La dieta Med può ridurre il rischio di obesità quasi alla metà

Gli scienziati spagnoli hanno scoperto che aderire alla dieta mediterranea potrebbe ridurre il rischio di obesità in percentuale di 43.

Giu. 13, 2017
Di Mary West

Notizie recenti

Una nuova ricerca ha indicato che seguire una dieta pro-vegetariana, ricca di cibi vegetali e povera di cibi animali, può ridurre il rischio di obesità di quasi la metà. Questo piano alimentare include cereali integrali, frutta, verdura e olio d'oliva, tutti componenti della dieta mediterranea (MedDiet).

Mangiare cibi ricchi di nutrizione di MedDiet serve semplicemente a eliminare gli alimenti più calorici, di bassa qualità e ad alta glicemia noti per causare infiammazione e obesità.- Vickie Modica, medico naturopata

Poiché questo approccio alla perdita di peso non richiede il conteggio delle calorie o l'auto-privazione, ha una sostenibilità a lungo termine. Invece di essere un sistema che coinvolge espedienti, pillole o pozioni, MedDiet è uno stile di vita di mangiare cibo nutriente. In contrasto con alcune misure di perdita di peso che comportano rischi per la salute o effetti collaterali, questo piano alimentare è rinomato per i suoi benefici per la salute. Per questi motivi, è la migliore strategia possibile per la gestione del peso.

Lo studio presso l'Università di Navarra e l'Istituto di salute Carlos III in Spagna ha monitorato le persone 16,000 per una media di dieci anni. I partecipanti dovevano completare le indagini sugli alimenti per registrare l'assunzione di sette gruppi di alimenti vegetali e cinque gruppi di alimenti per animali. I cibi vegetali erano verdure, frutta, cereali integrali, legumi, olio d'oliva, noci e patate; e gli alimenti per animali erano uova, grassi animali, latticini, carne, pesce e altri frutti di mare. Durante il periodo di studio, gli individui 584 sono diventati obesi.

Dall'analisi dei dati è emerso che maggiore è il consumo di alimenti vegetali nella dieta, rispetto al consumo di carni e grassi animali, minore è la probabilità di diventare sovrappeso. Il 20% di coloro che mangiavano più alimenti vegetali aveva un rischio inferiore del 43% di sviluppare l'obesità, rispetto al 20% che mangiava meno alimenti vegetali.

I partecipanti con il rischio più basso non hanno eliminato completamente la carne, ma il loro apporto era molto più basso rispetto alla quantità tipica della dieta occidentale. Quelli di questo gruppo hanno anche mangiato molti pesci, che è una parte importante di MedDiet.

"Il nostro studio suggerisce che le diete a base vegetale sono associate a un rischio sostanzialmente inferiore di sviluppare l'obesità. Ciò supporta le attuali raccomandazioni per passare a diete ricche di alimenti vegetali, con una minore assunzione di alimenti animali ”, hanno affermato gli autori dello studio. I risultati sono stati presentati al Congresso europeo sull'obesità a Porto, in Portogallo.

Quali caratteristiche di MedDiet lo rendono particolarmente favorevole alla gestione del peso? "Mangiare cibi ricchi di nutrimento di MedDiet serve semplicemente a eliminare gli alimenti più calorici, di bassa qualità, ad alta glicemia, noti per causare infiammazione e obesità ", ha detto il medico naturopatico Vickie Modica di Seattle, Washington Olive Oil Times. "In questo modo, è una semplice questione di cibo più sano, lasciando meno spazio a cibi malsani e che causano malattie ".

"Forse più interessante, stiamo vedendo prove che queste stesse diete influenzano la microflora intestinale in un modo che sembra avere un effetto anti-obesità. I dettagli di come questi batteri segnalano i cambiamenti al nostro sistema endocrino e nervoso sono attualmente oggetto di ricerca e sono promettenti nella prevenzione dell'obesità ", ha detto.

La dieta mediterranea è comunemente consumata in Spagna, Italia e Grecia. Comprende tre porzioni di frutta e quattro porzioni di verdura al giorno, insieme a generose quantità di olio d'oliva, noci, semi, cereali integrali e legumi. Il piano di solito comprende almeno quattro porzioni di pesce a settimana, ma limita la carne a non più di tre porzioni a settimana.



Related News

Feedback / suggerimenti