Cambiamenti del governo turco nella modifica della "legge sull'olivo"

Il progetto di proposta che il governo sosteneva era quello di sostenere lo sviluppo dell'industria e la produzione fu fortemente criticata dall'industria dell'olio d'oliva e dai partiti di opposizione e poiché minacciava la produzione di olio d'oliva del paese.

Giu. 6, 2017
Di Julie Al-Zoubi

Notizie recenti

La stampa turca ha riferito che il governo ha ritirato alcuni dei modifiche proposte a "La legge sull'olivo ”che protegge gli oliveti turchi a seguito della diffusa resistenza degli olivicoltori, degli ambientalisti e dei partiti di opposizione.

Le modifiche alla legge proposte dal governo hanno ridotto la protezione offerta ai produttori di olivo consentendo la costruzione di strutture industriali e miniere su oliveti.
Vedi anche: Gli ulivi della Turchia sono minacciati dalla bozza di legge
Il progetto di proposta che il governo sosteneva di sostenere lo sviluppo dell'industria e della produzione è stato fortemente criticato dall'industria dell'olio d'oliva e dai partiti dell'opposizione che hanno soprannominato la mossa "un mandato di morte per oliveti ”, che ha spianato la strada alla radura degli oliveti per far posto a miniere, altre industrie e complessi abitativi.

Le comunità locali, il pubblico in generale e le associazioni tra cui il National Olive and Olive Oil Council e The Friends of The Olive Association hanno espresso la loro opposizione a seminari, proteste e sui social media. L'attività più pubblica è stata una petizione lanciata da "The Friends of Olives Association ”(Zeytindostu Derneği) dal titolo "Non toccare il mio ulivo. ”Gli organizzatori miravano a raccogliere un milione di firme contro il progetto proposto.

Tuttavia, Haluk Yurtkuran, co-fondatore e presidente di Adatepe Olive Oil e un Museo dell'olio d'oliva nella provincia di Çanakkale in Turchia, ha detto Olive Oil Times il progetto non è stato ritirato come riportato dalla stampa mainstream.




Yurtkuran ha spiegato, "Questo disegno di legge è composto da diversi articoli, ciascuno relativo a diversi aspetti del potenziamento delle zone industriali per stimolare l'industrializzazione nel paese. Ed è ancora in fase di negoziazione nelle commissioni competenti dell'assemblea.

Dopo aver fatto pressioni da parte delle ONG e dei leader dell'opinione pubblica, la commissione ha dovuto abbandonare alcuni articoli come la limitazione delle costruzioni turistiche e abitative, nonché il numero di ulivi che costituiscono un boschetto protetto.

L'articolo che è stato presentato in parlamento il 17 maggioth avrebbe significato che qualsiasi uliveto con meno di 15 alberi per decare non sarebbe stato considerato un uliveto ed era vulnerabile al sequestro da parte degli sviluppatori che rovinavano il sostentamento di molti piccoli agricoltori.

Secondo lo Yurtkuran, "L'articolo 4 più critico rimane invariato relativo a edifici industriali, miniere e centrali elettriche potrebbe essere stabilito entro 3 Km in prossimità di uliveti se c'è un beneficio pubblico sul progetto. Questo beneficio pubblico sarebbe approvato da un comitato guidato dal governatore (un non eletto nominato dal governo), rappresentanti delle camere del commercio e dell'industria, rappresentanti del ministero dell'economia, dell'industria e dell'agricoltura ".




La legge così com'è proibisce la creazione di qualsiasi impianto industriale diverso da un'unità di produzione di olio d'oliva su oliveti e nel raggio di tre chilometri. La proposta di legge avrebbe eliminato questa rete di sicurezza.

L'emendamento avrebbe anche abolito la pena detentiva di tre mesi inflitta alle persone catturate al pascolo negli uliveti e sostituito la pena detentiva con una multa di 5,000 lire turche (1,418 dollari). Il passo indietro del governo su questo ha portato alla promessa di aumentare la pena detentiva da tre a sei mesi.

L'ultima proposta aumenta anche l'ammenda per coloro che sono stati trovati a tagliare illegalmente ulivi dalla Lira turca 2,000 ($ 560) alla Lira turca 4,000 ($ 1,120).

I lobbisti contro il disegno di legge hanno espresso la speranza che la continua pressione possa costringere a far cadere l'articolo durante le negoziazioni del progetto nell'assemblea generale.

"Non toccare il mio ulivo ”ha raccolto quasi 30,000 firme Change.org.



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti