Progetto utilizza i droni per analizzare le esigenze di ogni albero

Tecnolivo persegue la modernizzazione dell'olivicoltura con la creazione di uno strumento tecnologico pionieristico basato sull'agricoltura di precisione.

Agosto 29, 2018
Di Rosa Gonzalez-Lamas

Notizie recenti

Gli uliveti a Huelva e nel sud del Portogallo sono al centro di Tecnolivo, a progetto di ricerca che esamina l'uso della tecnologia di precisione per la gestione e la supervisione della coltivazione dell'olivo al fine di massimizzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l'innovazione per generare business nel settore olivicolo. 

Il progetto da 2.5 milioni di euro, guidato dall'Università di Huelva attraverso il suo gruppo TEP-192 dedicato al controllo e alla robotica, mira a gestire le aree agricole considerando le peculiarità dei singoli ulivi piuttosto che gestire intere piantagioni in modo omogeneo.

Per ottenere ciò, il progetto utilizza droni con sensori e telecamere per immagini multispettrali. 

I sensori sono posizionati sul terreno che circonda gli alberi o sulla corteccia degli alberi per ottenere informazioni sulla loro situazione nutrizionale, idratazione, fioritura e frutti.

Le telecamere acquisiscono immagini multispettrali che catturano ciò che è visibile all'occhio umano e immagini a infrarossi in grado di rilevare la radiazione generata da ogni albero e dal terreno che lo circonda.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Molte considerazioni possono essere determinate a seconda dell'analisi degli spettri di banda. Questi possono rivelare se una pianta manca di acqua o fertilizzanti, se soffre o è a rischio di soffrire di malattie e il progresso della fioritura e della crescita dei frutti, tra le altre considerazioni. Maggiore è il numero di spettri analizzati, maggiore è il numero di variabili identificabili per gestire in modo più preciso la coltivazione.

Ciò che rende unico questo progetto, però, è che permette di configurare una soluzione completa che combina i dati ottenuti, inviati, elaborati, interpretati e visualizzati con azioni guidate in uno strumento tecnologico pionieristico e di facile utilizzo per gli agricoltori. I suoi sviluppatori affermano che consente la gestione completa, ecologica e ottimizzata degli uliveti attraverso il monitoraggio non invasivo dei parametri agronomici che potrebbero essere rilevanti per la produzione. 




Gli esperimenti sono in corso in Andalusia e Portogallo, considerando diversi scenari per la coltivazione dell'olivo in base alla posizione e alla densità di piantagione: un approccio tradizionale con alberi piantati l'uno dall'altro, un approccio intensivo con un numero maggiore di alberi per ettaro e un super- approccio intensivo con la maggiore densità per ettaro. Collaborano al progetto la cooperativa Oleodiel di Huelva e la società portoghese Elaia.

L'obiettivo finale del progetto è fornire agli agricoltori uno strumento facile da gestire che potrebbe essere utilizzato regolarmente, proprio come trattori o altre attrezzature indispensabili. 

Sarà fornita formazione per spiegare come utilizzare la tecnologia e interpretare i dati dei singoli alberi per gestire gli oliveti secondo le rispettive esigenze di ogni albero e con la massima sostenibilità possibile, favorendo l'uso ottimale delle risorse e la salvaguardia dell'ambiente.

L'olivicoltura è il fulcro del progetto perché le olive sono la coltura con il maggior valore aggiunto e potenziale economico in Andalusia, ma l'Università di Huelva sta esplorando la possibilità di applicare la metodologia ad altre colture.

Oltre all'Università di Huelva, altre entità spagnole che collaborano al progetto includono l'Istituto Nazionale di Tecnica Aerospaziale (INTA) e la Società Cooperativa Nuestra Señora de la Oliva a Huelva. 

Partecipano a Tecnolivo anche l'Istituto nazionale portoghese di tecnica aerospaziale (INTA), l'Istituto nazionale di ricerca agraria e veterinaria, Ubiwhere e la società agricola Murtigão. 

Il progetto è guidato da José Manuel Andújar, professore all'Università di Huelva. Il progetto di ricerca e sviluppo è finanziato con Fondi FEDER dell'Unione Europea.





Related News

Feedback / suggerimenti