza lavoro e le vendite ai settori dell'ospitalità e della ristorazione hanno subito un duro colpo, insieme a un altro anno secco.

Però, i mosca di frutta d'oliva gli attacchi sono stati meno numerosi e, nonostante i problemi, il 2021 sembra essere un anno promettente per i produttori.

"Con molto lavoro e distributori straordinari, ci siamo ripresi da quel colpo e abbiamo chiuso l'anno con una crescita positiva", ha affermato Alves.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti