Un nuovo studio pilota raccomanda di aggiungere extra virgin olio d'oliva alle diete degli uomini con cancro alla prostata.

Lo studio ha rilevato che l'aggiunta extra virgin l'olio d'oliva alla dieta a base vegetale raccomandata dalla Prostate Cancer Foundation (PCF), ha prodotto risultati simili di perdita di peso e ha contribuito ad aumentare l'assorbimento di composti con proprietà antitumorali.

Un efficace consiglio dietetico per ridurre il rischio di cancro alla prostata e la progressione dovrebbe includere grassi sani.- Mary Flynn, Brown University Miriam Hospital

Per gli uomini che hanno un cancro alla prostata a basso rischio, il PCF raccomanda la perdita di peso come un modo per ridurre il rischio di recidiva e metastasi del cancro.

"Essere sovrappeso è il più grande fattore di rischio per lo stile di vita per una prognosi infausta", ha detto Mary Flynn, la ricercatrice principale dello studio.
Guarda anche: Olive Oil Health Benefits

Il PCF raccomanda anche frutta e verdura ad alto contenuto di carotenoidi e glucosinolati, composti naturali con forti caratteristiche di protezione dal cancro. Tuttavia, le raccomandazioni dietetiche della fondazione non dicono nulla sull'aggiunta extra virgin olio d'oliva per integrare l'assunzione di frutta e verdura.

I carotenoidi necessitano di grassi per essere adeguatamente assorbiti, mentre i preparati a base acquosa perdono parte dei glucosinolati in verdure come broccoli e cavoli. I ricercatori che hanno condotto lo studio hanno suggerito di cucinare queste verdure extra virgin l'olio d'oliva come un'alternativa sana.

"Un efficace consiglio dietetico per ridurre il rischio di cancro alla prostata e la progressione dovrebbe includere grasso sano per preparare le verdure protettive contro il cancro per massimizzare l'assorbimento dei carotenoidi e probabilmente dei glucosinolati", ha scritto Flynn nello studio.

Lo studio ha anche rilevato che gli uomini in Grecia e in Spagna, molti dei quali consumano tradizionalmente una dieta mediterranea arricchita con olio d'oliva, hanno bassi tassi di cancro alla prostata.

"Gli studi dimostrano che i benefici per la salute (da extra virgin consumo di olio d'oliva) iniziare a due cucchiai al giorno ", ha detto Flynn. "Ho selezionato tre cucchiai perché pensavo che fosse una quantità ragionevole chiedere ai partecipanti di consumare ogni giorno e sarebbe probabile che mostrasse dei benefici".

Lo studio, condotto dal Dipartimento di Medicina dell'Ospedale Miriam di Providence, Rhode Island, ha chiesto ad alcuni partecipanti di seguire una dieta a base di olio d'oliva vegetale e altri di seguire la dieta PCF per otto settimane. Alla fine delle otto settimane, i partecipanti hanno cambiato dieta per altre otto settimane.

Dopo aver consumato entrambe le diete, ai partecipanti è stato chiesto di selezionare una delle diete e continuare a consumarla per altri sei mesi.

I risultati dello studio hanno rilevato che la perdita di peso per entrambe le diete era quasi la stessa. Tuttavia, la dieta che includeva extra virgin l'olio d'oliva ha prodotto livelli più bassi di insulina e glucosio a digiuno rispetto alla dieta della fondazione.

"C'è una relazione positiva tra l'insulina a digiuno per lo sviluppo del cancro alla prostata e sia il glucosio nel sangue sia l'insulino-resistenza sono positivamente correlati alla mortalità per cancro", ha scritto Flynn nello studio. "Consumo giornaliero di extra virgin l'olio d'oliva può aiutare a migliorare la sopravvivenza per cancro ".

Ai fini dello studio, Flynn non ha chiesto come i partecipanti hanno consumato il extra virgin olio d'oliva. Tuttavia, ha detto che altri studi hanno dimostrato la presenza di verdure in cucina extra virgin l'olio d'oliva può renderli più sani.

"Questo studio ... ha dimostrato che cucinare il cibo nell'olio d'oliva era più utile che versare semplicemente l'olio d'oliva sul cibo", ha detto. "Inoltre, la cottura delle verdure in olio d'oliva ha dimostrato di aumentare il contenuto di fenoli delle verdure rispetto a cuocerle in acqua, quindi ciò significherebbe cucinare le verdure in olio d'oliva che li renderebbe più sani".

Diciassette partecipanti hanno completato lo studio e Flynn ha detto che crede che i prossimi passi logici sarebbero ripetere lo studio con un gruppo più ampio di partecipanti.

"Ci sono state alcune tendenze che potrebbero diventare più significative, se si dovessero studiare più uomini", ha detto. "Penso che dovrebbe esserci anche più ricerca che indaga sul ruolo di extra virgin olio d'oliva nella prevenzione e nel trattamento del cancro perché penso che ci sia un grande potenziale di beneficio ".




Altri articoli su: ,