`L'Andalusia sostiene le cooperative di olio d'oliva con 4.38 milioni di euro - Olive Oil Times

L'Andalusia punta sulle cooperative di olio d'oliva con gli Euro 4.38M

Agosto 18, 2010
Daniel Williams

Notizie recenti

Il governo della Regione Andalusa spagnola investe milioni di euro in olio d'oliva 4.38 Producendo cooperative come delegate Felipe López delinea i piani futuri per il settore

Il delegato per il governo regionale andaluso, Felipe López, il delegato provinciale dell'agricoltura, Roque Lara, e il sindaco di Baeza, Spagna, Leocadio Marín, hanno distribuito incentivi sostanziali a un certo numero di cooperative spagnole nel tentativo di trasformare e commercializzare ulteriormente prodotti a base di olio d'oliva. Questo investimento più recente per un importo di 4.38 milioni di euro deriva dal Programma di sviluppo rurale dell'Andalusia ed è cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) il cui scopo dichiarato è "rafforzare la coesione economica e sociale nell'Unione europea correggendo gli squilibri tra regioni. "[1]

L'investimento è diretto in particolare al settore spagnolo dell'olio d'oliva che, nonostante i recenti aumenti delle esportazioni internazionali, soffre ancora degli effetti della crisi mondiale dei prezzi. López ha spiegato che, "a causa dell'attuale crisi, il governo andaluso ha finora assegnato un totale di 62.4 milioni di euro a diverse cooperative per il loro miglioramento, cercando di aumentare il loro vantaggio competitivo internazionale attraverso la trasformazione e la commercializzazione ". [2]

Il signor López ha citato alcune delle istituzioni di recente creazione come il Centro tecnologico dell'olio d'oliva e il Parco scientifico e tecnologico Geolit ​​come frutti di questi enormi investimenti. Ha anche parlato delle indicazioni geografiche uniche della Spagna, che servono a certificare l'olio d'oliva spagnolo in possesso di determinate qualità e reputazione in tutto il mondo a causa della sua origine.

López ha inoltre fatto riferimento all'attuale situazione del mercato dell'olio d'oliva affermando che, "solo pochi dominano gli interessi di molti ". Ha avvertito che, "quello che manca è che a chi vende e produce manca una strategia comune che non permetterebbe a nessuno di tiranneggiare e potrebbe invece creare una situazione in cui gli interessi nazionali siano più equilibrati ".

Per concludere, López ha parlato della necessità per i produttori spagnoli di olio d'oliva di dimostrare la loro sostenibilità ambientale al fine di garantire sussidi agricoli nell'UE in futuro: "L'Unione europea non sosterrà progetti di coltivazione che non rispettano l'ambiente. Dobbiamo diventare capaci di crescere senza distruggere. "

pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti