Europa

Aziende agricole del Sud Italia ben rappresentate nell'indice dei migliori oli di oliva del mondo

Dalla Puglia alla Sicilia, i produttori di tutte le rinomate regioni olivicole del Sud Italia hanno celebrato il loro successo al più prestigioso concorso mondiale sulla qualità dell'olio d'oliva.
Olio Mazzone: Giuseppe Campanale e suo padre Giacomo
Giu. 3, 2020
Ylenia Granitto

Notizie recenti

L'ottava edizione del NYIOOC Concorso mondiale dell'olio d'oliva è culminato nello svelamento di una settimana di 584 marchi vincitori, tutti entrati nel Indice ufficiale dei migliori oli di oliva del mondo.

I risultati del più grande e prestigioso concorso mondiale sulla qualità dell'olio d'oliva hanno confermato ancora una volta il posto di rilievo dei produttori del Sud Italia tra i migliori al mondo.

Siamo così felici che gli alberi Biancolla, piantati solo cinque anni fa, ci abbiano regalato un olio così profumato nel loro primo anno di produzione.- Arianna De Marco, comproprietaria di Cantasole

Passione e forte legame con la terra, uniti all'innovazione, sono stati ampiamente attribuiti dai produttori che hanno avuto successo.

"È una notizia meravigliosa ”, ha detto Luca Mennella, dopo averlo appreso Evo Nostrum ha vinto un Gold Award alla NYIOOC. "È una bella coincidenza che ho ricevuto il mio primo importante premio da New York, che era anche la destinazione del mio primo grande viaggio all'età di 19 anni. ”

Guarda anche: I migliori oli d'oliva italiani

Il contadino ha viaggiato molto per anni, grazie al suo lavoro nel settore del turismo e dei viaggi, e durante un viaggio in Senegal, ha incontrato la sua futura moglie, Anna Ascione.

pubblicità

Continuarono a viaggiare insieme, prima di stabilirsi definitivamente nelle campagne di Serre, in provincia di Salerno, dove iniziarono una fattoria e sfruttarono l'esperienza acquisita viaggiando per il mondo.

"La Nuova Fattoria Mennella è il primo villaggio turistico agricolo per bambini ", ha detto Mennalla. Qui, sulle colline ai piedi dei Monti Alburni, i frutti di 3,500 Leccino, Frantoio e le piante autoctone Rotondella sono state magistralmente miscelato per creare un olio extra vergine di oliva premium.

"Abbiamo un piano per aumentare i nostri uliveti ", ha detto. "Sono gestiti in modo completamente sostenibile, così come l'intera fattoria e il nostro mulino, alimentati da un sistema di recupero e riutilizzo di tutte le risorse dall'acqua piovana ai rifiuti del mulino. ”

"Immersa in una vasta area boschiva senza inquinamento industriale, la nostra terra è un ambiente sicuro sia per i nostri ulivi che per i nostri bambini ", ha aggiunto.

sud-Italia-farm-ben-rappresentate-in-index-di-mondi-best-oli di oliva-olio d'oliva-volte

Luca Mennella e il suo Evo Nostrum vincitore del reparto Gold, una miscela di media intensità

In Puglia, Giovanni Simeone ha guadagnato la sua quarto premio d'oro consecutivo per il suo Pavoni marchio, un monovarietale di Coratina biologico. Ha anche vinto un Silver Award per il suo Leccino monovarietale.

"Siamo molto lieti di ricevere questi ulteriori riconoscimenti della nostra qualità ", ha dichiarato l'agricoltore di Cerignola, in provincia di Foggia. "I nostri prodotti provengono dalla terra che circonda un antico masseria, che sorge su una collina nella piana del Tavoliere delle Puglie. "

Il secolare casale fortificato si affaccia su una fattoria di 200 ettari (494 acri), di cui 23 ettari (57 acri) dedicati alla coltivazione di olive Coratina, Leccino e Pendolino, affiancate da varietà utilizzate per la produzione di olive da tavola, come Bella di Spagna, Bella di Cerignola e Ascolana.

"Abbiamo piantato il nostro uliveto nel 1986 e abbiamo iniziato a vendere i frutti ai mugnai ”, ha detto Simeone. "Poi, quando ho preso le redini dell'azienda, nel 2007, ho deciso di investire in un progetto di qualità. Ho seguito un corso di degustazione e ho dedicato la nostra azienda alla produzione di ottimo olio extra vergine di oliva, ottenuto grazie alla collaborazione di un frantoio con elevati standard tecnologici. ”

Da allora, la famiglia Mercaldi-Simeone, nel rispetto della storia del masseria e l'ambiente incontaminato che li ospita, promuovono una gestione responsabile e sostenibile delle colture e delle risorse.

Raccolta olive in Puglia per Cantasole

A Ruvo di Puglia, a nord di Bari, Olio Mazzone guadagnato un Gold Award grazie al lavoro di Giuseppe Campanale e di suo padre Giacomo, che ha una vasta esperienza di lavoro come mugnaio.

"Era la prima volta che noi ha partecipato al NYIOOC, "Ha detto. "Questo premio ci ha dato una soddisfazione ancora maggiore di conseguenza. "

La fattoria Campanale si trova in una zona collinare, adiacente al Parco Nazionale dell'Alta Murgia, dove 200 alberi di Coratina sono coltivati ​​in un terreno calcareo e sassoso.

"Oltre ai nostri frutti, utilizziamo i migliori raccolti da produttori locali che perseguono i nostri stessi standard di alta qualità e che sono spesso legati al nostro mulino sin dall'inizio della sua storia ", ha detto Campanale, che gestisce la struttura fondata negli anni '1920 dal suo bisnonno, Tommaso Mazzone.

Nel loro storico mulino, Campanale si è sempre impegnata a fornire un servizio impeccabile ai piccoli coltivatori, con i quali hanno instaurato un rapporto di fiducia.

"Stiamo sviluppando un progetto per migliorare i macchinari poiché disponiamo di un sistema a ciclo continuo ancora dotato di macine in granito ”, ha affermato Campanale. "Danno grandi risultati con la nostra generosa Coratina, ma presto aggiungeremo un frantoio di ultima generazione che ci consente di lavorare con olive ancora più verdi. Questo perché cerchiamo sempre la massima qualità. "

San Pietro Vernotico, in provincia di Brindisi, ha ricevuto due Gold Awards, uno per il monovarietale Cantasole Biancolillae uno per la miscela di Leccino e Picholine, Cantasole, quest'ultimo dei quali ha goduto di una serie di successi al NYIOOC negli ultimi cinque anni.

"È incredibile ogni volta ", ha detto Arianna De Marco Olive Oil Times. "Questo è il momento clou del nostro anno. "

Nel cuore del Salento, a due miglia dal mare, la sua azienda di famiglia gestisce 60,000 piante di Leccino, Picholine, Biancolilla, Coratina e Cima di Melfi, oltre a Cellina di Nardò e Ogliarola Santina, due varietà tipiche di questa regione, distribuite su una superficie piana di 300 ettari (740 acri).

"L'ottanta per cento dei nostri ulivi ha un secolo, ma i più giovani hanno prodotto oli premiati ", ha detto De Marco. "Siamo così felici che gli alberi Biancolla, piantati solo cinque anni fa, ci abbiano regalato un olio così profumato nel loro primo anno di produzione. ”

Arianna De Marco a Cantasole, che ha vinto due premi d'oro al 2020 NYIOOC

"È stato un brivido assaggiarlo, soprattutto alla fine di una stagione caratterizzata dalla siccità estiva che inizialmente sembrava sconvolgere il sapore dei nostri oli; e ancora alla fine siamo riusciti a ottenere prodotti bilanciati di alta qualità ", ha aggiunto.

In sicilia, Titone ha vinto il suo secondo Gold Award consecutivo per una miscela biologica.

"Siamo così contenti di questo riconoscimento ”, ha dichiarato Antonella Titone, dopo aver sentito la notizia della vittoria, dalla sua fattoria in provincia di Trapani. "Abbiamo ottenuto questo risultato grazie ad una corretta miscelazione di tutte le nostre varietà, Nocellara del Belice, Cerasuola e una piccola percentuale di Coratina e Biancolilla. ”

Antonella Titone

Raccolte da fine settembre a non oltre la terza settimana di ottobre e conservate in un impianto a temperatura controllata, le olive venivano molite in poche ore.

"Mio nonno, che era un farmacista, ha creato la fattoria, inizialmente producendo uva per il vino Marsala, e da quel periodo ricordo quelle belle, enormi botti di rovere ”, ha detto. "Poi, negli anni '1980, la società è stata convertita da un vigneto in oliveto biologico, anni prima dell'entrata in vigore del regolamento sull'agricoltura biologica, e siamo stati tra i primi a abbandonare il sistema convenzionale a favore di un'agricoltura più naturale e sostenibile ".

Tuttavia, con la stessa attenzione per l'ambiente e l'impegno per la qualità, gestiscono un uliveto di 5,000 piante di età diverse, alcune delle quali secolari, situate sulla pianura tra Marsala e Trapani.

"I nostri uliveti si trovano sulla costa ", ha detto Titone. "Dalla terrazza del nostro agriturismo vedo le Isole Egadi e riesco a respirare il profumo del mare. ”


Related News