Il coronavirus colpisce alcuni coltivatori australiani più di altri con l'avvicinarsi del raccolto

Mentre gran parte del mondo si ferma nel bel mezzo della pandemia di Covid-19, gli olivicoltori in Australia si stanno preparando per la raccolta.

Curva limite
Marzo 31, 2020
Di Daniel Dawson
Curva limite

Notizie recenti

Come il conteggio di Covid-19 i casi e le morti aumentano costantemente in Australia, i preparativi per il prossimo raccolto 2020 sono già in corso.

"La stragrande maggioranza delle principali regioni produttrici tende a iniziare verso metà a fine aprile ", Leandro Ravetti, ha detto un ingegnere agricolo ed esperto di olio d'oliva Olive Oil Times. "Ci aspettiamo un livello di raccolto inferiore rispetto al raccolto record nel 2019, ma sicuramente migliore rispetto al 2018 ".

Sono preoccupato per il fatto che la maggior parte dei coltivatori convive con i dettami del governo che sono adatti alla popolazione generale, ma sono un po 'carenti per ogni specifica impresa orticola.- Steve Milton, presidente del Consiglio oleicolo dell'Australia occidentale

Gli olivicoltori e i produttori di olio, come la maggior parte degli altri agricoltori del paese, sono stati considerati servizi essenziali e continueranno a funzionare normalmente, con alcune nuove linee guida in materia di salute e sicurezza.

Per alcuni produttori, questo significa affari come al solito.

"La maggior parte dei produttori in Australia è abbastanza autosufficiente, quindi molte delle misure di restrizione non stanno avendo un impatto significativo sulla loro preparazione per il raccolto ", ha detto Ravetti. "Le restrizioni ai movimenti delle persone hanno imposto alcuni cambiamenti nell'organizzazione del personale e sono state messe in atto ulteriori pratiche di igiene e isolamento ".

Vedi anche: Notizie sul covid19

Tuttavia, per altri, il nuovo coronavirus rappresenta l'ennesima sfida in un anno iniziato con incendi da record e siccità sostenuta.

Nell'Australia occidentale, che ospita uno dei due maggiori produttori del paese, la diminuzione delle risorse idriche e i danni causati dagli animali ad alcuni uliveti hanno già causato molti mal di testa a coltivatori e produttori.

"La stagione ha avuto un bel tempo per la coltivazione, ma molti coltivatori hanno affermato che il danno agli uccelli è stato eccessivo nei boschetti che sono ben al di sotto della loro produzione prevista ", Steve Milton, un olivicoltore e presidente del Western Australian Olive Council (WAOC) , detto Olive Oil Times. "In aggiunta a questo, le scorte d'acqua sono state un po 'allungate per molti. La produzione del raccolto dovrebbe essere irregolare ".

Oltre a queste battute d'arresto, i produttori ora devono fare i conti con la pandemia di Covid-19 e tutti i suoi effetti collaterali associati.

"Covid-19 è un dolore reale. Il tempismo non potrebbe essere peggiore ", ha detto Milton. "Gli olivicoltori si stanno preparando per la raccolta, preparando le scorte di carburante, organizzando le mietitrici e la forza lavoro e affrontando i cambiamenti dell'ultimo minuto mentre acquistiamo ingredienti per la lavorazione. ”

Alcuni coltivatori dello stato sono anche preoccupati per le restrizioni recentemente imposte ai viaggi interregionali. Temono che queste restrizioni possano compromettere la loro capacità di contrarre lavoratori stagionali.

"La mobilità diventerà un problema [ora che] il movimento tra le regioni è limitato ", ha detto Milton.

Il 27 marzo, l'Australia occidentale ha imposto nuove restrizioni ai viaggi per le persone in entrata e in uscita dallo stato. Anche l'Australia meridionale, un'altra regione olivicola, ha implementato restrizioni di viaggio. Victoria e New South Wales no.

Mentre i viaggi per lavoro saranno consentiti nelle regioni con queste nuove restrizioni, non è chiaro come saranno influenzati i lavoratori stagionali.

"Come i coltivatori accederanno ai raccoglitori è una domanda che molti si chiedono ", ha detto Milton. "Questo non è insormontabile, ma la formazione e la gestione dello spazio di sicurezza diventerà un problema. Ci sono solo poche mietitrici meccaniche nell'Australia occidentale, quindi quei coltivatori che non sono in grado di contrattare i raccoglitori saranno in competizione per il supporto del raccolto ".

Insieme alle sfide logistiche presentate dal Covid-19, Milton e molti altri olivicoltori del paese si preoccupano anche della mancanza di chiarezza fornita dal governo australiano per ogni tipo di attività agricola.

"Sono preoccupato per il fatto che la maggior parte dei coltivatori convive con i dettami del governo che sono adatti alla popolazione generale ma sono un po 'carenti per ogni specifica impresa orticola ", ha detto. "Colmare questa lacuna rispetto al mio ruolo in WAOC è difficile perché vogliamo evitare le voci, ma dobbiamo stare al passo con l'interpretazione di quei cambiamenti per mantenere lo stato mentale dei coltivatori in modo positivo e produttivo ".

"Attualmente, la maggior parte dei coltivatori fa ciò che fa normalmente e vive nella speranza ", ha aggiunto. "So che alcuni frantoi hanno stabilito chiare procedure di spazio personale e queste saranno facili da lavorare. ”

Mentre molti produttori si preparano per un raccolto impegnativo, altri sono preoccupati per l'impatto che il virus avrà sulle vendite. Bar, ristoranti, mercati e negozi di specialità sono tutti chiusi nel paese.

Analogamente ad altri paesi che si trovano ad affrontare il coronavirus, le vendite di olio extra vergine di oliva in Australia sono aumentate brevemente quando la crisi ha iniziato a svolgersi e gli australiani hanno fatto scorta di forniture dal supermercato. Da allora, tuttavia, le opportunità di vendita per i piccoli produttori si sono esaurite.

"L'impatto maggiore è stato per i produttori più piccoli che vendono attraverso i mercati degli agricoltori, quelli con le vendite alle porte del boschetto e quelli con le vendite nel mercato della ristorazione ", Greg Seymour, CEO della Associazione delle olive australiane (AOA), ha detto Olive Oil Times.

Sebbene ciò abbia portato alcuni produttori a passare alle vendite online, Seymour pensa che non ci sia alcun sostituto per le interazioni faccia a faccia nel settore dell'olio d'oliva. È anche preoccupato per l'impatto che avrà la chiusura delle società di servizi di ristorazione, dal momento che molte di loro acquistano olio d'oliva a livello locale.

"Le vendite nel settore alimentare sono la principale preoccupazione ", ha detto. "Molti ristoranti hanno chiuso a tempo indeterminato e le attività commerciali dipendenti dal turismo internazionale sono scomparse dall'oggi al domani. "


Related News

Feedback / suggerimenti