Amazon registra il tasso di deforestazione più alto degli ultimi 15 anni

La deforestazione in Amazzonia è aumentata del 21% dal 2020 al 2021 ed è più del doppio rispetto a dieci anni fa.

4 gennaio 2022 12:49 EST
Di Brittany Artwohl

Notizie recenti

La foresta pluviale amazzonica è la più grande del mondo e una parte vitale dell'ecosistema globale.

Conosciute per la sua lussureggiante biodiversità, le foreste pluviali svolgono un ruolo fondamentale nei cicli meteorologici, nella regolazione dell'umidità e nel sequestro delle emissioni di carbonio.

La deforestazione continua a dominare le nostre emissioni, con una tendenza al rialzo proprio nell'anno in cui il Brasile dovrebbe iniziare a raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi sul clima.- Tasso Azevedo, ricercatore, Sistema di stima delle emissioni di gas serra

Tuttavia, vaste aree della foresta pluviale vengono bonificate ogni anno. Secondo un'immissione errata dei dati dall'Istituto nazionale brasiliano per la ricerca spaziale (INPE), c'è stato un aumento del 22% dei tassi di deforestazione in Amazzonia dal 2020 al 2021, i tassi più alti degli ultimi 15 anni.

Nei primi 10 mesi del 2021, la deforestazione in Amazzonia è salita a 13,200 chilometri quadrati, un'area leggermente più piccola del Montenegro o del Connecticut.

Vedi anche: L'UE si muove per bloccare le importazioni derivate dalla deforestazione, compreso un po' di olio di palma

Nuovi un'immissione errata dei dati dal sistema di stima delle emissioni di gas a effetto serra (SEEG) e dall'Osservatorio sul clima mostrano anche che il Brasile ha generato emissioni nazionali lorde di 2.16 miliardi di tonnellate di anidride carbonica equivalente. Rispetto agli 1.97 miliardi di tonnellate del 2019, questi numeri hanno allarmato molti esperti di clima.

pubblicità

Si stima che la distruzione della foresta pluviale amazzonica rappresenti il ​​9.5% aumento dei gas serra registrato nel 2020 dall'Osservatorio Clima e rappresentano il livello di emissioni più alto del Paese dal 2006.

"La deforestazione continua a dominare le nostre emissioni, con una tendenza al rialzo proprio nell'anno in cui il Brasile dovrebbe iniziare ad incontrarsi Paris accordo sul clima obiettivi", ha affermato Tasso Azevedo, un esperto di clima che coordina lo studio SEEG.

L'Accordo di Parigi sul clima, che stabilisce la necessità di mantenere l'aumento della temperatura globale al di sotto dei 2 ºC, è stato approvato nel 2015 ed è sostenuto da 200 paesi.

Il rapporto sull'uso del suolo del Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2019 ha affermato che proteggere e ripristinare le foreste pluviali è "urgente", una parola che l'organizzazione usa con parsimonia.

Il fondo mondiale per la fauna selvatica stime che il 17% dell'Amazzonia è stato distrutto negli ultimi 50 anni, principalmente a causa dell'espansione degli allevatori di bestiame.

Le proiezioni dell'INPE per il prossimo anno prevedono che la deforestazione continuerà mentre le vendite di legname aumentano e il disboscamento illegale continua a rappresentare una minaccia per le normative governative sul taglio.

Nonostante i tentativi del presidente brasiliano Jair Bolsonaro di minimizzare la realtà della distruzione, il danno non è difficile da vedere. Immagini dal satellite Aqua della NASA dimostrare la costante perdita di foreste dal 2010.

Bolsonaro è entrato in carica nel 2019 e ha priorità all'economia sopra l'ambiente. Dice che le affermazioni sulla deforestazione sono esagerate e ha assicurato che il 90 percento dell'Amazzonia è ancora preservato.

Alcuni attivisti temono che Bolsonaro e i suoi alleati possano risolvere i grattacapi politici generati dalla deforestazione illegale legalizzandola.

"Se tutta la deforestazione è legale, allora hai azzerato la deforestazione illegale con successo", ha affermato Suely Araújo, specialista senior di politiche pubbliche presso l'Observatório do Clima, una coalizione della società civile focalizzata su cambiamento climatico.

Bolsonaro ha anche costantemente affermato che il Amazon appartiene al Brasile, ignorando le varie sezioni che appartengono alle popolazioni indigene che hanno vissuto in Amazzonia da tempo immemorabile.

pubblicità

Nega qualsiasi minaccia alla popolazione indigena di oltre 800,000 e ai 450 territori associati in tutto il Brasile. Interrogato all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, Bolsonaro ha respinto le accuse di danni e ha colpito quello che ha chiamato "reportage sensazionale”.

"Usando e ricorrendo a questi errori, alcuni paesi, invece di aiutare... si sono comportati in modo irrispettoso e con uno spirito colonialista", ha detto. "Hanno persino messo in discussione ciò che consideriamo un valore più sacro: la nostra sovranità”.

Nonostante la mancanza di urgenza con cui Bolsonaro ha affrontato la questione, gli attivisti per il clima hanno ricevuto qualche speranza dalla conclusione del Vertice sul clima COP26 nel mese di novembre 2021.

Le foreste del mondo sono state in prima linea nel dibattito globale, con i delegati di 133 paesi che hanno firmato un accordo per invertire la deforestazione entro il 2030. Il delegato del Brasile era tra i rappresentanti a impegnarsi per il ripristino globale delle foreste.

Più speranze per gli oppositori del presidente brasiliano potrebbero arrivare nell'ottobre 2022. L'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva è dice per annunciare formalmente una corsa presidenziale a marzo, con un recente sondaggio che gli ha dato un vantaggio di 27 punti rispetto all'operatore storico.

Lula ha governato il Brasile dal 2003 al 2010. Sotto il suo governo, la deforestazione nella foresta pluviale amazzonica è diminuita notevolmente. Tra gli obiettivi della campagna attuale di Lula c'è quello di ristabilire il Brasile come voce di primo piano sulle questioni ambientali.

"Insieme all'Unione Europea, noi [Sud America] potremmo formare un blocco economico, un blocco con posizioni politiche simili, con visioni ambientali simili, per affrontare i due colossi... gli Stati Uniti e la Cina", ha detto a un rally recente.


pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti