Consumare mezzo cucchiaio di olio d'oliva al giorno migliora la salute del cuore, suggerisce lo studio

Mangiare più di mezzo cucchiaio al giorno di olio d'oliva potrebbe ridurre il rischio di infarto del 20 percento, affermano i ricercatori della TH Chan School of Public Health di Harvard.

Marzo 11, 2020
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

I risultati di un nuovo studio che mostra i benefici dell'olio d'oliva per migliorare la salute del cuore tra una popolazione degli Stati Uniti sono stati recentemente presentati alla sessione scientifica sullo stile di vita e sulla salute cardiometabolica dell'American Heart Association (AHA).

Tutti i tipi di olio d'oliva sono una buona fonte di acidi grassi monoinsaturi e il consumo totale di olio d'oliva è stato associato a un minor rischio di CVD nel nostro studio.- Marta Guasch-Ferre, TH Chan School of Public Health

È stato il primo studio a concentrarsi specificamente sulla popolazione statunitense. La ricerca precedente sui benefici per la salute del cuore dell'olio d'oliva era stata incentrata sulle popolazioni mediterranee ed europee.

Dopo aver analizzato trent'anni di dati, il team di ricerca ha concluso che mangiare più di mezzo cucchiaio di olio d'oliva al giorno potrebbe ridurre il rischio di infarto del 20 percento, ridurre il rischio di malattia cardiovascolare (CVD) del 15 percento e riduce il rischio di malattia coronarica (CHD) del 21 percento.

Vedi anche: Notizie sulla salute dell'olio d'oliva

Marta Guasch-Ferre, autrice principale dello studio e ricercatrice nutrizionale presso la TH Chan School of Public Health di Harvard, ha detto Olive Oil Times che i risultati non sono stati una grande sorpresa a causa della crescente evidenza che l'olio d'oliva era collegato a un rischio ridotto di CVD.

"Ci aspettavamo di trovare il benefici del consumo di olio d'oliva. Tuttavia, la maggior parte degli studi precedenti ha mostrato queste associazioni nelle popolazioni mediterranee ed europee, ma nessuno studio precedente ha mostrato le associazioni nella popolazione degli Stati Uniti ", ha detto Guasch-Ferre.

Lo studio suggerisce anche che altri oli vegetali possono anche essere utili per la salute del cuore. "La cosa interessante è che mentre l'olio d'oliva era migliore del grasso animale, non superiore agli oli vegetali, forse ha a che fare con la quantità di consumo ”, ha osservato Guasch-Ferre.

Ritiene che il consumo di altri oli vegetali potrebbe diventare un'alternativa salutare ai grassi animali, in particolare per i consumatori che cercano un'opzione più economica all'olio d'oliva.

Durante questo studio, non è stato possibile distinguere tra olio d'oliva normale e olio extravergine di oliva (EVOO). Sebbene uno studio precedente condotto anche da Guasch-Ferre abbia concluso che EVOO esercitava i maggiori benefici per CVD.

"Mentre è vero che le varietà EVOO hanno maggiori quantità di antiossidanti, polifenoli, vitamine e altri composti bioattivi, tutti i tipi di olio d'oliva sono una buona fonte di acidi grassi monoinsaturi e il consumo totale di olio d'oliva è stato associato a un minor rischio di CVD nel nostro studio ", ha spiegato Guasch-Ferre.

Ha raccomandato il consumo di mezzo cucchiaio di olio d'oliva al giorno come misura preventiva. "Penso che l'olio di oliva di tutti i tipi sia ancora una buona opzione quando si sostituiscono grassi più saturi e animali, come mostrato nei nostri risultati. "

Ha avvertito che dobbiamo anche pensare in termini di cosa sta sostituendo l'olio d'oliva. "Sicuramente, l'olio d'oliva è un'opzione salutare come condimento, per cucinare e cuocere al forno. Inoltre, la sostituzione di 5 go 1 cucchiaino di burro, maionese o grasso di latticini con la stessa quantità di olio d'oliva è stata associata a un rischio inferiore del 5% di CVD e del 7% inferiore di CHD ".

Guasch-Ferre ritiene che i risultati supportino l'aumento delle chiamate a sostituire il grasso saturo e il grasso animale con oli vegetali insaturi come l'olio d'oliva per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Sebbene alcuni studi lo abbiano suggerito consumo di olio d'oliva riduce il rischio di colpi; questo studio no. Guasch-Ferre ritiene che l'anomalia sia dovuta a livelli significativamente più alti di olio d'oliva consumati in altri studi o ai livelli più alti di polifenoli trovati in EVOO.

L'olio d'oliva è stato a lungo associato a una migliore salute del cuore ed è stato salutato come l'olio più intelligente per il cuore sano in un rapporto del Journal of the American College of Cardiology.

Mentre questo era solo uno studio osservazionale che non dimostra in modo conclusivo causa ed effetto, supporta tuttavia prove crescenti che l'olio d'oliva e altri oli vegetali possono essere utili per la salute del cuore.



Related News