Entrambi i lati del divario di etichettatura sono soddisfatti quando il disegno di legge emendato passa al Senato della California

Il disegno di legge, AB-535, richiederebbe ai marchi che utilizzano il termine "California" nel loro nome di rivelare la percentuale minima di olio d'oliva californiano nei loro prodotti miscelati.
1 set 2021 10:45 CEST
Daniel Dawson

Notizie recenti

Il Senato dello Stato della California ha approvato un emendamento Assemblea Bill 535 con un margine quasi unanime. Trentotto senatori di entrambi i partiti hanno votato a favore di AB-535, con due astensioni.

Il controverso disegno di legge sull'etichettatura dell'olio d'oliva ora andrà alla scrivania del governatore, da quel momento in poi dovrebbe essere firmato in legge.

È meraviglioso come la versione originale? No. Ma questa è politica e penso ancora che lo spirito del disegno di legge sia intatto. Continuo a pensare che aiuterà i consumatori ei piccoli produttori nazionali come noi.- Samantha Dorsey, presidente, McEvoy Ranch

I sostenitori della legislazione hanno celebrato l'approvazione del disegno di legge come una vittoria per la verità nell'etichettatura, nonostante la loro affermazione che la versione finale del disegno di legge fosse stata notevolmente annacquata.

Nel frattempo, gli oppositori dell'AB-535 sono stati soddisfatti delle concessioni ottenute in senato che hanno rimosso i requisiti più rigorosi dal disegno di legge.

Vedi anche: California di Olive Oil Proi produttori affrontano un futuro incerto mentre la storica siccità continua

"Sono ancora favorevole al 100% all'AB-535 anche nelle sue condizioni attuali", Samantha Dorsey, presidente di McEvoy Ranch e membro della California Coalition for Truth in Olive Oil Labeling (CCTOOL), che ha esercitato forti pressioni a favore del disegno di legge sin dalla sua introduzione nel 2020, ha dichiarato Olive Oil Times. "Quando passerà, penso che sarà un beneficio per il nostro stato. Il compromesso è solo una parte di quel processo".

pubblicità

In origine, AB-535 cercava di proibire l'uso della parola 'California' su qualsiasi etichetta, marchio o documento ufficiale dell'azienda se non è stato prodotto con olive coltivate in California al 100%.

"È illegale etichettare qualsiasi olio d'oliva con una rappresentazione che tutte le olive utilizzate per produrre l'olio d'oliva sono state coltivate in California, compresi i termini 'olio d'oliva californiano,' 'Olive della California", o qualcosa di sostanzialmente simile, a meno che tutte le olive utilizzate per produrre l'olio d'oliva non siano state coltivate in California", il testo originale del disegno di legge letto.

I sostenitori del disegno di legge hanno affermato che la legislazione - nella sua formulazione originale - è stata progettata per porre fine a pratiche ingannevoli e livellare il campo di gioco assicurandosi che la parola '"California" era associato esclusivamente ai prodotti californiani e non alle miscele importate.

Nel frattempo, gli oppositori del disegno di legge, tra cui California Olive Ranch (COR), il più grande olive oil producer negli Stati Uniti, ha affermato che il disegno di legge è un tentativo tutt'altro che sottile di punire i grandi produttori.

Tuttavia, Michael Fox, amministratore delegato della società, ha detto Olive Oil Times che era soddisfatto dei compromessi raggiunti in Senato. Il disegno di legge modificato consentirà all'azienda di mantenere il proprio marchio Global Blend, prodotto con olive provenienti da California, Portogallo, Argentina e Cile, sotto l'etichetta COR.

affari-nord-america-mondo-entrambi-i-parti-di-etichettatura-divide-soddisfatto-come-modificato-il-bill-pass-california-senato-olive-times

California Olive Ranch

"È un compromesso e siamo stati davvero grati all'ufficio dell'autore per essere stato disposto a lavorare con noi e tanto di cappello alla commissione per l'agricoltura del Senato”, ha affermato Fox. "Non credo che tutti abbiano ottenuto ciò che volevano, ma questo è il compromesso, arrivare in un posto in cui tutti possiamo vivere".

Il nuovo linguaggio del disegno di legge afferma che aziende come COR possono mantenere "California" ben visibile nella parte superiore delle etichette dei prodotti realizzati con olive coltivate al di fuori della California, a condizione che la percentuale minima di olive della California sia posta sull'etichetta con lo stesso carattere, dimensione e colore.

"Questo disegno di legge richiederebbe anche un contenitore di olive oil prodotto, elaborato, venduto, offerto in vendita, regalato o posseduto in California che include 'California' in qualsiasi forma sul suo pannello di visualizzazione principale e contiene olio d'oliva derivato da olive coltivate al di fuori della California per rivelare la percentuale minima di olio d'oliva nel contenitore derivato da olive coltivate in California ", si legge nel disegno di legge modificato. "Il disegno di legge prescriverebbe un linguaggio specifico per rendere la divulgazione e richiederebbe che sia dello stesso carattere, dimensione e colore della parola 'California.'"

Una volta che il disegno di legge sarà convertito in legge, un processo che potrebbe essere complicato dalle elezioni per la revoca del governatore fissate per il 14 settembre, le nuove regole si applicheranno a tutti olive oil prodotti dopo il 31 dicembre 2021.

Nonostante l'incertezza che circonda l'elezione di richiamo nell'attuale sessione legislativa, Fox ha affermato che COR sta già apportando le modifiche appropriate al marchio Global Blend, agendo come se la legge fosse già stata approvata.

"Partiamo dal presupposto che la legge sarà firmata, e quindi siamo in procinto di apportare modifiche alle nostre etichette", ha affermato. "La nostra serie Global Blend verrà aggiornata per riflettere queste esigenze di conformità".

pubblicità

Oltre a limitare l'uso del termine "California "sulle etichette dell'olio d'oliva nello stato, la versione originale di AB-535 ha anche cercato di limitare l'uso o il riferimento a specifiche regioni della California a meno che l'85 percento delle olive utilizzate per produrre l'olio non fosse coltivato in quella regione.

Vedi anche: Un terzo dei migliori oli d'oliva americani proviene da questa regione della California

"È illegale etichettare qualsiasi olio d'oliva con un'etichetta che indica o rappresenta che le olive utilizzate per produrre l'olio d'oliva sono state coltivate in una regione specifica della California, o fare una rappresentazione in tal senso, a meno che almeno l'85 percento dell'olio d'oliva , in peso, è stato prodotto da olive coltivate in quella specifica regione ", si legge nella versione originale del disegno di legge.

Tuttavia, anche la sua parte del disegno di legge è stata modificata - annacquata, secondo i suoi sostenitori - per consentire a società come Napa Valley Naturals di mantenere il proprio marchio in vigore su bottiglie di olio d'oliva in cui meno dell'85 percento delle olive proveniva dalla regione di riferimento.

"Olive oil proprodotto, lavorato, venduto, offerto in vendita, ceduto o posseduto in California, che indichi sulla sua etichetta che proviene da una determinata regione della California deve essere costituito da olio di cui almeno l'85%, in peso, è derivato da olive coltivato nella regione specificata", si legge nel disegno di legge modificato.

"Questa sezione non vieta un olive oil producente o trasformatore di utilizzare una dichiarazione o rappresentazione veritiera e non fuorviante riguardo all'origine geografica delle olive utilizzate nella produzione dell'olio d'oliva in qualsiasi etichetta, materiale di imballaggio o pubblicità se l'etichetta, il materiale di imballaggio o la pubblicità non contengono alcuna rappresentazione che sia vietato da questa sezione", continua il disegno di legge modificato.

Secondo un analisi del disegno di legge dallo studio legale Keller and Heckman, specializzato in diritto alimentare e farmaceutico, a condizione che aziende come Napa Valley Naturals non colleghino i termini "olio d'oliva" e Napa Valley sulle loro etichette o sui materiali associati, rimarranno conformi.

"Ad esempio, un marchio come 'Napa Valley Naturals include il riferimento a una specifica regione della California, ma non dichiara che l'olio d'oliva è prodotto in quella regione e quindi non sarebbe soggetto ai requisiti di legge ", ha scritto l'azienda. "Tuttavia, una frase come 'L'olio d'oliva della Napa Valley 'sarebbe richiesto per soddisfare il requisito dell'85 percento. "

Sebbene nessuna delle parti del divario sul dibattito sulla verità nell'etichettatura della California abbia ottenuto esattamente ciò che voleva, entrambe le parti hanno convenuto che i consumatori della California alla fine beneficiano della nuova legislazione.

"Penso che sarà comunque utile per i nostri consumatori vedere più chiaramente cosa c'è nella bottiglia", ha detto Dorsey. "È meraviglioso come la versione originale? No. Ma questa è politica, e continuo a pensare che lo spirito del disegno di legge sia intatto. Continuo a pensare che aiuterà i consumatori e i produttori nazionali più piccoli come noi".

"I consumatori che si preoccuperanno davvero di questo sono [gli appassionati dell'olio d'oliva della California] ", ha concluso Fox. "Se questo li aiuta a capire ulteriormente, siamo felici di farlo".


Olive Oil Times Video Serie
pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti