La produzione riprende in Francia tra le sfide climatiche

Il gelo, la grandine e le piogge torrenziali hanno frenato la raccolta delle olive 2020 in Francia. Sarà comunque migliore dell'anno scorso e i produttori riferiscono che la qualità è buona come sempre.

Foto: Louisa Sherman
Dicembre 23, 2020
Di Daniel Dawson
Foto: Louisa Sherman

Notizie recenti

Dopo un fine catastrofica alla campagna 2019/20, in cui il raccolto previsto è sceso da 5,900 tonnellate a poco più di 3,250 tonnellate, produzione di olio d'oliva in Francia sembra destinato a riprendersi.

Secondo gli ultimi dati del Consiglio oleicolo internazionale (CIO), la Francia produrrà 5,200 tonnellate nell'attuale campagna. Sebbene questo rendimento sia leggermente superiore alla media mobile quinquennale, mostra che la produzione francese tende al ribasso.

Abbiamo il risultato più basso in assoluto nei sette anni in cui abbiamo coltivato questa proprietà e ammonta a un terzo del nostro miglior livello di raccolto di sempre. Ma la natura è gentile e abbiamo un olio di ottima qualità con aromi fini.- Louisa Sherman, comproprietaria, Domaine de Gerbaud

Altre stime sono un po 'più prudenti, con l'autore e Giorni Olio Nuovo la co-fondatrice Emmanuelle Dechelette prevede una produzione di 3,500 tonnellate in un anno articolo scritto per Juan Vilar Strategic Consultants. Francia Olive, l'associazione ufficiale dei produttori di olio d'oliva del paese, deve ancora pubblicare i propri dati sulla produzione.

La ripresa della produzione arriva dopo un altro anno impegnativo, in cui il maltempo in primavera ed estate ha nuovamente danneggiato gli ulivi in ​​tutto il sud del paese.

I produttori vedono il clima sempre più imprevedibile e irregolare che affligge il sud della Francia come una delle principali sfide per il futuro.

Il Pandemia di covid-19 ha provocato anche disagi, sia in termini di logistica del raccolto che di rallentamento delle vendite ai ristoranti e al settore dell'ospitalità. Sebbene il raccolto stesso non sia stato influenzato dalle quarantene nazionali, la capacità di riparare e sostituire le attrezzature durante la primavera lo era.

"Questo è effettivamente quello che è [un altro anno impegnativo di tempo irregolare], soprattutto per le aree francesi a raccolta anticipata e le varietà che sono state colpite dal gelo in primavera, il che è un evento piuttosto raro ", ha detto Henri Derepas, di Champsoleil, che si trova sulle colline vicino alla città sud-orientale di Nizza.

Vedi anche: Aggiornamenti del raccolto 2020

"Paradossalmente, il nostro dipartimento delle Alpi Marittime sta andando bene con una buona produttività complessiva quest'anno, mentre più a ovest, l'anno promette di essere molto debole ", ha detto Olive Oil Times. "Ciò è in parte dovuto al fatto che la nostra varietà è più tarda e che, per noi, la stagione 2019/20 è stata storicamente catastrofica ".

Nel complesso, Derepas prevede di raccogliere circa 35 tonnellate di olive nella sua tenuta biologica di cinque acri, di cui circa 12 tonnellate verranno utilizzate per olive da tavola e le restanti 23 quintali verranno trasformate in olio extravergine di oliva.

impresa-europa-produzione-produzione-rimbalzi-in-francia-tra-sfide-climatiche-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: Henri Derepas

La vendemmia di quest'anno rappresenta un significativo miglioramento in termini sia quantitativi che qualitativi per Derepas, la cui vendemmia 2019 è stata danneggiata da un giugno torrido. Il clima insolitamente caldo durante una fase cruciale della fioritura ha danneggiato molti dei frutti e ha portato a una caduta prematura dei frutti su molti dei suoi alberi.

"La qualità è anche una delle caratteristiche di questa stagione ed è dovuta a una combinazione di fattori positivi: piogge primaverili ragionevoli al momento giusto, estate secca senza temperature eccessive, bassa pressione dal Mosca della frutta e l'assenza del fungo Dalmaticosis ", ha detto.

"Gli oli prodotti fino ad oggi sono molto armonici e rispettano la tipicità del nostro Huile d'olive de Nice DOP ”, ha aggiunto Derepas.

Tuttavia, il produttore ha sottolineato che non tutti erano stati così fortunati. A poche valli da dove vengono coltivati ​​i boschi di Derepas, Storm Alex devastato di nuovo in ottobre.

impresa-europa-produzione-produzione-rimbalzi-in-francia-tra-sfide-climatiche-tempi-dell'olio-d'oliva

Henri Derepas

In circa 24 ore, il 2 ottobre, 450 millimetri di pioggia sono caduti sul nord Italia e nel sud della Francia, spazzando via strade, edifici, linee elettriche e telefoniche e abbondanti raccolti.

