L'olio extra vergine di oliva riduce il glucosio postprandiale dopo un pasto ad alto indice glicemico nel diabete di tipo 1

Una nuova ricerca mostra che l'olio extravergine di oliva riduce il glucosio postprandiale nei diabetici di tipo 1 dopo aver consumato un pasto ad alto indice glicemico

Marzo 30, 2016
Di Jedha Dening

Notizie recenti

Il mantenimento del controllo della glicemia è estremamente importante per i diabetici di tipo 1 e di tipo 2. A tal fine è spesso consigliabile che i diabetici consumino cibi a basso indice glicemico come una grande proporzione della loro assunzione giornaliera. E monitorare la quantità di carboidrati consumati è pratica comune.

L'indice glicemico è una misura della qualità dei carboidrati e mostra la velocità con cui cibi diversi fanno aumentare la glicemia. Gli alimenti a basso indice glicemico sono quelli classificati come 55 o meno. Gli alimenti ad alto indice glicemico sono superiori a 55. Maggiore è l'indice, più rapidamente viene influenzata la glicemia. Per misurare la risposta a vari cibi e pasti, postprandiale, noto anche come post pasto, la glicemia viene comunemente registrata dai diabetici.

Un recente studio di Bozzetto e Colleghi, dell'Università Federico II di Napoli, Italia, pubblicato su Diabetes Care, ha valutato se la qualità del grasso possa influenzare la risposta del glucosio postprandiale nel contesto di pasti ad alto o basso indice glicemico nei pazienti con diabete di tipo 1.

Lo studio ha reclutato 13 pazienti diabetici di tipo 1 su pompe per insulina in uno studio incrociato randomizzato in cui hanno consumato due serie di pasti, ad alto indice glicemico e basso glicemico, composti dalla stessa quantità di carboidrati ma con diversa qualità dei grassi: basso contenuto di grassi, burro (grassi saturi) , o olio extravergine di oliva (EVOO; grassi monoinsaturi).

Come previsto, c'era una differenza significativa nel glucosio postprandiale in risposta a un pasto ad alto indice glicemico rispetto a un pasto a basso indice glicemico, specialmente nelle prime 3 ore in cui la glicemia era significativamente più alta dopo aver consumato il pasto ad alto indice glicemico.

Tuttavia, dopo aver consumato il pasto ad alto indice glicemico, è stato dimostrato che EVOO ha prodotto un effetto significativamente inferiore sulla glicemia postprandiale rispetto al burro o al basso contenuto di grassi. Questo risultato era particolarmente diverso nell'area incrementale di 0 - 3 ore sotto la curva. In questo caso, non hanno trovato differenze significative tra i gruppi per i pasti a basso indice glicemico.

Gli autori concludono che:

"L'uso di EVOO in un pasto HGI [alto indice glicemico] attenua la risposta postprandiale al glucosio postprandiale ... Pertanto, una somministrazione prandiale ottimale di insulina richiederebbe di considerare, oltre alla quantità di carboidrati, la qualità di carboidrati e grassi ".

Questo è solo un piccolo studio, ma indica che la qualità dei grassi potrebbe in effetti essere una considerazione molto importante per la dieta quotidiana dei diabetici e può essere particolarmente utile durante la transizione dietetica quando gli alimenti ad alto indice glicemico possono ancora essere consumati più frequentemente.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti