Il pluripremiato produttore francese guarda al passato per affrontare le sfide del futuro

Il mantenimento dei metodi di agricoltura biologica e la sperimentazione di antiche varietà di olive sono il modo in cui Château d'Estoublon mantiene i suoi 500 anni olive oil prostoria di produzione viva.

Castello d'Estoublon
1 dicembre 2021 2:50 EST
Di Paolo DeAndreis
Castello d'Estoublon

Notizie recenti

Viti e uliveti punteggiano la Vallée des Baux-de-Provence, la rinomata regione olivicola nel sud della Francia delimitata da montagne calcaree bianche e colorata dai lontani riflessi rossi del minerale di bauxite.

Nel cuore del Parco Naturale Regionale delle Alpilles si trovano i grandi poderi che mantengono viva la tradizione millenaria dell'eccellenza olearia.

Il castello ha anche recuperato una serie di cultivar di olivo dimenticate che un tempo venivano coltivate nella regione... che potrebbero aiutarci in futuro a tenere il passo con la produzione e resistere agli effetti del cambiamento climatico.- Anaïs Maillet, direttore tecnico, Château d'Estoublon

Château d'Estoublon accoglie i visitatori nella tenuta di 200 ettari che ha iniziato a coltivare l'olivo nel 1489. È diventata la culla di alcuni dei vini e degli oli d'oliva più prestigiosi della regione attraverso secoli e generazioni.

Vedi anche: Profili del produttore

L'alta qualità oliva da tavola e gli oli extravergini di oliva della valle ne hanno ricevuti diversi Denominazione d'origine protetta certificazioni. Dal 1997, tre DOP sono state applicate alle olive nere, alle olive verdi spezzate (dette olive cassées) e all'olio extra vergine di oliva ottenuto da due varietà locali.

In termini di volume, l'olio extra vergine di oliva locale rappresenta la più rilevante delle otto DOP di olio d'oliva registrate in Francia.

pubblicità

"I nostri prodotti sono molto conosciuti per la loro qualità, in particolare il nostro vino e l'olio d'oliva, una tradizione a cui l'azienda ha aggiunto degli orti", ha detto Anaïs Maillet, direttore tecnico dell'azienda. Olive Oil Times. "Strumenti Bowman per analizzare le seguenti finiture: proteggere la biodiversità e aumentare il numero di prodotti serviti al ristorante del castello.”

Con una superficie di oltre 120 ettari, gli uliveti del castello sono composti da cultivar di olive locali, tra cui Bouteillan, Grossane e Salonenque insieme a Beruguette e Picholine.

Le caratteristiche di oltre 20,000 ulivi consentono la produzione annua di alcuni oli extra vergini monovarietali di alto pregio, più volte premiati in concorsi internazionali, primo fra tutti il ​​2021 NYIOOC World Olive Oil Competition.

"Ci piace coltivare queste varietà e lavorare sugli oli d'oliva monovarietali perché sono una vera opportunità per mostrare la nostra identità ", ha affermato Maillet.

L'azienda produce anche oli extra vergini di oliva DOP ottenuti da un blend di varietà di olive. Il blend è equilibrato e caratterizzato dal colore verde, dai sapori di carciofo, pomodoro, mela, fragola, prugna e cioccolato.

business-europe-profiles-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-premiato-produttore-francese-guarda-al-passato-per-affrontare-le-sfide-del-futuro-olivo

I registri del castello mostrano che questa miscela di olio d'oliva è stata prodotta dal 1786 quando l'abate Claude Couture decise di produrre olio d'oliva dopo aver fatto un inventario di tutti gli ulivi sulla sua terra. Questi alberi continuano a produrre le olive utilizzate nella miscela.

Le olive vengono raccolte tra novembre e dicembre e trasformate entro 24 ore presso il frantoio del castello, che dispone di attrezzature che consentono al team di elaborare ciascuna varietà di oliva separatamente.

L'obiettivo è quello di valorizzare e tutelare tutte le varietà di olivo dell'azienda, siano esse destinate a monovarietali o blend.

Negli ultimi due decenni, Château d'Estoublon ha seguito un rigoroso regime di pratiche biologiche, applicandole a tutti i suoi boschetti, vigneti e giardini.

"Tutto il nostro lavoro in agricoltura, l'essenza stessa di ciò che facciamo, è biologico e sostenibile, una scelta che abbiamo fatto più di 20 anni fa", ha affermato Maillet. "Quelle ora sono pratiche che abbiamo esplorato a fondo e stiamo ancora lavorando per innovarle. È nel nostro DNA».

"Molti anni fa, abbiamo anche iniziato a utilizzare le tecniche biodinamiche, applicandole prima alla viticoltura e poi estendendole ai nostri uliveti e ai nostri orti", ha aggiunto.

pubblicità

La decisione di convertirsi a metodi di agricoltura biologica e sostenibile influisce sulla cura degli ulivi, dalla concimazione al riutilizzo degli scarti vegetali.

Vedi anche: Anno record per i produttori francesi a World Olive Oil Competition

"Siamo tornati al basics dell'agricoltura e si è concentrato sull'innovazione attraverso una strategia di riutilizzo", ha affermato Maillet. "Questo significa, tanto per fare un esempio, che i noccioli delle drupe vengono raccolti dopo la trasformazione e aggiunti al compost, che verrà successivamente utilizzato come fertilizzante per gli ulivi stessi”.

Dopo gelate primaverili fuori stagione ha ricoperto il sud della Francia ad aprile, Maillet ha confermato che i volumi erano stati ridotti, come è stato altrove a Baux-de-Provence, ma la qualità non è stata compromessa.

Ha spiegato che gli sforzi del castello per mantenere pratiche agricole sostenibili sono ostacolati da cambiamento climatico, che richiede a Maillet di adeguare le pratiche agricole e adottare strategie di mitigazione.

"In questo momento, dobbiamo affrontare eventi di gelo, come quelli che abbiamo avuto in primavera, che una volta erano molto rari", ha detto. "In questi tempi, stiamo lavorando per affrontare e superare la ridotta disponibilità di acqua per l'irrigazione, che rappresenta una sfida crescente qui e altrove”.

Ha aggiunto che le soluzioni a questi nuovi e pervasivi problemi climatici arriveranno solo da tutti gli olivicoltori della regione che condividono le loro esperienze e idee.

Per mitigare gli effetti del cambiamento climatico, Château d'Estoublon sta attualmente sperimentando nuove tecniche di irrigazione e sta lavorando per ottimizzare l'uso dell'acqua, facendo anche alcuni esperimenti.

business-europe-profiles-produzione-i-migliori-oli-di-oliva-premiato-produttore-francese-guarda-al-passato-per-affrontare-le-sfide-del-futuro-olivo

Tra questi c'è la fermentazione di foglie e resti di legno, utilizzando i loro batteri e funghi per mantenere l'umidità e aumentare l'efficienza dell'irrigazione.

"Questo è qualcosa che stiamo ricercando e che stiamo vedendo come sembra funzionare nell'aiutare i nostri alberi ", ha detto Maillet. "Speriamo di poter presto condividere questa tecnica”.

pubblicità

"Non solo, ma il castello ha anche recuperato una serie di cultivar di olive dimenticate che un tempo venivano coltivate nella regione ", ha aggiunto. "Queste varietà, attraverso molte generazioni, hanno finito per essere emarginate a causa delle loro caratteristiche".

"Ma sono quelle specifiche, come la resilienza alle scarse precipitazioni e all'irrigazione, che potrebbero aiutarci in futuro a tenere il passo con la produzione e resistere agli effetti del cambiamento climatico", ha continuato Maillet.

A tal fine, il castello ha avviato un boschetto sperimentale. Sarà attentamente monitorato e studiato per verificare come reagiscono gli alberi al nuovo clima che la regione ha iniziato a sperimentare.

"In questo pannello di varietà, che nel tempo era stato scartato a causa di capacità produttive insufficienti, riteniamo di poter trovare almeno alcune risposte ai problemi di produzione che i produttori di olive potrebbero dover affrontare in futuro", ha aggiunto Maillet.

Tuttavia, questi sforzi rimangono un lavoro in corso, ha affermato, aggiungendo che nel mondo dell'olio d'oliva c'è "tanto dobbiamo ancora esplorare, tanto dobbiamo ancora imparare”.


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti