I ricercatori collegano gli elementi della dieta Med alla menopausa ritardata

I ricercatori hanno postulato, nel primo studio del Regno Unito nel suo genere, che alimenti specifici (vale a dire pesce e legumi) possono influenzare l'età in cui le donne iniziano la menopausa.

Giu. 27, 2018
Di Jacqueline Parisi

Notizie recenti

Una nuova ricerca nel Regno Unito ha rivelato che due elementi integranti del Dieta mediterranea, pesce e legumi, possono ritardare l'inizio della menopausa naturale, mentre una dieta ricca di carboidrati raffinati, come pasta e riso, può accelerarla.

I risultati, pubblicati online sul Journal of Epidemiology And Community Health, hanno rivelato che ogni porzione aggiuntiva di pesce azzurro e legumi ricchi di antiossidanti era associata a un ritardo di tre e un anno, rispettivamente. E per i carboidrati raffinati, 1.5 anni prima.

Sebbene sia stato dimostrato che diversi fattori socioeconomici e riproduttivi influenzano l'età durante la menopausa naturale, la quantità limitata di studi esistenti che tengono conto della dieta ha presentato risultati contrastanti.

"Penso che in parte sia perché la dieta è difficile da misurare, e ci sono anche alcuni studi di follow-up abbastanza ampi su donne dell'età giusta che potrebbero esaminarlo ", ha spiegato Yashvee Dunneram, ricercatore presso la School of Food Science e Nutrition presso l'Università di Leeds, in un'intervista per Olive Oil Times. "E forse, controverso ", ha aggiunto, "in un clima di prioritizzazione dei finanziamenti dominato dagli uomini, nessuno ha pensato di studiare questo aspetto della salute delle donne nel corso della vita ".

Lo studio ha coinvolto un gruppo di oltre 35,000 donne provenienti da Inghilterra, Scozia e Galles di età compresa tra i 35 ei 69 anni. Oltre a fornire informazioni su peso, attività fisica, storia riproduttiva e terapia ormonale sostitutiva, tutte sono state considerate potenzialmente fattori influenti: ai partecipanti è stato chiesto di completare un questionario sulla frequenza degli alimenti per valutare la loro dieta al basale.

pubblicità

Quattro anni dopo, i ricercatori hanno raccolto dati su quando le donne hanno subito la menopausa naturale - o la cessazione permanente dei periodi mestruali per almeno 12 mesi consecutivi - e hanno usato il modello di regressione per valutare se vi fossero associazioni con la dieta.

Oltre a pesce e legumi, lo studio ha rivelato che una maggiore assunzione di vitamina B6 e zinco era associata alla menopausa successiva. Al contrario, una dieta ricca di carne, simile ai carboidrati raffinati, era associata a un'accelerazione dell'incidenza della menopausa.

Sebbene questo fosse uno studio osservazionale senza prove di causalità, i ricercatori hanno ipotizzato che la relazione tra antiossidanti e radicali liberi dannosi per il DNA (noti anche come specie reattive dell'ossigeno o ROS) possa in parte spiegare l'associazione.

"Il pesce azzurro è una ricca fonte di acidi grassi omega-3 che può potenzialmente migliorare la capacità antiossidante ", ha spiegato Dunneram. "Pertanto, in modo simile ai legumi freschi e alle vitamine ... le proprietà antiossidanti esercitate dall'assunzione di pesce azzurro potrebbero eventualmente compensare i ROS, diminuendo quindi la proporzione di follicoli in fase di atresia follicolare e ritardando l'inizio della menopausa naturale ".

I carboidrati raffinati, d'altra parte, sono ampiamente considerati un fattore di rischio per la resistenza all'insulina, che i ricercatori ritengono possa aumentare i livelli di estrogeni e portare, a sua volta, alla menopausa precoce.

Il motivo per cui il tempismo è così importante? Esistono fattori di rischio associati sia alla menopausa precoce che a quella tardiva, tra cui l'osteoporosi e le malattie cardiache per le donne con un esordio precoce e il cancro al seno, endometriale e ovarico per quelle con un esordio successivo. L'età media della menopausa, secondo lo studio, era di 51 anni.

"Questo può essere rilevante a livello di salute pubblica poiché l'età alla menopausa naturale può avere implicazioni sui futuri risultati di salute ", ha concluso Dunneram. "Pertanto, gli operatori sanitari potrebbero anche tenere conto della dieta delle donne quando si occupano di problemi legati alla menopausa. "





pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti