Fiere, Concorsi

4th 'Monna Oliva' celebra le migliori olive da tavola italiane

I produttori di Liguria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna hanno raggiunto livelli eccezionali di qualità nonostante la bassa stagione.

Giu. 11, 2017
Di Ylenia Granitto

Notizie recenti

La quarta edizione del concorso nazionale per le migliori olive da tavola Monna Oliva si è concluso con un evento tenutosi il 24 giugno a Latina, nel cuore di Agro Pontino (Lazio), dove il migliore dei circa 90 partecipanti ha ricevuto il riconoscimento per le loro abilità nella lavorazione delle olive.

Numerosi produttori liguri, marchigiani, laziali, abruzzesi, molisani, campani, campani, pugliesi, pugliesi, calabresi, siciliani e sardi hanno raggiunto livelli di qualità eccezionali nonostante la bassa stagione, secondo il gruppo di assaggiatori che ha valutato i campioni sotto la supervisione del panel leader Ivano Caprioli.

Lungo il percorso delle denominazioni di origine, le precedenti edizioni di Monna Oliva ospitavano a Castelvetrano (Sicilia), Cerignola (Puglia) e Ascoli Piceno (Marche).

Alcuni dei vincitori di 4th Monna Oliva

L'ultima sede dell'evento itinerante è stata scelta per onorare il recente riconoscimento della denominazione di origine protetta (DOP) ottenuto dall'Oliva di Gaeta, la cui denominazione è ora riservata esclusivamente alle olive da tavola della varietà Itrana, nota anche come Gaetana, del tipo nero, che soddisfano i requisiti stabiliti dal specifiche di produzione.

"Infine, le olive da tavola italiane includevano una nuova stella europea ", ha dichiarato il presidente della Unione mediterranea degli assaggiatori di petrolio (UMAO), Paola Fioravanti, che ha ideato la competizione. "Da dicembre, l'Oliva di Gaeta si è unita alle DOP Nocellara del Belice, Bella della Daunia e Ascolana del Piceno. ”

pubblicità

Fioravanti ha spiegato che questa oliva proviene dalla cultivar Itrana, che può essere dolcificata naturalmente sia quando il frutto è perfettamente maturo nella versione dell'Oliva di Gaeta DOP, sia quando è ancora verde; in questo caso, il frutto intero può essere naturalmente lavorato o spezzato con sale e quindi stagionato.

"Chi si preoccupa della biodiversità delle cultivar italiane dovrebbe promuovere le olive da tavola e le denominazioni di origine come un valido supporto per i nostri produttori ”, ha considerato Fioravanti. "Il settore delle olive da tavola è ancora una nicchia di mercato, ma negli ultimi anni si è sviluppato e ha dato origine a nuove opportunità, in parte grazie a un cambiamento nello stile di vita e nelle abitudini alimentari delle persone ", ha osservato, sottolineando che, secondo l'International Olive Council, il consumo di tavoli è aumentato del 173 percento negli ultimi 25 anni.

Altri dati economici e tecnici sono stati presentati durante il terzo Forum nazionale sulla produzione di olive da tavola, che ha preceduto la cerimonia di premiazione. Moderati dalla giornalista Maria Antonietta Palumbo, gli interventi sul settore sono stati tenuti dal sindaco di Latina, Damiano Coletta, presidente del consorzio dello sviluppo industriale Roma Latina, Carlo Scarchilli, presidente della Provincia di Latina, Eleonora Della Penna, il presidente dell'associazione degli assaggiatori di Latina Capol, Lino Centauri, consigliere nazionale di Città dell'Olio, Benedetto Miscioscia e ministro dell'agricoltura della Regione Lazio, Carlo Hausmann.

A nome dei produttori, ci sono stati contributi di un esperto di politiche rurali, Antonio Stea, un esperto di olive da tavola, Alberto Bono e Franco Lombardo di Geolive Belice LLC.

Monna Oliva mira a sostenere il settore delle olive da tavola promuovendo il lavoro dei produttori italiani, che utilizzino sistemi tradizionali o metodi controllati e meccanizzati. Tra questi, l'agricoltore calabrese Francesco Gabriele ha ricevuto una menzione d'onore per la sua naturale Bella di Cerignola.

"Sono lieto di questo riconoscimento che ha premiato la mia ricerca in questo campo ", ha detto Gabriele, e ha spiegato che Bella di Cerignola è generalmente indurita e completamente addolcita, ma l'ha elaborata con il metodo naturale al fine di regolare il debito e la croccantezza.

"In questo modo, il consumatore può percepire meglio l'origine dell'oliva perché la lavorazione naturale esalta il gusto tipico della cultivar ", ha spiegato. "A mio avviso, con una gestione biologica, acqua buona e buon sale puoi ottenere un ottimo prodotto ”, ha concluso Gabriele, specificando che ha usato il sale delle saline naturali di Trapani e Paceco, in Sicilia, e ha effettuato severi controlli sull'acqua.

L'elenco dei vincitori è disponibile sul Sito web di Monna Oliva.



Related News