Le carte vincenti del cambiamento climatico nella coltivazione dell'olivo

Per quello che vale, il cambiamento climatico, almeno per la produzione di olio d'oliva, potrebbe rivelarsi una benedizione sotto mentite spoglie.

Gennaio 11, 2017
Di Stav Dimitropoulos

Notizie recenti

L'Australian Academy of Science (AAS) definisce il cambiamento climatico come il cambiamento nelle proprietà statistiche del sistema climatico (come medie, variabilità ed estremi) che persiste per diversi decenni o più - di solito almeno 30 anni.

Questo cambiamento potrebbe essere naturale o artificiale, afferma l'AAS. Il primo potrebbe accadere a causa di processi naturali, come i cambiamenti nella radiazione solare, i vulcani o la variabilità interna del sistema climatico, il secondo è causato dalle attività umane che cambiano la composizione dell'atmosfera e del suolo.
Vedi anche: Ricercatore Luigi Ponti, sul podcast dell'olio d'oliva
E il ritmo di questo cambiamento? Secondo la National Aeronautics and Space Administration (NASA) la temperatura della Terra è aumentata di circa un grado Fahrenheit negli ultimi 100 anni, causando lo scioglimento della neve e del ghiaccio e l'innalzamento degli oceani, sconvolgendo anche i tempi di crescita di alcune piante. Come segue, un cambiamento di clima influenzerà anche il venerato ulivo, indipendentemente dalla sua robustezza.

EM Kabourakis, il direttore dell'Istituto di viticoltura, floricoltura e colture vegetali (IVFVC) in Grecia, ha detto Olive Oil Times, "Il cambiamento nei modelli di precipitazione e gli eventi meteorologici più estremi come siccità, inondazioni e immense ondate di calore che si verificano con maggiore frequenza e maggiore intensità influenzano le colture e la loro produzione e l'intero agroecosistema di oliveto. "

"Le temperature medie dell'aria sono aumentate negli ultimi decenni, soprattutto durante l'estate. Questo aumento di temperatura in combinazione con periodi di siccità prolungati influisce, tra l'altro, sulla fenologia, sulla fisiologia e sulla produttività delle piante coltivate e, più precisamente, sugli ulivi ", ha affermato Kabourakis.

La questione del cambiamento climatico ha troppe sfaccettature perché ci sia un approccio in bianco e nero. Mentre il cambiamento climatico tende a spingere i nostri pulsanti di panico al punto da contemplare nuovi pianeti abitabili, potrebbero effettivamente esserci alcuni 'carte vincenti "al cambiamento di clima di cui non siamo a conoscenza.

Soprattutto quando si tratta di coltivare ulivi, il cambiamento climatico, per aspetti molto specifici, potrebbe rivelarsi una benedizione sotto mentite spoglie in quanto può annientare il nemico giurato dell'olivo, la Bactrocera Oleae: l'aborrente mosca dell'olivo.

"Per quanto riguarda la produzione di olive, ciò si riferisce principalmente all'effetto dell'aumento delle temperature estive sulla dinamica della popolazione della mosca dell'olivo, il principale parassita dell'olivo e il danno alla frutta dell'olivo ”, conferma Kabourakis. "Ciò è dovuto alla sensibilità della mosca dell'olivo a temperature superiori a 30 ° C ", ha detto il ricercatore.

Precedenti studi sul campo hanno già confermato che un aumento medio della temperatura globale di 1.8 ° C da 1960 a 2050 favorirà lo sviluppo di oliveti, diminuendo, allo stesso tempo, il tasso di sopravvivenza della mosca della frutta.

La robustezza dell'olivo potrebbe resistere a temperature più calde, ma i moscerini della frutta no. Questo sarà il caso in particolare del bacino del Mediterraneo, coltivatore del 97 percento di ulivi a livello globale, dove nel lungo periodo si prevede che i cambiamenti climatici aumenteranno la produzione del 4.1 percento - con i paesi nordafricani emergenti dalla parte del vincitore e il Mediterraneo orientale paesi e il Medio Oriente sul perdente.

Tali ipotesi sono condivise da colleghi ricercatori, tra cui Luigi Ponti, scienziato dell'Unità italiana per lo sviluppo sostenibile e l'innovazione agroindustriale, ENEA: "È una combinazione dell'estensione della stagione di crescita dell'olivo e del fatto che il parassita, la mosca dell'olivo, avrà difficoltà ", ha detto Ponti in un intervista podcast a Olive Oil Times editore, Curtis Cord.

Inoltre, i cambiamenti climatici possono aprire macabre possibilità nel più ampio settore agricolo.

"Per altre colture, le condizioni più calde e più asciutte amplieranno le possibilità di produzione di ortaggi coltivata all'aperto, sebbene ciò dipenda dalla disponibilità di acqua ", ha affermato Kabourakis, che ha anche sottolineato che i cambiamenti climatici avranno un impatto sull'economia dei paesi turistici produttori di olio d'oliva, dove le estese stagioni calde e secche indurranno i visitatori a sciamare i luoghi oltre l'estate e la tarda primavera / inizio autunno.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti