La dieta mediterranea con olio d'oliva può prevenire la recidiva del cancro al seno

Un nuovo studio suggerisce che una dieta mediterranea con abbondanti quantità di olio d'oliva può ridurre il rischio di recidiva del cancro al seno rispetto ad una dieta normale.

Giu. 14, 2016
Di Jedha Dening

Notizie recenti

Sebbene non sia l'unico fattore di rischio, secondo i ricercatori, la dieta è uno dei principali fattori che provocano l'inizio del cancro, incluso il cancro al seno. Nuovi risultati preliminari ora mostrano che la dieta potrebbe anche prevenire la ricaduta del cancro al seno.

Sebbene il documento completo non sia ancora stato pubblicato. Risultati preliminari di uno studio caso-controllo, pubblicato su Annals of Oncology, incluse le donne 307 con diagnosi di carcinoma mammario e prese per cure presso il Dipartimento di Oncologia-ematologia, Ospedale di Piacenza (Italia). Dopo il trattamento del carcinoma mammario, ai partecipanti è stata data la possibilità di seguire le loro diete normali o di accettare ulteriori consigli dietetici per ridurre il rischio di recidiva del carcinoma mammario.
Vedi anche: Olio d'oliva e salute delle donne
I due interventi dietetici sono stati quindi, una dieta normale o a Dieta mediterranea (MedDiet). La MedDiet consisteva in un elevato apporto di frutta (3 pezzi al giorno), verdura (4 porzioni al giorno), pesce (4 o più porzioni a settimana), cereali integrali (una porzione al giorno) e l'aggiunta di generose quantità di olio extravergine di oliva (EVOO). Le donne potevano anche consumare una bevanda alcolica al giorno. La dieta normale consisteva in ciò che i partecipanti stavano mangiando, con l'aggiunta di consigli su un'alimentazione sana da un dietista. C'erano 199 partecipanti nel gruppo dieta normale e 108 nel gruppo MedDiet.

Un campione di sangue approfondito è stato raccolto dai partecipanti per valutare glucosio, colesterolo, varie vitamine, minerali e ormoni, marker infiammatori e metaboliti. Sono stati tenuti a compilare questionari sulla qualità della vita e sull'attività fisica.

I risultati dopo il follow-up preliminare di 3 anni mostrano che MedDiet ha ridotto il rischio di recidiva del cancro. Nel gruppo con dieta normale, un totale di 11 partecipanti ha avuto una ricaduta, mentre nel gruppo MedDiet non sono state osservate ricadute o recidive. A causa dei risultati degli esami del sangue dei livelli di vitamina che mostrano livelli più elevati di B-carotene e pro-vitamina A nei partecipanti che seguono il MedDiet, i ricercatori sono stati molto curiosi dell'impatto che questi risultati potrebbero suggerire, che la dieta, in effetti, ha un ottimo influenza sull'attivazione e riattivazione del cancro.

Tali risultati non si limitano a questi nuovi risultati preliminari, come studio recentemente pubblicato in JAMA Internal Medicine, sulla base delle prove condotte nell'ambito dello studio Predimed, ha esaminato 4,282 donne in postmenopausa con tre diversi interventi dietetici e ha scoperto che il rischio di cancro al seno invasivo era ridotto del 68% in coloro che hanno consumato un MedDiet integrato con EVOO, mentre non c'erano tali effetti per un MedDiet con noci o una dieta a basso contenuto di grassi. Questo studio ha stabilito che i benefici sono stati attribuiti all'aumento dell'assunzione di EVOO, ogni 5% in più di calorie consumate da EVOO riducendo il rischio di cancro al seno invasivo di circa il 28%.

Sebbene sia troppo presto per trarre conclusioni definitive in questa fase, l'evidenza preliminare ha sollevato la domanda su quale consiglio dietetico dovrebbe essere raccomandato alle persone con cancro o, cosa più importante, a coloro che si stanno riprendendo da un tumore. Saranno ora necessari studi più lunghi che includano un numero maggiore di partecipanti per confermare questi risultati.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti