Resti di un mulino di 2,500 anni scoperto in Italia

Credono che sia il primo frantoio d'oliva trovato nella Magna Grecia, una regione che comprende la maggior parte della costa meridionale dell'Italia, dove gli antichi coloni greci arrivarono 3,500 anni fa.
Foto: Agenzia Lucano per lo Sviluppo e l'Innovazione in Agricoltura
Febbraio 12, 2021
Paolo DeAndreis

Notizie recenti

Un antico frantoio risalente al 4th secolo aC è stato scoperto durante gli scavi archeologici nella provincia di Matera.

Situato nella regione Basilicata, nel sud Italia, gli archeologi hanno affermato che il ritrovamento è sensazionale sia per la sua struttura che per l'età.

Su questo 4th pavimentazione del secolo aC, sono stati rinvenuti macrofossili vegetali di Olea Europaea in ottime condizioni.- archeologi, Università degli Studi della Basilicata

Credono che sia il primo frantoio d'oliva trovato nella Magna Grecia, una regione che comprende la maggior parte della costa meridionale dell'Italia, dove gli antichi coloni greci arrivarono 3,500 anni fa.

La scoperta è avvenuta all'interno del sito degli scavi di Ferrandina, cittadina ancora rinomata per il suo olio extravergine di oliva di alta qualità.

Vedi anche: Antico manufatto della produzione di olio d'oliva trovato nel Getsemani

I suoi dintorni e il passato archeologico sono molto importanti per i ricercatori che cercano i resti di antiche comunità che si stabilirono nell'area già nell'età del ferro.

In un comunicato stampa, scienziati dell'Università della Basilicata e dell'agenzia archeologica regionale hanno spiegato che le prove principali del sito includono un recipiente per l'olio d'oliva costruito con muri a secco.

Da lì si diramano diversi canali che seguono il pendio naturale portandoli a bacini di pietra, che gli archeologi ritengono servissero alla purificazione dell'olio d'oliva.

Secondo i ricercatori, travi orizzontali con contrappesi mobili formavano l'antico torchio, sotto il quale veniva posta una vasca di appoggio arrotondata per la raccolta della polpa delle olive.

europa-riassume-produzione-resti-di-2500 anni-vecchio-frantoio-scoperto-in-italia-tempi-dell'olio-d'oliva

Agenzia Lucano per lo Sviluppo e l'Innovazione in Agricoltura

Gli scavi in ​​corso sono stati intrapresi diversi anni fa dopo che gli archeologi hanno trovato due basi pressanti, attualmente nel museo di Metaponto, una città vicina. I ricercatori hanno anche trovato tracce di un torchio con una cornice di legno sul pavimento di argilla.

"A est ea sud della cella petrolifera è stato trovato un ampio spazio aperto, con un piano di calpestio in argilla ben compattato destinato alla lavorazione delle olive ", hanno detto gli archeologi. "Ecco, su questo 4th pavimentazione del secolo aC, alcuni macro-fossili vegetali di Olea europaea sono stati trovati in condizioni eccellenti. "

Esperti di paleobotanica analizzeranno i resti carpologici delle olive per meglio comprenderne l'origine e far luce sull'antica cultivar locale, la Majatica, la varietà più diffusa a Ferrandina.

Vedi anche: Nuove informazioni sulla bottiglia di olio d'oliva più antica del mondo

Gli scavi continueranno poiché si ritiene che un intero insediamento sia sorto nella stessa posizione del frantoio, con quartieri residenziali e impianti di produzione. I ricercatori cercheranno anche le aree dedicate alla frangitura e allo stoccaggio delle olive.

"La scoperta testimonia l'antica inclinazione per l'olivicoltura nel territorio di Ferrandina, rinomato per il suo olio d'oliva di alta qualità ", hanno detto rispettivamente Lucrezia Digilio e Paolo Colonna di Donne in Campo e l'organizzazione dei produttori di olio d'oliva lucano, Oprol.

Credono che il lavoro degli archeologi "rafforza ulteriormente Olio Lucano IGP, un marchio che va oltre la qualità e che riconosce anche la storia, la tradizione e la passione degli olivicoltori del nostro territorio. "

Coltivatori ed esperti stanno ora aspettando i risultati dell'analisi paleobotanica sui resti di olive scoperte.

"Come è noto, la cultivar più coltivata a Ferrandina è la Majatica, i cui boschi dedicati si estendono su 4,250 ettari ”, hanno detto Digilio e Colonna. "Questa scoperta ci incoraggia a continuare a costruire l'interregionale produzione di olio d'oliva catena, un'iniziativa che sta aiutando i coltivatori locali a ristrutturare le loro attività e ad essere più competitivi sul mercato ".





Related News

Feedback / suggerimenti