I ritardi pandemici sono le esportazioni argentine

Il calo della domanda di olive da tavola e olio d'oliva in Brasile, combinato con prezzi bassi per entrambi, significa che molti produttori hanno problemi a rimanere solventi. Alcuni stanno ottenendo prestiti di emergenza mentre altri riducono i costi.

Pablo Radice per Olive Oil Times
Può. 5, 2020
Di Daniel Dawson
Pablo Radice per Olive Oil Times

Notizie recenti

Il progetto Pandemia di covid-19 ha smorzato le prospettive economiche di oliva da tavola e produttori di olio d'oliva nell'Argentina nordoccidentale, mentre le esportazioni verso il redditizio mercato brasiliano si arrestano.

Il rallentamento della domanda in Brasile combinato con il basso prezzi dell'olio d'oliva, hanno lasciato molti produttori a malapena in grado di pagare i salari dei loro raccoglitori. Alcuni stanno anche valutando se abbandonare o meno i loro boschi.

Le aziende che cercano di continuare la loro attività dovranno rivedere le proprie spese e il piano dei costi. O faranno degli aggiustamenti, quindi sono a un passo dall'abbandonare le loro fattorie e ridurre la produzione.- Julián Clusellas, Federazione olivicola argentina

"La questione del coronavirus ha rallentato le vendite ", ha detto Julián Clusellas, presidente della compagnia petrolifera Valle de La Puerta e membro del consiglio della Federazione olivicola argentina Olive Oil Times. "Il trasporto è più lento e i costi sono un po 'più alti. Ma il problema principale è che i consumi rallenteranno ".

Il Brasile è di gran lunga il più grande mercato per le olive da tavola argentine e anche uno significativo per l'olio d'oliva del paese.

Vedi anche: Aggiornamenti Covid-19

Tra il 65 e il 70 percento del raccolto di olive da tavola argentino viene esportato in Brasile, ha affermato Clusellas. D'altra parte, circa il 17 per cento degli argentini esportazioni di olio d'oliva dal 2017 - l'ultimo anno per il quale sono disponibili i dati - erano destinati al Brasile, secondo l'International Trade Center.

"Sappiamo che ci sono diversi produttori di petrolio che hanno difficoltà ad esportare per mancanza di una forte domanda e sono ad alto rischio a causa della situazione che vediamo oggi con il mercato brasiliano ", ha detto Clusellas.

La pandemia di coronavirus ha colpito il Brasile in modo particolarmente duro. Ad oggi, il paese ha più di 101,000 casi registrati e un bilancio ufficiale delle vittime di oltre 7,000. Tuttavia, i test sono stati limitati e molti esperti ritengono che entrambe le cifre siano molto più alte.

Sebbene gran parte del Brasile non abbia chiuso i battenti a causa della pandemia, l'economia del paese si è contratta in modo significativo. Il real, la valuta brasiliana, si è svalutato del 45%, rendendo molto più costoso per gli importatori acquistare merci argentine.

"Il Brasile non è un paese che ha un tasso di cambio flessibile, quindi quando la valuta si svaluta, i commercianti non aggiornano i prezzi e le importazioni diminuiscono ", ha detto Clusellas.

I rivenditori del paese hanno meno probabilità di rifornire i loro scaffali quando i reali si svalutano perché i loro margini di profitto sulle olive da tavola importate e sull'olio d'oliva diminuiscono in modo significativo.

Secondo le proiezioni della Fondazione Getulio Vargas, un think tank brasiliano focalizzato sull'economia, le importazioni dall'Argentina nel 2020 dovrebbero diminuire dell'11.7% rispetto allo scorso anno. In termini pratici, si tratta di una perdita di entrate pari a 9.32 miliardi di dollari per i produttori argentini in una varietà di settori.

Tuttavia, Clusellas ha aggiunto che i produttori di olio d'oliva che esportano in Europa e negli Stati Uniti hanno avuto solo piccoli inconvenienti causati dalla pandemia. Secondo l'International Trade Center, l'Europa e gli Stati Uniti erano la destinazione del 57% delle esportazioni di olio d'oliva del paese nel 2019.

Oltre al rallentamento della domanda in Brasile, i prezzi sia delle olive da tavola che dell'olio d'oliva sono rimasti costantemente bassi per più di un anno.

Clusellas ha affermato che molti produttori in Argentina vendono per meno della metà del valore che avevano nella campagna 2017/18, e molti di loro non sono in grado di farlo. coprire i costi di produzione. Per rimanere solventi, alcuni hanno dovuto rivolgersi alla banca nazionale del paese per ricevere prestiti di emergenza.

Clusellas ha avvertito che questo potrebbe essere l'inizio di un circolo vizioso; uno in cui i produttori devono tagliare i costi per rimanere in attività. Ciò, a sua volta, avrà un impatto sulla loro capacità di tornare ai livelli di produzione pre-pandemia e aumentare le esportazioni dopo che la crisi del coronavirus è passata.

"Le aziende che cercano di continuare la loro attività dovranno rivedere le proprie spese e la pianificazione dei costi ", ha affermato Clusellas. "O faranno degli aggiustamenti, e così sono ad un passo dall'abbandono delle loro fattorie e dalla riduzione della produzione. Forse alcuni si convertiranno addirittura all'allevamento del bestiame. "





Related News

Feedback / suggerimenti