`Córdoba leader nell'uso e nella produzione di biomassa d'oliva - Olive Oil Times

Córdoba leader nell'uso e produzione di biomassa di oliva

Dicembre 7, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

business-europe-crdoba-leader-in-use-and-production-of-olive-biomass-olive-oil-times-biomass-power-plant-like-this-one-designed-in-the-uk-covered- le erbe autoctone diminuiscono le emissioni di carbonio di 80 rispetto alle centrali elettriche a carbone o gas foto thomas-heatherwick
Le centrali a biomassa, come questa progettata nel Regno Unito coperta di erbe autoctone, riducono le emissioni di carbonio di 80% rispetto alle centrali elettriche a carbone o gas. Foto: Thomas Heatherwick

I sottoprodotti della produzione di olio d'oliva hanno reso la provincia di Cordova il leader spagnolo nella produzione di energia da biomassa.

Secondo Europa Press, la provincia ha nove impianti a biomassa che insieme producono 83MW, fornendo l'equivalente del consumo annuale di elettricità delle famiglie 247,700.

Il materiale derivato dal settore dell'olio d'oliva, comprese le sanse e le potature, è la fonte di biomassa più utilizzata in Spagna e Córdoba ha un quarto dell'offerta totale del paese.

Vari fattori stanno alimentando un maggiore utilizzo della biomassa in Andalusia, tra cui una migliore tecnologia, un pubblico più informato e incentivi da parte del governo regionale.

Tra i pionieri nell'uso della biomassa c'era la cooperativa di olio d'oliva Oleícola El Tejar di Córdoba, che utilizza la biomassa di oliva, in particolare le potature dei suoi coltivatori, per alimentare le proprie strutture. Ora ha quattro impianti che utilizzano biomasse per generare un totale combinato di 49 MW.

E nel comune di Cañete de las Torresa, uno stabilimento di proprietà del gruppo Torres è stato il primo al mondo a utilizzare il sistema giapponese Kurata per generare biocarburante dalla sansa umida. Secondo Renovables (Renewables) Made in Spain, gli oltre 100,000 ettari di uliveti che lo circondano forniscono le 30,000 tonnellate di sansa umida di cui ha bisogno per produrre 10,000 tonnellate di biocarburanti all'anno.

E poi c'è l'impianto di generazione di elettricità da 9.82 MW a Puente Genil, che ha dimostrato la fattibilità di imbrigliare una biomassa di olivo generalmente considerata 'difficile 'da usare, ovvero quello derivato dalla potatura. A differenza della biomassa proveniente da vinacce e pietre di olivo (note anche come fosse o semi), il materiale di potatura rappresenta una sfida per la logistica e la coerenza, ma in questa pianta comprende la metà del consumo totale di biomassa.

Per quanto riguarda l'uso di energia derivata dalla biomassa, secondo Renewable Energy World, il consumo di pellet di legno in Spagna è in calo perché le pietre di olivo sono più economiche e non necessitano di una lavorazione significativa.

Forse non sorprende che tra i maggiori utenti spagnoli di energia da biomassa vi siano anche quelli che ne generano la fonte: frantoi e impianti di trasformazione. Oltre ad essere utilizzato per generare acqua calda e vapore in queste piante, l'energia della biomassa viene anche utilizzata pesantemente nell'estrazione della sansa.



Related News

Feedback / suggerimenti