Wei Ying chung è stato condannato a quattro anni di carcere a Taiwan per frode di olio d'oliva.

In uno degli esempi più eclatanti ed estesi di frodi alimentari, contraffazioni e violazioni normative mai perseguite in Asia orientale, l'ex presidente della Wei Chuan Foods Corp è stato riconosciuto colpevole in un'aula di tribunale di Taipei che vendeva prodotti petroliferi adulterati.

Wei Ying-chung è stato condannato a quattro anni di detenzione e ha multato più di $ 15 milioni per miscelare palme di qualità inferiore e altri oli a basso costo in una miscela che è stata poi commercializzata come olio d'oliva di alta qualità. Il tribunale ha ritenuto che i prodotti, che contenevano anche coloranti artificiali, dannosi per la salute pubblica, e molti osservatori ritenevano che il presidente fosse stato facilitato, secondo quanto riferito nel Taipei Times.

Undici altri imputati sono stati giudicati colpevoli di aver creato etichette di prodotti fraudolenti e altre "violazioni della legge che disciplina la sicurezza alimentare e l'igiene", secondo la sentenza di marzo 26. Tra di loro c'erano impiegati sia di Wei Chuan Corp. che di Ting Hsin Oil and Fat. Ogni frase ricevuta varia da cinque mesi a quattro anni.

Una storia in 4-Traders nel giorno in cui i verdetti sono stati annunciati approfonditi nel profondo, la compagnia era apparentemente disposta a sprofondare per ridurre i costi e aumentare i profitti a spese dei consumatori.

"Wei Chuan ha iniziato a contrarre l'olio e il grasso di Ting Hsin in 2007 per acquistare olio contaminato contenente clorofilla di rame da Chang Chi Foodstuff Factory Co. e poi confezionato per (vendita)", hanno detto i procuratori.

"Dopo che la notizia del petrolio scadente è emersa, Wei Chuan ha cercato di coprirlo preparando falsi rapporti di ispezione del petrolio", hanno aggiunto.

Gli avvocati degli imputati dichiarano di appellarsi alle sentenze, anche se per la maggior parte, le condanne attuali possono essere ridotte o la rinuncia all'evento al posto della dispensa monetaria.


Altri articoli su: