Fare l'olio d'oliva in Francia la Via Ancestrale

Miller nella città rurale di Coudoux, in Francia, stanno perpetuando il modo ancestrale di produrre olio d'oliva per offrire un prodotto tradizionale che ha lo stesso sapore di un secolo fa.

Gennaio 3, 2017
Di Reda Atoui

Notizie recenti

I mugnai nella città rurale di Coudoux, in Francia, stanno perpetuando il modo ancestrale di produrre olio d'oliva e sono irremovibili nel farlo per poter offrire un prodotto tradizionale di alta qualità.

Un rapporto che trasmesso su TF1 ci guida attraverso il modo ancestrale di produrre olio d'oliva nel sud della Francia. Millers from Coudoux, Bouches-du-Rhone (situato nella regione della Provenza) sono tra gli ultimi che producono ancora olio d'oliva come è stato prodotto molti, molti anni fa.

Il processo inizia con il controllo delle olive portate dai coltivatori vicini. Le olive vengono pesate e il frantoio ne verifica le qualità sanitarie. Poi arriva un periodo di riposo per le olive. Il mugnaio li porta all'ultimo piano del suo palazzo centenario; le olive rimarranno lì per quattro o cinque giorni fino a quando non saranno "maturo "a un livello soddisfacente. Questo periodo di ozio è un punto fermo di un modo ancestrale di fare l'olio d'oliva in Provenza.

Presto le olive che si trovano nell'ultimo piano del mulino iniziano a riempire lo spazio. Profumi di timo, mandorla e legno riempiono lo spazio.

Le olive verdi e nere vengono mescolate, il che alla fine permetterà al mugnaio di produrre il suo caratteristico olio d'oliva. Le olive vengono macinate con due ruote in granito da sei tonnellate.

"Molto tempo fa, usavamo cavalli e asini per far girare la smerigliatrice. Oggi usiamo un motore elettrico ma il processo rimane sostanzialmente lo stesso ”, ha osservato il mugnaio. "Le olive immagazzinate all'ultimo piano dell'edificio scendono attraverso un tunnel e finiscono nel macinino, dove vengono frantumate. "

Il frantoio ha dovuto subire modifiche strutturali per soddisfare gli standard dell'Unione Europea, ma la ricetta per fare l'olio d'oliva è rimasta la stessa. Le olive, che vengono macinate con il nocciolo, diventano una pasta su cui si versa scourtins - fogli che un tempo erano fatti di fibre di cocco.

Gli scourtins di pasta di olive vengono impilati uno sull'altro e messi in una pressa che genera 400 bar di pressione. Il liquido dorato alla fine esce e scorre in imponenti tini.

Hyacinthe, operaio frantoio, ha il compito di raccogliere l'olio fresco; sta manovrando uno strumento piuttosto enorme noto come a foglio, un lungo tubo metallico che termina con una cavità simile a una stufa. "Si tratta di una prima decantazione che garantisce la permanenza dell'acqua sul fondo della vasca. L'olio, che è più leggero, sale verso la parte superiore della vasca ”, disse, raccogliendolo con la sua pittoresca feuille. "Vogliamo assicurarci che non sia presente acqua nel nostro olio ”, ha aggiunto un Hyacinthe apparentemente orgoglioso.

L'olio viene quindi inserito in enormi cilindri in cui riposerà per sette settimane per essere filtrato naturalmente. Questo è ciò che rende così prezioso l'olio d'oliva di Coudoux, disse il mugnaio, indicando il prezioso liquido: "Ciò che rende il nostro olio così verde è il modo ancestrale in cui lo produciamo. Perché? Perché l'olio è rimasto in contatto con tutti gli elementi che formano le olive: pelle e polpa, per un lungo periodo di tempo. "

Il prodotto è ora finito. Il mugnaio nel suo frantoio centenario considera il modo tradizionale cruciale se si desidera veramente sperimentare l'olio d'oliva "gusto originale. ”Il mugnaio, insieme ai suoi lavoratori, può essere visto alla fine del filmato che beve orgogliosamente l'olio che hanno prodotto.



Related News

Feedback / suggerimenti