Il programma della Nuova Zelanda mira a rendimenti più elevati

Un progetto volto ad aumentare i raccolti di olio d'oliva in Nuova Zelanda dalla fase di crescita procede come previsto, con gli organizzatori che sperano di vedere una maggiore quota di mercato di olio d'oliva Kiwi come risultato dei loro sforzi.

I partecipanti al Northland Field Day si sono tenuti a novembre (Olives New Zealand)
Gennaio 16, 2017
Di Mary Hernandez
I partecipanti al Northland Field Day si sono tenuti a novembre (Olives New Zealand)

Notizie recenti

Quest'anno sembra portare grandi progressi al progetto Focus Grove della Nuova Zelanda, un'iniziativa che mira a "aumentare la quota di mercato dell'olio d'oliva prodotto localmente identificando le pratiche di gestione di base del boschetto per consentire all'industria di aumentare costantemente la produttività della frutta per ettaro e quindi anche di ridurre i costi ".

Il progetto per aumentare la quota di mercato dell'olio d'oliva kiwi durerà fino alla fine del prossimo anno e spera di migliorare le pratiche di gestione dell'oliveto utilizzando il finanziamento del fondo agricolo sostenibile e dei membri delle olive della Nuova Zelanda, nonché donazioni private.

Insieme all'aumento della produzione, c'è stata una riduzione dei costi di produzione grazie a migliori economie di scala.- Gayle Sheridan, Olive NZ

In genere, l'olio d'oliva prodotto dalla Nuova Zelanda rappresenta meno del 10 percento della quota di mercato locale, con il paese che consuma un rispettabile 4 milioni di litri di olio d'oliva all'anno (di cui l'olio importato costituisce la maggioranza).

Gli oltre 400,000 alberi della Nuova Zelanda sono in grado di produrre almeno la metà di quella quantità, ma l'attuale produzione rappresenta meno di un quarto di quella cifra, lasciando un notevole divario nella produzione.

Mentre in passato i produttori locali hanno tentato di aumentare la resa, fattori quali malattie e cattive condizioni meteorologiche hanno creato ostacoli. Il Focus Grove Project, pertanto, spera di aumentare la produzione affrontando i problemi di produttività e le strutture dei costi.

I ricercatori del gruppo suggeriscono che dovrebbero essere compiuti sforzi per controllare le malattie dei funghi fogliari del clima umido al fine di mantenere foglie sane e migliorare la crescita, la frutta e la fioritura in futuro. È stata raccomandata una potatura migliore degli alberi per dimensionare e modellare ciascun albero per ottenere la massima quantità di luce solare richiesta all'interno di ogni tettoia.

Nel novembre dello scorso anno, la prima revisione e le prime raccomandazioni sono state fatte dopo le visite in loco, con l'obiettivo di aumentare la produzione di 10 kg per albero. Durante queste visite, i consulenti del progetto hanno anche organizzato Field Days, in cui gli olivicoltori locali hanno potuto ottenere consigli sui programmi di irrorazione e sui metodi di potatura, nonché consigli su come evitare cicli on-off e migliori pratiche di controllo delle malattie.

Entro la fine dell'anno, i siti saranno rivisitati per vedere se ognuno è sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo.

Gayle Sheridan, ha detto il funzionario esecutivo di Olive New Zealand Olive Oil Times il progetto sta procedendo come previsto. "Con i Focus Groves ora nel loro secondo anno in cui seguono il programma raccomandato di gestione della chioma e gestione delle malattie, stiamo vedendo il loro tonnellaggio di raccolta raggiungere da 15 a 20 kg per albero rispetto a meno di 10 kg, che è la media nazionale. Insieme all'aumento della produzione, c'è stata una riduzione dei costi di produzione grazie a migliori economie di scala, ha detto Sheridan ".

Se tutto procede come previsto, il progetto spera di vedere aumenti della produzione per albero da 10kg a 15kg per albero a settembre, con le visite finali e le revisioni che si terranno a marzo 2018.



Related News

Feedback / suggerimenti