I ricercatori identificano i principali tipi di frode all'olio d'oliva, propongono soluzioni

Una revisione scientifica ha identificato i tipi più diffusi di frode all'olio d'oliva e ha proposto contromisure tra cui una maggiore cooperazione tra gli organismi di regolamentazione.
Aprile 1, 2021
Costas Vasilopoulos

Notizie recenti

L'alto valore economico dell'olio extravergine di oliva e l'acclamazione come prodotto salutare lo hanno reso un obiettivo popolare di frode, hanno affermato in una revisione congiunta ricercatori di diverse università e istituzioni europee.

Insieme ad altri prodotti alimentari, tra cui pesce, latte, carne, cereali, miele, caffè, vino e spezie, l'olio d'oliva è spesso oggetto di varie pratiche illecite nell'Unione europea.

Il livello di attenzione e l'elevata richiesta in termini di controlli di conformità hanno attualmente migliorato la qualità dell'olio d'oliva venduto sul mercato negli ultimi 30 anni.- Enrico Valli, ricercatore in scienze alimentari, Università di Bologna

I ricercatori hanno esaminato le tendenze emergenti in frodi di olio d'oliva nell'UE e in altri paesi nell'ambito della Commissione europea Programma Oleum.

Vedi anche: L'olio d'oliva del dottor Gundry: controverso lanciatore spaccia una dose di inganno

I ricercatori hanno raccolto dati dal Centro comune di ricerca (JRC), dal servizio scientifico interno della Commissione europea e da diversi database sulle frodi alimentari, come il sistema RASFF dell'UE. Hanno anche inviato sondaggi a professionisti e altri membri del settore dell'olio d'oliva.

Tra settembre 2016 e dicembre 2019, il JRC ha registrato 32 casi di frode nell'industria globale dell'olio d'oliva.

  • Sedici dei casi riguardavano la sostituzione dell'olio d'oliva con altri oli.
  • Undici casi riguardavano l'etichettatura errata degli oli d'oliva.
  • Quattro casi riguardavano il falso uso di un indicatore geografico.
  • Cinque casi riguardavano la distribuzione di prodotti contraffatti.
  • Sei relativi alla diluizione degli oli di oliva con altri oli o gradi inferiori.
  • Un caso riguardava il furto.

Venti dei 32 casi si sono verificati in Europa. Le pratiche di infrazione più comuni sono state la commercializzazione dell'olio d'oliva vergine come extra vergine e la vendita di oli d'oliva e vegetali misti come olio d'oliva puro.

I ricercatori hanno anche chiarito che il numero di casi registrati era superiore agli episodi di frode effettivi poiché un incidente può appartenere a due diverse categorie di violazione. Ad esempio, l'olio di semi venduto come olio extravergine di oliva è considerato sia un caso di etichettatura errata che di frode sostitutiva.

Nei paesi al di fuori dell'UE, la frode dell'olio d'oliva includeva solitamente la diluizione e la sostituzione degli oli. Ad esempio, in Brasile, il miscelazione di olio d'oliva con lampante o olio di soia era la pratica fraudolenta più comune.

Ulteriori esempi di frode identificati dal rapporto includevano un incidente del 2017 in cui solo sei dei 35 oli extra vergini di oliva campionati venduti nei supermercati danesi erano extravergine.

In Grecia, invece, il la polizia ha arrestato sette persone e li ha incaricati di aggiungere colorante verde all'olio di girasole e di commercializzarlo come olio d'oliva.

In Spagna, il mondo la più grande cooperativa di olio d'oliva è stata multata nel 2018 per non aver pagato le tariffe sull'olio d'oliva importato dalla Tunisia, che è stato poi miscelato con olio d'oliva di qualità inferiore ed esportato negli Stati Uniti come olio d'oliva vergine.

Lo stesso anno, un questionario indirizzato ai membri della rete europea di frode alimentare che opera nei 28 Stati membri, Svizzera, Norvegia e Islanda, ha chiesto informazioni su incidenti di frode comuni ed emergenti nel settore dell'olio d'oliva.

Le risposte hanno rivelato che negli ultimi 12 mesi non erano stati registrati casi di frode in otto paesi.

Vedi anche: I controlli di qualità in Europa necessitano di miglioramenti, risultati di studi

Nel resto dei paesi, le pratiche fraudolente più comunemente segnalate includevano la miscelazione o la commercializzazione di olio d'oliva vergine o extravergine con oli d'oliva di qualità inferiore. Sono stati segnalati meno frequentemente casi di miscelazione di olio d'oliva con oli raffinati e deodorati delicati.

A parte la natura ingannevole della frode stessa, raramente ci sono problemi di salute per i consumatori quando l'olio d'oliva viene mescolato con oli vegetali, hanno osservato i ricercatori.

Tuttavia, ci sono stati casi - in particolare, la sindrome dell'olio tossico spagnolo nel 1981 - in cui l'olio di colza non commestibile veniva venduto come olio di colza commestibile o olio d'oliva. Il consumo di olio di colza non commestibile ha causato una grave condizione muscolo-scheletrica in quasi 20,000 persone e ha provocato 300 morti.

Uno dei principali fattori che portano alla frode dell'olio d'oliva identificati dai ricercatori è il divario di prezzo esistente tra l'olio extravergine di oliva e l'olio d'oliva vergine e tra gli oli extra vergini di oliva, a seconda del luogo di origine.

Un altro fattore identificato nella relazione è la qualità relativamente elevata degli oli di oliva vergini e lampanti prodotti nell'UE, che li rende più facili da miscelare con gli oli extra vergini di oliva e da vendere in modo molto redditizio come extravergine.

I ricercatori hanno inoltre sottolineato che, nonostante i casi di pratiche fraudolente nel settore dell'olio d'oliva, il quadro normativo e di controllo esistente dell'UE risulta notevolmente migliorato qualità dell'olio d'oliva e questo deve essere comunicato ai consumatori.

"Il livello di attenzione e l'elevata richiesta in termini di controlli di conformità hanno attualmente migliorato la qualità dell'olio d'oliva venduto sul mercato negli ultimi 30 anni ", Enrico Valli, ricercatore presso il dipartimento di scienze agrarie e alimentari dell'Università di Bologna, detto Olive Oil Times.

"D'altra parte, i risultati evidenziati in questo articolo scientifico, incrociati con le risposte ottenute dai questionari, indicano che per garantire al meglio la qualità e l'autenticità dell'olio d'oliva, c'è ancora la necessità di migliorare i controlli di conformità, ridurre i casi di disaccordo nel classificazioni, sviluppare migliorato metodi analitici robusti e strumenti di screening di supporto, nel tentativo di cercare di essere un passo avanti rispetto ai truffatori ", ha aggiunto.

I ricercatori hanno concluso che per garantire meglio la qualità e l'autenticità dell'olio d'oliva, l'Unione europea, il Consiglio oleicolo internazionale e altri gli organismi di regolamentazione dovrebbero collaborare più strettamente.

Il rapporto raccomandava di proporre una strategia comune per riunire dati sensoriali e strumentali e aumentare la competenza e la cooperazione di pannelli sensoriali.





Related News

Feedback / suggerimenti