La chiave degli alimenti biologici per i benefici per la salute della dieta mediterranea

Una nuova ricerca ricorda ai consumatori che seguire una versione non biologica della dieta mediterranea li espone a pesticidi ed erbicidi.
Novembre 17, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

I benefici per la salute di seguire il Dieta mediterranea sono strettamente legate all'adozione di alimenti biologici, secondo nuova ricerca pubblicato sull'American Journal for Clinical Nutrition.

Il nostro studio dimostra che il consumo di alimenti biologici consente ai consumatori di passare a una dieta più sana, senza un aumento dell'assunzione di pesticidi.- Per Ole Iversen, professore di nutrizione clinica, Università di Oslo

Il consumo di alimenti non biologici associati alla dieta mediterranea espone i consumatori a composti potenzialmente dannosi provenienti da pesticidi ed erbicidi utilizzati su determinate colture.

Al contrario, i ricercatori hanno scoperto che la scelta di opzioni organiche potrebbe portare a una diminuzione del 90% del consumo di tossine e pesticidi.

Vedi anche: Health News

Ventisette studenti britannici sono stati divisi in due gruppi per cinque settimane durante il loro soggiorno in Creta, un'isola della Grecia meridionale e la più grande regione produttrice di olio d'oliva del paese.

A un gruppo è stato somministrato cibo non biologico dalla dieta mediterranea, che prevede il consumo di molta frutta, verdura e cereali integrali. L'altro gruppo ha ricevuto una versione organica della stessa dieta. In precedenza, entrambi i gruppi di studenti aderivano principalmente alla dieta occidentale tradizionale.

I ricercatori hanno analizzato sia il cibo che veniva mangiato che i campioni di urina raccolti dagli studenti.

Hanno scoperto che un elevato consumo di frutta e verdura ha portato a un'assunzione tre volte maggiore di insetticidi e organofosfati. Nel frattempo, questi valori sono stati ridotti del 90 percento nel gruppo che ha seguito la versione biologica della dieta.

Più specificamente, la ricerca ha scoperto che frutta, verdura e cereali integrali coltivati ​​in modo convenzionale potrebbero essere le fonti alimentari più significative per i pesticidi chimici di sintesi.

Gli scienziati hanno affermato che mangiare cibo biologico ridurrebbe di dieci volte l'assunzione totale di pesticidi derivante dal consumo di cibo che comprende la dieta mediterranea tradizionale.

Per capire meglio cosa succede quando si passa da un tipo di dieta all'altro, gli studenti hanno consumato la loro normale dieta occidentale prima e dopo il periodo di intervento di due settimane durante il quale sono passati alla dieta mediterranea.

"Il passaggio da una dieta occidentale abituale a una dieta Med è stato associato a un aumento dell'esposizione a insetticidi, organofosfati e piretroidi, mentre il consumo di cibo biologico ha ridotto l'esposizione a tutti i gruppi di pesticidi chimici sintetici", hanno scritto i ricercatori. "Questo potrebbe spiegare i risultati positivi sulla salute legati al consumo di alimenti biologici negli studi osservazionali”.

Per Ole Iversen, professore di nutrizione clinica all'Università di Oslo, ha aggiunto che "ci sono prove crescenti da studi osservazionali che i benefici per la salute derivanti dall'aumento del consumo di frutta, verdura e cereali integrali sono parzialmente diminuiti dalla maggiore esposizione ai pesticidi associata a questi alimenti”.

"Il nostro studio dimostra che il consumo di alimenti biologici consente ai consumatori di passare a una dieta più sana, senza un aumento dell'assunzione di pesticidi", ha affermato.

Secondo i ricercatori, molti pesticidi sintetici rilevati nei campioni di urina sono sostanze chimiche confermate o sospette che interferiscono con il sistema endocrino, che causano il cancro.

Vedi anche: Olive tra gli alimenti con il livello più basso di residui di pesticidi in Europa, risultati dello studio

Pertanto, l'esposizione ai pesticidi 10 volte superiore dagli alimenti convenzionali può fornire una spiegazione meccanicistica per la minore incidenza di obesità, sindrome metabolica e cancro associati ad alti livelli di consumo di alimenti biologici negli studi epidemiologici e di coorte.

Carlo Leifert, professore di scienze vegetali presso la Southern Cross University australiana e uno dei principali ricercatori dello studio, ha detto Olive Oil Times che le sostanze chimiche più pericolose trovate durante lo studio sono paration e glifosato.

"Sulla base delle classificazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro per i singoli pesticidi, il parathion degli insetticidi organofosfati vietato, con una classificazione dell'OMS come estremamente pericoloso, e il glifosato come pesticida più ampiamente usato, con una classificazione IARC come probabilmente cancerogeno per gli esseri umani, sono le sostanze più pericolose", ha detto.

Leifert ha anche sottolineato che la reale portata del danno causato da queste sostanze chimiche negli esseri umani non è completamente compresa e richiede ulteriori ricerche.

"È importante considerare che gli esseri umani sono esposti a miscele di pesticidi e il pericolo rappresentato da miscele di pesticidi è sconosciuto", ha affermato.

Secondo Leifert, la barriera più significativa per a grande cambiamento verso l'agricoltura biologica è la dipendenza che i sistemi agricoli convenzionali hanno sviluppato per quanto riguarda l'uso dei pesticidi.

"Ci vorrebbe tempo e investimenti, soprattutto nella formazione, per riqualificare gli agricoltori a utilizzare metodi di agricoltura biologica", ha affermato.

Vedi anche: I migliori oli di oliva biologici

Leifert infatti che nei paesi occidentali l'età media degli agricoltori si aggira intorno ai 60 anni, "e vicini all'età pensionabile, gli agricoltori sono riluttanti a cambiare sostanzialmente il modo in cui coltivano e si assumono rischi o effettuano gli investimenti necessari per convertirsi alla produzione biologica”.

"I modi più efficaci per sostenere l'eliminazione graduale dell'agricoltura convenzionale sarebbero: la tassazione sugli input agrochimici compresi pesticidi e fertilizzanti azotati minerali, la cui produzione e applicazione si stima rappresentino oltre il 20% del totale emissioni di gas serra dall'agricoltura e sui fertilizzanti a base di fosforo e cloruro di potassio, entrambe risorse non rinnovabili; investimento in formazione organica a livello universitario e universitario; la ricerca si è concentrata sulle sfide tecniche affrontate dagli agricoltori biologici", ha aggiunto.

Leonidas Rempelos, il coautore dello studio, ha aggiunto che la ricerca potrebbe stabilire un nuovo percorso per valutare il vero impatto dell'introduzione di nuove sostanze chimiche in agricoltura.

"Una delle difficoltà nel valutare gli impatti sulla salute pubblica dell'esposizione alimentare ai pesticidi è che una volta che i pesticidi sono ampiamente utilizzati nella produzione alimentare, tutti vengono esposti", ha affermato. "Questo studio ha dimostrato il potenziale dell'utilizzo di consumatori di alimenti biologici come a 'gruppo di controllo della bassa esposizione ai pesticidi' per studiare l'effetto dei pesticidi attualmente in uso e di recente rilascio sulla salute pubblica”.

Data la rilevanza della ricerca e la piccola scala dello studio attuale, gli scienziati hanno detto Olive Oil Times che adesso "spero di trovare i finanziamenti per condurre uno studio di intervento dietetico umano più lungo e più ampio che indaghi l'effetto del passaggio al consumo di alimenti biologici su specifici parametri fisiologici di salute e relativi alla salute”.

"Questo sarebbe progettato per studiare i meccanismi per i benefici per la salute associati al consumo di alimenti biologici nei grandi studi di coorte epidemiologica umana condotti dall'Università di Parigi-INRA in Francia, che sono stati esaminati nel nostro documento ", hanno concluso.





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti