Salute

Confrontando l'effetto ipolipemizzante di EVOO e statine nel diabete tipo 2

Consumo giornaliero di extra virgin l'olio d'oliva migliora il colesterolo senza gli effetti collaterali associati alle statine.

Agosto 21, 2017
Di Mary West

Notizie recenti

Un nuovo studio ha confrontato l'efficacia dell'olio extra vergine di oliva (EVOO) e una statina nel ridurre i lipidi nelle persone con diabete di tipo 2. Mentre il farmaco ha ridotto i lipidi un po 'più di EVOO, viene fornito con una serie di effetti collaterali, alcuni dei quali sono gravi. Al contrario, EVOO ha una serie di benefici collaterali, come abbassare la pressione sanguigna e prevenire i coaguli di sangue, entrambi i quali possono aiutare a prevenire malattia del cuore.

Poiché l'infiammazione svolge un ruolo nello sviluppo delle malattie cardiache e di molte altre malattie croniche, l'assunzione giornaliera di olio d'oliva può aiutare a prevenire queste condizioni.- Jonny Bowden, coautore di The Great Cholesterol Myth

Il diabete mellito provoca spesso livelli lipidici anomali chiamati dislipidemia, una condizione che consiste in livelli elevati di trigliceridi, colesterolo totale e lipoproteine ​​a bassa densità (LDL), note come colesterolo cattivo. L'anomalia comporta anche bassi livelli di lipoproteine ​​ad alta densità (HDL), note come colesterolo buono. Questo effetto avverso sui lipidi può portare a complicanze microvascolari del diabete come la neuropatia e la retinopatia.

Le persone con dislipidemia hanno spesso livelli di trigliceridi superiori a 200 mg / dL, colesterolo totale maggiore di 200 mg / dL e livelli di LDL superiori a 130 mg / dL. I loro livelli di HDL sono spesso inferiori a 40 mg / dL negli uomini e 50 mg / dL nelle donne. Queste letture sono significative perché un LDL elevato aumenta il rischio di malattia coronarica, mentre un HDL elevato riduce il rischio.

Le statine sono comunemente prescritte per ridurre i lipidi nei pazienti con dislipidemia e una delle più popolari è l'atorvastatina. Sfortunatamente, le statine causano dolore muscolare, danni al fegato e altri problemi di salute.

EVOO ha proprietà che migliorano il colesterolo senza nessuna delle reazioni avverse associate alle statine. Riduce i trigliceridi, il colesterolo totale e l'LDL e aumenta l'HDL. Si ritiene che questi benefici siano dovuti al contenuto di grassi monosaturi e antiossidanti dell'olio, costituenti alimentari che aiutano a prevenire le arterie ostruite.

pubblicità

Nel nuovo studio clinico randomizzato controllato pubblicato nel Journal of Ayub Medical College, Abbottabad, i ricercatori hanno confrontato gli effetti di atorvastatina ed EVOO sul colesterolo. Hanno diviso un gruppo di 60 pazienti con diabete di tipo 2 e dislipidemia in due gruppi; uno dei quali ha assunto 40 mg di atorvastatina al giorno e l'altro ha assunto due cucchiai di EVOO al giorno.

Tra coloro che hanno assunto l'atorvastatina, le differenze medie di trigliceridi, colesterolo totale, LDL e HDL sono state rispettivamente 104, 110, 67 e 4. In quelli che hanno preso l'EVOO, i valori erano 46, 43, 31 e 3. Questi risultati hanno rivelato che l'atorvastatina ha abbassato i trigliceridi, il colesterolo totale e l'LDL da 20 a 40 percento, mentre EVOO ha abbassato questi parametri da 14 a 25 percento. Inoltre, l'atorvastatina ha aumentato i livelli di HDL da 9 a 16 percento e EVOO li ha aumentati di 8 a 12 percento.

Le statine salvano davvero vite e il colesterolo è davvero una minaccia per la salute? Jonny Bowden, nutrizionista certificato e coautore di The Great Cholesterol Myth, racconta Olive Oil Times che queste credenze diffuse sono in errore.

"Le statine hanno effetti collaterali enormi e sono ampiamente sottostimate. Inoltre, i dati degli studi non forniscono prove che i farmaci proteggano dalle malattie cardiache e prolunghino la vita.

"D'altra parte, l'olio d'oliva è immensamente salutare. Ha proprietà antinfiammatorie, un vantaggio importante per molte funzioni del corpo. Poiché l'infiammazione svolge un ruolo nello sviluppo delle malattie cardiache e di molte altre malattie croniche, l'assunzione giornaliera di olio d'oliva può aiutare a prevenire queste condizioni.

"Un'altra opinione comune secondo cui recenti studi si sono dimostrati errati è che ridurre il colesterolo è sinonimo di riduzione del rischio di malattie cardiache. La ricerca peer-reviewed non mostra alcuna associazione di grassi saturi con la malattia. In effetti, in uno studio di Framingham, le persone con il colesterolo più alto hanno vissuto più a lungo ”.



Related News