La ricerca mostra Leccino meno suscettibile alla Xf

Secondo un nuovo studio, la varietà di oliva Leccino sembra essere "tollerante" all'attacco del batterio Xylella fastidiosa che ha spazzato via vaste aree delle regioni olivicole italiane.

Olive Leccino
Giu. 14, 2016
Di Ylenia Granitto
Olive Leccino

Notizie recenti

Secondo una nuova ricerca, la varietà Leccino sembra essere 'tollerante 'all'attacco del Xylella fastidiosa batterio.

Lo studio, condotto dall'Istituto per la protezione delle piante sostenibili IPSP del Consiglio nazionale delle ricerche CNR di Bari e dal Dipartimento di Scienze del suolo, delle piante e degli alimenti DiSSPA dell'Università di Bari UNIBA, è stato pubblicato sulla rivista internazionale BMC Genomics.

Leccino è dotato di una tolleranza intrinseca alla Xylella fastidiosa- Consiglio Nazionale delle Ricerche del CNR dell'Italia a Bari

I ricercatori hanno confrontato i profili genetici di Leccino e Ogliarola salentina infettati dal subsp di Xylella fastidiosa. batterio di pauca (Xfp) basato su osservazioni sul campo che suggerivano che le piante di Leccino infettate da Xfp mostravano "sintomi molto più lievi "rispetto all'Ogliarola Salentina più coltivata e altamente suscettibile.

Pertanto, i ricercatori hanno notato, "per determinare se queste osservazioni sul campo sono alla base di una condizione tollerante di cv. Leccino, che potrebbe essere sfruttato per diminuire l'impatto economico della malattia sull'industria olivicola locale, sono stati studiati i cambiamenti trascrizionali che si verificano nelle piante delle due cultivar colpite da Xfp ".
Vedi anche: Copertura completa dell'epidemia di Xylella Fastidiosa
I dati suggeriscono che "Xfp provoca una diversa risposta del trascrittoma nelle due cultivar, che determina una concentrazione di patogeno inferiore in cv. Leccino e indica che questa cultivar può ospitare costituenti genetici e / o elementi regolatori che contrastano l'infezione da Xfp ". In altre parole, "Leccino è dotato di una tolleranza intrinseca a Xfp. "

Nei giorni scorsi il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina ha affermato che è stato stanziato un budget di 11 milioni di euro per le aziende agricole pugliesi interessate dal Xf emergenza. "Si è proceduto a completare il processo di assegnazione delle risorse e a firmare il decreto che stanzia alla Regione risorse per il recupero dei danni subiti ”, ha annunciato il ministro durante un'interrogazione parlamentare.

Inoltre, gli eurodeputati Paolo De Castro e Raffaele Fitto hanno presentato un'interrogazione alla Commissione Europea chiedendo di rimuovere il "divieto di impianto di piante ospiti in zone infette ”(previsto dall'articolo 5 del Decisione di esecuzione (UE) 2015/789 della Commissione), che comprende le province di Lecce e parte di Taranto e Brindisi.

La ricerca di IPSP e DiSSPA corrobora la richiesta ma è anche motivo di preoccupazione per chi ritiene di poter favorire la sostituzione nella zona contagiata con Leccino e altre varietà tolleranti, non autoctone della regione, provocando una radicale trasformazione del territorio .

"Questa soluzione farà piacere a chi opera per convertire l'olivicoltura pugliese in intensiva e super intensiva, chiedendo una revisione delle leggi sull'abbattimento degli ulivi monumentali ”, considerato un indipendente rivista locale.

Tuttavia, i ricercatori hanno notato che "questi dati preliminari richiedono un'ampia valutazione di laboratorio e sul campo prima di uno sfruttamento pratico del cv. Leccino per la gestione di Xfp nelle olive. "



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti