Produzione

La Croazia vuole che i suoi olivicoltori si organizzino

Il ministro dell'agricoltura ha affermato che le cooperative aiuterebbero il settore consentendo ai produttori di beneficiare del sostegno finanziario e di altre misure.

Febbraio 26, 2020
Di Karmela Hromin

Notizie recenti

Il ministro croato dell'agricoltura, Marija Vučković, ha annunciato che il Ministero sta lavorando alle modifiche dello statuto sociale che si applicano alle organizzazioni di produttori.

L'amministrazione è lenta e le condizioni precedenti erano troppo difficili per essere soddisfatte dalla maggior parte dei produttori. Ma le nuove condizioni saranno più flessibili.- Radoslav Bobanović, direttore di una cooperativa croata di produttori di olio d'oliva

L'obiettivo delle modifiche è incoraggiare gli agricoltori e i produttori a creare organizzazioni settoriali che, secondo il ministro, aiuterebbero la crescita e lo sviluppo consentendo ai membri di beneficiare del sostegno finanziario e di altre misure e di guidarli nella preparazione di gare connesse con l'UE Programma di sviluppo rurale.

Mentre nell'UE i gruppi di olivicoltori erano importanti nello sviluppo del settore, Produttori di olive croati hanno tradizionalmente resistito all'organizzazione e i precedenti tentativi di cambiare la situazione hanno prodotto pochi risultati.

Le ragioni sembrano essere le dimensioni ridotte di un produttore medio e la riluttanza a collaborare, portando a una mancanza di sostegno da parte del governo locale o nazionale.

Guarda anche: I migliori oli d'oliva dalla Croazia

I criteri esistenti per la costituzione di organizzazioni agricole sono stati difficili da soddisfare per gli olivicoltori. Ci devono essere almeno sette membri, 150 ettari di terra, 50 tonnellate di olio prodotto o 3 milioni di Kuna croate ($ 437,802) di entrate annue da vendite. Il XNUMX% della produzione di un'azienda agricola deve passare attraverso l'organizzazione.

pubblicità

Gli olivicoltori croati di solito possiedono terreni relativamente piccoli e conservano una parte significativa dell'olio prodotto per il consumo personale.

Non vi è mai stata un'associazione nazionale di olivicoltori che rappresentasse le loro esigenze e che abbia portato gli ex ministri dell'agricoltura a, in varie occasioni, a caratterizzare il settore oleicolo come poco importante, secondo Agrobiz.

Durante la preparazione del nuovo codice delle organizzazioni, i produttori di olio d'oliva hanno opinioni diverse su ciò che può fare per loro.

Radoslav Bobanović, il direttore di una cooperativa, è ottimista. "Saluto gli sforzi e il fatto che il legislatore stia lavorando per modificare il Codice. L'amministrazione è lenta e le condizioni precedenti erano troppo difficili per essere soddisfatte dalla maggior parte dei produttori. Ma le nuove condizioni saranno più flessibili ", ha detto.

Tomislav Najev, proprietario di una fattoria di famiglia, d'altra parte, è scettico.

"Non sono un ottimista quando si tratta di questo. All'età di 54 anni, mi considero tra i più vecchi produttori di olio d'oliva e in passato hanno avuto brutte esperienze con le cooperative. In primo luogo, sono stati costretti a rimanere in gabbia, e poi la maggior parte di loro è fallita e coloro che sono rimasti stanno lottando finanziariamente ", ha detto Najev.

"Non credo che i produttori di olio d'oliva siano interessati all'organizzazione. Non ci interessa, il sistema funziona così com'è ", ha aggiunto. "I produttori di petrolio ottengono un sostegno finanziario piccolo ma affidabile dal governo, che è esente da tasse. Non ci sono obblighi e nessun controllo. Abbiamo anche stabilito buoni canali di vendita ".

Bobanović ha sostenuto che esiste un potenziale non sfruttato nella forza collettiva dei piccoli produttori del paese.

"Al momento ci sono 10 milioni di ulivi in ​​Croazia, ma credo che ci sia spazio per altri 20 milioni e la produzione è boutique, non industriale. L'Istria potrebbe formare un'unica organizzazione - in Dalmazia potrebbero esserci tre o quattro organizzazioni - e ogni isola costituisce un'organizzazione separata. Potevano mettere in comune le proprie risorse, acquistare attrezzature, trattori, un frantoio. Potrebbero marchiarsi e soddisfare gli standard dell'UE. "



Related News