Europa

I premiati produttori portoghesi reagiscono all'iniziale NYIOOC risultati

Con 16 premi finora, i produttori portoghesi hanno sfruttato le loro prestazioni tradizionalmente forti al più prestigioso concorso mondiale sulla qualità dell'olio d'oliva, sottolineando la diversità delle offerte della regione.

La società Trás-os-Montes, proveniente dal Portogallo settentrionale, ha vinto tre premi quest'anno.
Può. 15, 2020
Di Pablo Esparza
La società Trás-os-Montes, proveniente dal Portogallo settentrionale, ha vinto tre premi quest'anno.

Notizie recenti

"Fino a poco tempo fa non sapevamo nemmeno se il NYIOOC avrebbe avuto luogo ", ha detto Ana Carrilho, direttore di produzione di Esporão Azeites Olive Oil Times. "Alla fine lo ha fatto e siamo molto felici. ”

Esporão Selecção, marchio affermato dell'Alentejo, la principale regione produttrice di olio d'oliva del Portogallo, ha vinto un Gold e due Silver Awards all'edizione di quest'anno del NYIOOC Concorso mondiale dell'olio d'oliva, Che ha rivelando i suoi risultati tutti i giorni questa settimana.

Questo premio significa che siamo tra i migliori al mondo e ci dice che stiamo facendo un buon lavoro negli uliveti.- Gonçalo Rosa da Silva, produttore dell'Azeite Angélica

"Siamo molto contenti dei risultati e del fatto che anno dopo anno sono coerenti. Soprattutto in un anno così difficile ", ha aggiunto Carrilho.

Gli organizzatori delle competizioni hanno annunciato a marzo che il panel internazionale lo avrebbe fatto giudicare a distanza la qualità degli oli d'oliva concorrenti a causa delle restrizioni alla mobilità imposte dal crisi del coronavirus.

Guarda anche: Altro dal 2020 NYIOOC

Il concorso ha registrato 881 voci da 26 paesi per la sua ottava edizione. Con 52 voci - una cifra leggermente inferiore rispetto ai 67 partecipanti nel 2019 e nel 2018 - il Portogallo ha già vinto 16 premi, otto d'oro e otto d'argento, consolidando le sue forti prestazioni al concorso annuale. I risultati continueranno a essere diffusi domani, il NYIOOC disse.

pubblicità

Nel Stagione 2019/20, Il Portogallo ha raccolto 125,400 tonnellate di olio d'oliva e un recente studio suggerisce che il Portogallo ha il potenziale per diventare il terzo produttore al mondo by 2030.

"Siamo molto contenti Questo è il più grande concorso al mondo per l'olio extra vergine di oliva e dà molta visibilità al marchio ", António Duarte, responsabile delle vendite di Monterosa, Ha detto Olive Oil Times. "Quest'anno è la sesta edizione consecutiva a cui abbiamo partecipato. ”

"Una cosa che apprezziamo è il buon ambiente di comunicazione attorno alla concorrenza ", ha aggiunto. "Questo ci ha aiutato a iniziare a lavorare con alcune nuove aziende e per un produttore così piccolo come noi, è molto importante ".

Monterosa, la cui tenuta di 37 acri si trova nella regione meridionale dell'Algarve, ha vinto due Gold Awards al NYIOOC per la sua Cobrancosa e Picual oli e due Silver Awards, per i suoi mescolarsi e le sue Macanilha de Tavira, una cultivar tradizionale della zona.

"L'Algarve non è molto noto per l'olio d'oliva e questi premi dimostrano che è possibile produrre olio di alta qualità in qualsiasi parte del paese ", ha affermato Duarte.

Sebbene circa il 70 percento della produzione del paese sia raccolta nella regione dell'Alentejo, la diversità regionale è un fattore chiave per comprendere il settore dell'olio d'oliva del Portogallo.

L'olio del paese iberico le esportazioni sono più che triplicate nell'ultimo decennio, passando da 51,774 tonnellate nel 2010 a 158,688 nel 2019, secondo Casa do Azeite, l'associazione dei produttori di olio d'oliva del Portogallo. Ma, oltre ad aumentare la sua produzione, il Portogallo sta rafforzando il suo profilo di produttore di alta qualità.

Azeite Angélica è anche un produttore di famiglia, ma in questo caso ha sede nella regione di Moura, in Alentejo. Essi ha vinto un Gold Award per la loro miscela media di varietà locali Galega, Cordovil e Verdeal al NYIOOC.

"I nostri ulivi sono alberi antichi, non irrigati. Che, insieme alla nostra scommessa sulle cultivar tradizionali, è la chiave per la qualità del nostro olio d'oliva ", ha detto Gonçalo Rosa da Silva, produttore dell'Angélica Olive Oil Times.

"Oggi, gli oli di oliva portoghesi sono allo stesso livello dei migliori al mondo ", ha aggiunto Rosa da Silva. "Le nostre varietà locali sono molto complesse dal punto di vista organolettico e la qualità si riflette su premi internazionali come questo. "

"Il progetto NYIOOC è una competizione che offre grande visibilità e Miglior indice degli oli d'oliva è diventato un riferimento nel settore ", ha continuato. "Questo premio significa che siamo tra i migliori al mondo e ci dice che stiamo facendo un buon lavoro negli uliveti. ”

Duarte ha indicato gli anni dell'ultima crisi economica come una svolta per il settore dell'olio d'oliva nel paese.

"Il Portogallo ha vissuto una crisi economica molto dura alcuni anni fa e i produttori hanno iniziato a cambiare direzione ", ha affermato. "Abbiamo visto molti produttori investire in nuovi macchinari e concentrarsi su una migliore qualità negli ultimi anni. "

Carrilho ha convenuto che gli oli portoghesi lo sono seguendo un trend positivo, sia in termini di qualità che di quantità.

"Se parliamo di nuove tendenze nella coltivazione dell'olivo, dobbiamo parlare del Portogallo ", ha detto. "Fondamentalmente perché siamo partiti da zero e la maggior parte dei nuovi oliveti e frantoi si concentra sulla qualità ".

"Il nostro obiettivo è fare la differenza grazie alla qualità e alle nostre cultivar locali ”, ha aggiunto Carrilho. "Sono ottimista riguardo al futuro dell'olio d'oliva in Portogallo. E sono lieto che ogni anno ci siano sempre più premiati oli di oliva portoghesi ”.


Related News