Perché gli Stati Uniti sono in ritardo rispetto ad altre nazioni occidentali sulla questione della tassa sul carbonio?

L'implementazione di una carbon tax è sempre più vista come uno dei modi migliori per ridurre le emissioni di gas serra, ma gli Stati Uniti hanno faticato a farla passare.

23 novembre 2021 1:06 EST
di Hasan Tariq

Notizie recenti

Il Conferenza sul clima COP26 a Glasgow ha portato a un consenso internazionale sull'introduzione di una tassa sul carbonio.

L'obiettivo della tassa sui combustibili fossili sarebbe quello di disincentivare l'uso di combustibili a base di carbonio per ridurre le emissioni di gas serra. Incoraggerebbe anche il passaggio a fonti di energia rinnovabili.

Niente farebbe di più per accelerare l'innovazione e investire tutti i cittadini in un futuro di energia pulita di una tassa sul carbonio a livello economico, con dividendi corrispondenti per il popolo americano.- Carlton Carroll, portavoce, Climate Leadership Council

"Abbiamo bisogno che i paesi mangiare insieme per concordare gli standard internazionali per fare quel grande cambiamento verso l'economia a basse emissioni di carbonio", ha affermato Lord Greg Barker, presidente esecutivo di EN+, un'azienda di energia verde. "Sarebbe molto meglio per il mondo se ci fosse un prezzo comune del carbonio”.

Vedi anche: Copertura del cambiamento climatico

Ventisette paesi hanno attualmente una tassa sul carbonio. Anche la Banca Mondiale rapporti che 65 iniziative di tassa sul carbonio sono in corso in tutto il mondo a livello locale, nazionale e regionale.

Tuttavia, gli Stati Uniti non sono uno di questi. La tassazione del carbonio è stata una questione dibattuta negli Stati Uniti sin dagli anni '1970, ma non è stata approvata alcuna legislazione per attuarla. Ci sono molte ragioni per questo.

pubblicità

In primo luogo, gli oppositori sostengono che imporre una tassa sul carbonio alle società statunitensi che producono o si affidano a combustibili a base di carbonio le danneggerebbe, danneggiando a sua volta l'economia. Ritengono inoltre che ridurrebbe il vantaggio competitivo degli Stati Uniti nei confronti della Cina, che non ha una tassa sul carbonio ed è il più grande produttore di gas serra al mondo.

Un altro grosso problema dell'introduzione di una tassa sul carbonio negli Stati Uniti è la natura della tassa. Una carbon tax è una tassa regressiva, il che significa che tutti pagano lo stesso prezzo per l'utilizzo di combustibili a base di carbonio. Il governo degli Stati Uniti teme che colpirà in modo sproporzionato le famiglie americane a basso reddito.

Un modo per aggirare questo problema è implementare una tassa sul carbonio a zero entrate. I ricavi raccolti da questa tassa torneranno alle famiglie americane sotto forma di tagli fiscali. L'esatto meccanismo di come ciò accadrà, tuttavia, non è ancora chiaramente definito.

Vedi anche: L'EPA prevede di affrontare lo spreco alimentare nel tentativo di ridurre le emissioni di carbonio

"Niente farebbe di più per accelerare l'innovazione e investire tutti i cittadini in un futuro di energia pulita di una tassa sul carbonio a livello di economia, con dividendi corrispondenti per il popolo americano", ha affermato Carlton Carroll, portavoce del Climate Leadership Council.

Alcuni stati hanno già un prezzo del carbonio. Ad esempio, il sistema cap-and-trade della California stabilisce una quantità massima di emissioni per gli emettitori di gas serra. Le aziende possono acquistare o vendere i propri permessi a un prezzo in modo che tutti abbiano un incentivo a ridurre le emissioni di gas serra. Allo stesso modo, lo stato di Washington ha anche introdotto un sistema di tariffazione del carbonio nell'aprile 2021.

A livello federale, tuttavia, il prezzo del carbonio è ancora oggetto di dibattito. L'amministrazione del presidente Joe Biden ha stanziato 555 miliardi di dollari (495 miliardi di euro) per affrontare la questione del cambiamento climatico.

Mira a ridurre le emissioni di gas serra del 30% entro il 2030. Invece di introdurre una tassa sul carbonio, il governo ha affermato che applicherà una tassa sulle emissioni di metano, che spera costringerà le compagnie petrolifere e del gas a ridurre le emissioni.





pubblicità

Articoli Correlati

Feedback / suggerimenti