Nuovi scontri in Puglia Mentre gli ulivi 42 vengono spostati per la pipeline

Gli appaltatori si stanno preparando a sradicare un altro ulivo 1,800 lungo un percorso di cinque miglia della Trans Adriatic Pipeline. È possibile spostare fino agli ulivi 10,000 per consentire la costruzione dell'intero progetto $ 4.5-billion.

Giu. 12, 2017
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

La scorsa settimana la Puglia è tornata ad essere teatro di scontri tra polizia e manifestanti, mentre gli ambientalisti hanno cercato di impedire la rimozione dell'ultimo 42 degli ulivi secolari 200, ostacolando il controverso Trans Adriatic Pipeline (TAP).

Abbiamo fatto tutto quanto in nostro potere per garantire la salute degli alberi, annaffiando gli ulivi ogni 2 o 3 giorni.- Lisa Givert, responsabile delle comunicazioni di TAP

I 42 ulivi che hanno scatenato la protesta della scorsa settimana sono stati sradicati in aprile e messi in contenitori. Gli ulivi non possono essere sradicati durante il loro rapido scatto di crescita (1 maggiost e il 30 novembreth), ma gli ulivi sradicati possono essere spostati durante tutto l'anno. 

Lisa Givert, responsabile della comunicazione di TAP, ha detto Olive Oil Times, "A causa dei manifestanti che barricano il sito, TAP non è stata in grado di spostare gli ulivi nell'area del vivaio prima dell'inizio di luglio. Tuttavia, abbiamo fatto tutto quanto in nostro potere per garantire che gli alberi rimangano sani, annaffiando gli ulivi ogni 2 o 3 giorni ". 

Nonostante l'ultimo round di proteste, in cui le strade sono state bloccate per impedire la rimozione degli ulivi e i camion TAP sono stati vandalizzati, Givert ha detto, "TAP ha rimosso il primo gruppo di ulivi come previsto. Il programma rimane e TAP continua a lavorare per essere pronta a consegnare il primo gas da Shah Deniz nel 2020 ". 

Secondo Givert, "TAP ha ora rimosso tutti i 210 ulivi nell'area del micro-tunnel (l'ultimo gruppo di 42 alberi è stato trasportato la mattina del 4 luglio). Gli alberi sono stati spostati in un vicino vivaio (Masseria del Capitano) dove saranno conservati e curati meticolosamente fino a quando non potranno essere ripiantati nella loro posizione originale, una volta terminati i lavori ". 

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

TAP ha realizzato una tettoia di protezione per gli ulivi e ha predisposto un impianto di irrigazione. 

Givert ha aggiunto, "Gli ulivi ospitati nel vivaio sono curati in linea con le migliori pratiche agricole, secondo il Piano di gestione degli ulivi, approvato dalla Regione Puglia. Le reti proteggono gli alberi dal Xylella batteri e canali di irrigazione sono stati costruiti ". 

La rimozione del primo lotto di alberi ha consentito a TAP di proseguire con la seconda fase del progetto, che prevede la rimozione di ulteriori 2,000 ulivi dal percorso di 8 km del gasdotto, dal micro-tunnel al terminale di ricezione del gasdotto (PRT ).

In totale fino a 10,000 alberi di ulivo di cui alcuni classificati come "monumentale ”sono contrassegnati per la rimozione durante la costruzione del gasdotto da 4.5 miliardi di dollari che trasporterà il gas naturale dal Mar Caspio all'Italia. 

Givert ha aggiunto, "In una seconda fase, TAP deve spostare e immagazzinare circa 1,800 ulivi lungo il percorso di 8 km del gasdotto, dall'uscita del micro-tunnel al terminale di ricezione del gasdotto (PRT) prima di reimpiantarli nel loro sito originale, quando i lavori saranno terminati. TAP rimuoverà il secondo gruppo di olivi non appena le Verifiche di Conformità (VoC o attività di autorizzazione secondaria) saranno rilasciate dalle autorità competenti. 

Protesta contro la rimozione di ulivi secolari per il gasdotto è iniziato a marzo quando TAP annunciò che stavano per iniziare a sradicare gli ulivi. 

Il progetto era già stato ritardato di un anno a causa della forte opposizione locale. Al culmine delle proteste, la Puglia è scesa in un campo di battaglia con la polizia armata che caricava mentre gli attivisti lanciavano pietre e bottiglie.





I tempi di TAP per la rimozione degli ultimi alberi 42 sono stati criticati anche dal sindaco locale, Marco Poti, che ha affermato che la società aveva accettato di sospendere le attività tra giugno e settembre quando i turisti accorrono nelle località pugliesi. TAP ha difeso questa decisione come necessaria per la protezione e il benessere degli alberi sradicati. 

Il governo italiano ha classificato TAP come un progetto strategico, il che significa che le obiezioni locali sono state annullate. Gli attivisti hanno fallito nei loro tentativi di posizionare il gasdotto più a nord, in una regione industriale della Puglia, 

Il TAP è la tappa finale del corridoio meridionale del gas lungo 2,200 miglia che trasporterà il gas dall'Asia all'Europa, un progetto considerato essenziale per ridurre la dipendenza dell'UE dall'energia russa.



Related News

Feedback / suggerimenti