`Le leggi europee sulla verifica dell'etichetta dell'olio d'oliva non vengono utilizzate - Olive Oil Times

Non vengono utilizzate le leggi europee sulla verifica dell'etichetta dell'olio d'oliva

Può. 29, 2012
Julie Butler

Notizie recenti

Commissario europeo per l'agricoltura Dacian Cioloş ha promesso un esame più rigoroso delle etichette di olio d'oliva, dopo essere stato interrogato da Olive Oil Times su apparenti difetti nell'attuale sistema.

Le leggi di commercializzazione dell'olio d'oliva della Commissione europea (CE) prevedono già controlli sull'accuratezza dell'etichetta e impongono agli Stati membri dell'UE di riferire annualmente sui dettagli, incluso il numero di richieste di verifica dell'etichetta ricevute e i loro risultati.

Dopo le indagini con la CE, Olive Oil Times può ora rivelare quante verifiche di tale etichetta sono state segnalate alla CE negli ultimi tre anni dai principali produttori mondiali di Spagna, Italia e Grecia: nessuna.

La CE ha affermato che in quel periodo aveva ricevuto un rapporto dalla Spagna e due dall'Italia, il che indicava che non erano state ricevute richieste di verifica dell'etichetta nell'anno precedente. Non sono pervenute segnalazioni dalla Grecia.

Sotto il Norme di commercializzazione dell'olio d'oliva dell'UE, codificate a gennaio ai sensi del regolamento 29/2012, varie parti possono presentare richieste di prove della verità delle indicazioni sull'etichetta, come ad esempio se l'olio è vergine o extra vergine, e i paesi produttori interessati devono riferire alla CE entro il 31 marzo in merito al loro seguito azione ed eventuali penalità applicate.

Alla luce delle persistenti preoccupazioni sollevate in tutto il mondo dai consumatori, dai gruppi di produttori e dalle organizzazioni governative in merito all'etichettatura fuorviante dell'olio d'oliva, Olive Oil Times chiese a Cioloş se gli sembrava strano che non fossero state fatte richieste di verifica ai sensi di queste leggi dell'UE. Abbiamo anche chiesto cosa fare per aumentare l'accuratezza del monitoraggio e dell'etichettatura.

Una portavoce di Cioloş ha risposto via e-mail che "In effetti, non è stata ricevuta alcuna relazione sulle richieste di verifica, tuttavia esistono altri canali di comunicazione tra la Commissione e gli Stati membri nel settore dell'olio d'oliva, in particolare nell'ambito del regolamento (CE) n. 2568/91, che richiede agli Stati membri di inviare regolarmente informazioni sulle irregolarità rilevate nel settore. "

"Sono già in corso discussioni nell'ambito del comitato per l'organizzazione del mercato unico al fine di rendere più efficace il controllo. L'obiettivo è valutare se sarebbe necessario un adeguamento della legislazione attuale, in modo da tener conto dell'evoluzione del mercato dell'olio d'oliva. "

"Inoltre, signor Commissario Cioloş prevede di presentare un piano d'azione sul settore dell'olio d'oliva nelle prossime settimane, probabilmente nella prima settimana di giugno. Ciò potrebbe comportare l'adeguamento delle disposizioni tecniche relative alla competenza della Commissione nel rafforzare il controllo di qualità, proteggere i consumatori e migliorare l'etichettatura ".



pubblicità

Related News

Feedback / suggerimenti