"Da un punto di vista agricolo, sono gli allevamenti di ortaggi situati nel fondovalle e le fattorie che hanno sofferto ", ha detto Derepas. "Gli oliveti di famiglia - principalmente nella Valle Roya - hanno sofferto meno perché si trovano in collina ".

"D'altra parte, a causa della mancanza di rete stradale, molte non sono più accessibili ”, ha aggiunto. "Le raffiche di vento hanno causato la caduta prematura di olive sane - fino a un terzo della produzione negli appezzamenti più esposti ".

Il raccolto in queste aree è stato influenzato anche dall'incapacità dei lavoratori di arrivare negli oliveti per la raccolta, nonché dai problemi di connettività tra gli oliveti e i mulini.

"Una settimana dopo, varie tempeste di grandine nelle valli del Paillon (più a sud) e nell'entroterra di Grasse (più a ovest) hanno causato ulteriori danni ai frutti alla vigilia del raccolto ", ha detto Derepas.

Circa 200 chilometri a ovest di dove Derepas raccoglie le sue olive, Louisa Sherman, comproprietaria di Domaine de Gerbaud, ha detto che quest'anno si aspettava un raccolto piccolo ma di alta qualità.

impresa-europa-produzione-produzione-rimbalzi-in-francia-tra-sfide-climatiche-tempi-dell'olio-d'oliva

Foto: Louisa Sherman

"È stato un disastro per alcuni agricoltori in Francia ", ha detto Olive Oil Times. "Un periodo di gelo e piogge indesiderabili sui fiori dell'olivo durante la fase di formazione dei frutti è stata la causa della mancata formazione delle olive ".

"Abbiamo il risultato più basso in assoluto nei sette anni in cui abbiamo coltivato questa proprietà e rappresenta un terzo del nostro miglior livello di raccolto di sempre ", ha aggiunto. "Ma la natura è gentile e abbiamo un olio di ottima qualità con aromi fini ".

Lo specialista agricolo di Sherman, François Aurouze, ha aggiunto di aver osservato un raccolto inferiore del 70% nelle regioni del Var e delle Alpilles, vicino a Marsiglia, e una perdita media del 50% tra i produttori del Luberon, più a ovest e dove si trova il Domaine de Gerbaud.

"Penso che due cause siano all'origine di questo piccolo raccolto: il gelo del 27 e 28 marzo 2020 e alcuni giorni di pioggia al momento della fioritura ”, ha detto.

Vedi anche: I migliori oli d'oliva dalla Francia

Tuttavia, c'è un'altra tempesta imminente che sta preoccupando Sherman quest'anno: la prospettiva di a 'nessun accordo 'Brexit. Dopo aver votato per lasciare l'Unione Europea nel 2016, il termine per il Regno Unito e l'UE per raggiungere un accordo si sta rapidamente avvicinando.

Nel complesso, è improbabile che la Brexit abbia un impatto profondo sul settore della produzione di olio d'oliva francese, poiché la stragrande maggioranza della produzione francese viene consumata a livello nazionale. Tuttavia, complicherà l'operazione di Sherman, che vive part-time nel Regno Unito ed esporta olio d'oliva lì.

"Se i negoziati sulla Brexit falliscono, dobbiamo affrontarli tariffe di circa £ 1.05 ($ 1.40) al litro ", ha detto. "Questo potrebbe essere fondamentale per noi poiché l'olio d'oliva francese è più caro della maggior parte a causa degli alti salari in Francia. L'olio extravergine di oliva francese premium potrebbe essere ulteriormente marginalizzato rispetto agli oli di oliva italiani, greci e spagnoli [nel Regno Unito] a causa dell'aumento dei prezzi ".

impresa-europa-produzione-produzione-rimbalzi-in-francia-tra-sfide-climatiche-tempi-dell'olio-d'oliva

Lontano dall'imposizione di tariffe sulle merci che viaggiano attraverso la Manica, anche la logistica dell'agricoltura in Francia senza cittadinanza europea sta causando grattacapi a Sherman.

"I limiti di viaggio e viaggio ci pongono problemi reali ", ha detto. "A meno che tu non richieda un visto, c'è un periodo di tempo limitato per poter essere nell'UE ogni sei mesi ".

"Per scopi agricoli, è necessario essere sul posto per determinati periodi per monitorare, supervisionare e dedicarsi al duro lavoro ", ha aggiunto Sherman. "Chiederò sicuramente una dispensa speciale agli agricoltori non residenti quando sarà il momento. "

Il Regno Unito sta per lasciare l'UE, de facto, il 1 ° gennaio (tecnicamente è partito il 31 dicembre 2019, ma è entrato in un periodo di transizione di un anno in cui non è cambiato nulla).

Mentre vi è qualche speranza un accordo può essere raggiunto prima di allora, Sherman insieme a molti altri produttori agricoli aspetterà di vedere quali saranno esattamente i futuri rapporti commerciali e di viaggio tra le due parti.


Related News

Feedback / suggerimenti