Il programma di adozione salva la città, un albero alla volta

Per decenni, le persone sono fuggite da Oliete, principalmente a Barcellona, ​​e hanno lasciato i loro uliveti secolari alle spalle. In 2014, un gruppo di giovani locali ha avuto l'idea di riportare in vita la risorsa dimenticata del loro villaggio.

Aprile 10, 2017
Di Pablo Esparza

Notizie recenti

Nel suo apogeo all'inizio del 20th secolo, Oliete era una cittadina prospera. 

Oltre 100,000 gli ulivi erano lo stile di vita delle persone quasi 3,000 che risiedevano in questo angolo di Teruel, nelle remote montagne della Spagna orientale.

Si tratta di un progetto di imprenditoria sociale in cui applichiamo innovazione e nuove tecnologie per generare uno sviluppo rurale sostenibile.- Alberto Alfonso, Apadrina un Olivo

Quei tempi sono passati da tempo. Per decenni, le persone sono fuggite da Oliete, principalmente a Barcellona, ​​e si sono lasciate alle spalle i loro uliveti secolari. 

Ora, la popolazione di Oliete è inferiore a 400 e il 70% dei suoi ulivi giaceva abbandonato. L'ultimo dei tre frantoi che un tempo funzionavano qui è stato chiuso 10 anni fa poiché Oliete - come molti altri villaggi della regione - sembrava avviato verso l'abbandono.






Questa è una zona isolata. La distanza dal Mediterraneo è di soli 120 km (75 mi), ma il mare si trova oltre una catena montuosa. Saragozza, la grande città più vicina, dista 100 km. 

Ma alcuni "Gli Olietani "credevano che il destino del loro villaggio potesse ancora prendere una strada diversa. Nel 2014, un gruppo di giovani locali ha avuto un'idea per riportare in vita la risorsa dimenticata del loro villaggio: avrebbero creato una piattaforma online per consentire alle persone di tutto il mondo di adottare ulivi abbandonati da Oliete.

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Il loro obiettivo finale è stato quello di offrire una nuova opportunità alle persone di rimanere e lavorare nella loro città natale recuperando campi incolti.

Ecco come l'associazione Apadrina un Olivo (adotta un olivo) per il recupero degli ulivi incolti di Oliete è nato. 

Alberto Alfonso e Sira Plana, i principali promotori del progetto, incontrano un Olive Oil Times giornalista del nuovissimo frantoio dell'associazione. 

Oliete, Spagna

Appena oltre il fiume Martín, l'antico skyline di Oliete si affaccia su questa nuova struttura che, per la prima volta da anni, ha prodotto olio da olive macinate localmente dalla campagna 2016-17.

Alfonso ha raccontato a OOT come è iniziato tutto: "Più di tre anni fa raccoglievamo le olive con la mia famiglia e abbiamo notato che ogni volta c'erano meno persone che raccoglievano. Le persone qui non consideravano redditizio prendersi cura dei loro ulivi e hanno iniziato ad abbandonare i loro uliveti. Quindi abbiamo pensato a un nuovo modo per valorizzarli con l'aiuto della società ".

Il modo in cui funziona il progetto è semplice: per € 50 ($ 52.96) all'anno "padriânos (letteralmente "padrini ”) possono scegliere quale albero vogliono adottare, dargli un nome e visitare Oliete per incontrarlo quando vogliono. 

Ricevono aggiornamenti costanti sull'evo-luizione del loro albero attraverso l'app "Mi olivo ”(Il mio olivo) e ricevono due litri di olio d'oliva ottenuto dagli ulivi recuperati di Oliete. 

"Si tratta di un progetto di imprenditoria sociale in cui applichiamo innovazione e nuove tecnologie per generare uno sviluppo rurale sostenibile ", ha affermato Alfonso.

A tre anni dalla sua creazione, Apadrina un Olivo è riuscita a recuperare 5,000 ulivi e ha iniziato a produrre il proprio olio d'oliva grazie all'aiuto di 2,000 sostenitori, istituzioni pubbliche e sponsor privati. 

L'associazione dà lavoro a cinque dipendenti e collabora con un'associazione locale di persone con disabilità che prendono parte ai compiti di recupero degli alberi abbandonati. 

"Produciamo un olio d'oliva responsabile: è solidale perché i sostenitori sono quelli che lo rendono possibile grazie al loro contributo, è sociale perché lavoriamo con persone con disabilità intellettiva ed è sostenibile perché pratichiamo agricoltura biologica ", ha spiegato Alfonso.

"Volevamo essere parte di quel cambiamento nel villaggio e creare un progetto con un'anima ”, ha aggiunto Sira.

Il progetto di Oliete è spesso visto come un modello per ulteriori azioni di sviluppo rurale nella cosiddetta Laponia del sud, una regione informale che comprende parti delle province di Teruel, Cuenca, Guadalajara, Soria e Valencia. 

Questa vasta area rurale nella Spagna centrale e orientale, con una media di 5 abitanti per chilometro quadrato, è una delle regioni meno popolate e più invecchiate d'Europa.

Progetti come Apadrina un Olivo, come dice Alfonso, "risplendere una luce nel mezzo della desolazione. "



Related News

Feedback / suggerimenti