L'olio d'oliva scorre attraverso l'esposizione dell'alimento di estate

C'erano aziende 270 che vendevano olio d'oliva al Summer Fancy Food show annuale della Specialty Food Association a New York.

Thomas Sheridan, DiAlfredo Foods
Giu. 5, 2017
Di Joanne Drawbaugh
Thomas Sheridan, DiAlfredo Foods

Notizie recenti

La Speciality Food Association ha tenuto il suo Summer Fancy Food Show da domenica 25 giugnoth a martedì 27 giugnoth al Jacob K. Javits Convention Center di New York City. Fondata nel 1952, l'Associazione si fa chiamare "una fiorente comunità di artigiani del cibo, fornitori, importatori e imprenditori che apportano artigianato, cura e gioia ai cibi distintivi che vendono. "

Lo spettacolo estivo annuale comprende il più vasto evento di specialità alimentari e bevande del Nord America, che collega consumatori e venditori con oltre 180,000 offerte di prodotti da espositori 2,400 provenienti da paesi e regioni 50, secondo i suoi organizzatori. Quest'anno, il catalogo degli espositori ha elencato all'incirca le aziende 270 che offrivano olio d'oliva.

L'atmosfera generale tra questi espositori di olio d'oliva si è dimostrata ottimista e ottimista per il continuo potenziale del settore. Alcuni, come Thomas Sheridan di DiAlfredo Foods, sono venuti alla fiera per la prima volta con l'intenzione di stabilire nuove connessioni commerciali, soprattutto con punti vendita che rivendicano un ampio portafoglio di negozi regionali.

Thomas Sheridan, DiAlfredo Foods

Altri, come i rappresentanti dell'Argentina Olive Group, speravano di continuare a promuovere le fiorenti capacità produttive dei loro paesi. Julian Clusellas è stato in grado di vantarsi che le sue fattorie hanno aumentato i raccolti dai quattro milioni di chili dell'anno precedente ai quindici milioni di quest'anno.

Mentre Clusellas ha spiegato che prevede di vendere la maggior parte di questo raccolto alla rinfusa negli Stati Uniti, dove gli acquirenti hanno trovato la sua qualità e prezzi competitivi, ha detto che vende anche circa 50,000 litri ogni anno con il marchio Valle de la Puerta a livello nazionale in Argentina e ai mercati della Cina occidentale. Il rappresentante argentino Francisco Gobbee ha ulteriormente elaborato che l'Argentina ha ampie risorse naturali per espandere la sua produzione, che vanno da più terra a capacità di irrigazione.

Una serie di produttori tunisini sono stati rappresentati in fiera per continuare a promuovere l'impegno del loro paese a imbottigliare EVOO di calibro sempre più elevato.

I rappresentanti del California Olive Oil Council hanno rivolto lo sguardo alla promozione dell'istruzione per aiutare a costruire un mercato di consumatori più istruiti negli Stati Uniti. Hanno affermato che la domanda è in aumento e, per trarre vantaggio da questa tendenza, l'organizzazione sta lavorando a una serie di eventi per i consumatori. Aumenta anche l'appartenenza al consiglio, che l'organizzazione intende collaborare con persone di grande successo ""California Grown" coalizione.

La direttrice esecutiva Patricia Darragh ha osservato che i coltivatori della California stanno riuscendo a soddisfare una domanda crescente grazie ai progressi nelle tecnologie agricole, che hanno permesso agli ulivi di iniziare a produrre raccolti sostanziosi in appena due anni dalla semina. Darragh ha spiegato che vorrebbe vedere più impianti, anche se ha riconosciuto la tendenza tra i maggiori produttori che hanno preso ad aumentare la loro produzione crescente ma limitata con le importazioni per soddisfare le esigenze interne. Attualmente, la California produce circa quattro milioni di litri di olio d'oliva all'anno.

Dewey Lucero, proprietario del marchio di olio d'oliva della California Wild Groves, incarna il successo che le aziende californiane hanno goduto negli ultimi anni. Originario di Corning, in California, Lucero ha avviato la sua prima compagnia di olio d'oliva con un prestito di $ 50,000 dai suoi genitori nel 2005. Dopo aver collaborato con una società più grande, è stato presto in grado di vendere la sua quota e iniziare una nuova operazione da solista, insieme ad alcuni dei coltivatori dal suo progetto originale. Durante tutto il processo, ha imparato l'importanza di entrare in contatto con i consumatori, rimanere realistici e essere pazienti.


Sebbene ogni espositore di olio d'oliva abbia esaltato la sua sincera convinzione nel futuro dell'industria dell'olio d'oliva, molti hanno fatto eco alle stesse preoccupazioni. C'era speranza per una riforma delle pratiche di etichettatura, che attualmente richiedono che le bottiglie mostrino i paesi di origine del loro contenuto, ma non forniscono alcun metodo per descrivere le proporzioni. Molti hanno citato l'educazione dei consumatori come mezzo per favorire questo problema fino a quando non saranno introdotte ulteriori normative.

Produttori come Brenda e Nick Wilkinson del marchio di olio d'oliva sudafricano Rio Largo hanno lodato la convenzione per aver riunito un ampio gruppo di società di olio d'oliva che si sono distinte per il loro "autenticità ”e devozione ai loro prodotti.



pubblicità

Related News