Quando l'olio d'oliva perde la sua verginità?

A differenza del vino, l'olio d'oliva non migliora con il tempo. E mentre molti potrebbero chiedersi per quanto tempo un olio extravergine di oliva rimarrà extravergine, ci sono troppe parti in movimento per una risposta semplice.

Febbraio 20, 2017
A cura di Liliana Scarafia - Agbiolab

Notizie recenti

Quanto dura un olio extra vergine di oliva in questo modo?

Questa domanda viene posta per la prima volta dai produttori di olio d'oliva che verrebbero visualizzati 'Best By Date 'sulla loro etichetta. E poi, da rivenditori e acquirenti (consumatori inclusi) che vorrebbero anche avere una risposta ragionevole.

Bene, come al solito, la risposta è: dipende. E provoca costernazione in tutti che non esiste una risposta semplice e diretta.

Innanzitutto, come ben sappiamo, gli oli di oliva sono molto diversi. Il loro contenuto di antiossidanti, solitamente misurato come polifenoli, varia notevolmente da un olio all'altro, fino a due o tre volte. Questi polifenoli non sono solo benefico per la salute umana, contribuiscono anche alla durata di conservazione più lunga di un olio.

Ci sono anche 'filtrata "e '"oli di oliva non filtrati" sul mercato, con i sostenitori dell'uno o dell'altro che discutono incessantemente sui loro meriti. La filtrazione rimuove l'acqua di vegetazione residua dall'olio, così come eventuali sedimenti fini rimasti dal frutto dell'olivo. Questi due elementi sono generalmente associati 'freschezza 'degli oli che vengono venduti come Olio Nuovo. Tuttavia, se l'acqua o il sedimento vengono lasciati a contatto con l'olio, in breve tempo la qualità dell'olio ne risentirà. Ecco perché Olio Nuovo è pensato per essere consumato subito dopo la raccolta: entro tre-sei mesi al massimo.

Tuttavia, se lo stesso olio fosse stato "travasato ", causando nel tempo particelle fini di sedimenti dall'olio, o meglio ancora, "filtrato ”, lo stesso olio può sostenere la sua extravergine molto probabilmente per un anno o due.

In secondo luogo, le condizioni di conservazione, nel magazzino, sullo scaffale del negozio o nella dispensa della cucina, ridurranno la durata di vita dello stato extravergine di un olio d'oliva. Due dei principali colpevoli sono l'esposizione alla luce, specialmente se l'olio d'oliva è in una bottiglia trasparente, e l'esposizione a temperature superiori a 70 gradi Fahrenheit.

Ma un fattore scatenante principale del decadimento della qualità è il contatto con l'aria, che si traduce in ossidazione.

Quindi, in base alla ricerca scientifica e alle osservazioni nel nostro laboratorio, quali sono le stime per la migliore data di scadenza per un olio d'oliva?

  • Olio Nuovo, non filtrato o non travasato: da 3 a 6 mesi
  • Olio a basso contenuto di polifenoli, filtrato o travasato: da 1 a 2 anni. Tuttavia, se esposto all'aria, alla luce o ad alta temperatura, la sua durata può essere ridotta tra i 6 ei 12 mesi.
  • Alto contenuto di polifenoli, oli filtrati: da 18 mesi a 3 anni. Ma, se esposto a temperature elevate, la sua vita può essere ridotta a 6 mesi.

In conclusione, non lasciamoci fuorviare da Best By Dates eccessivamente promettenti se il contenitore non offre indizi sul contenuto di polifenoli nell'olio.

Consumare olio non filtrato subito dopo la data di raccolta. E segui il consiglio di conservare l'olio in un luogo fresco e buio. Una volta aperto, utilizzare subito l'olio. Non acquistare brocche grandi che non verranno consumate entro poche settimane dall'apertura. E, ovviamente, l'olio deve essere un buon olio per cominciare, al mulino.



Liliana Scarafia è preside di Agbiolab, un laboratorio indipendente che aiuta gli olivicoltori, i frantoi e i gestori a produrre olio d'oliva di qualità.
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti