`Il watchdog spagnolo afferma che gli aiuti all'ammasso privato sono potenzialmente anti-competitivi - Olive Oil Times

Il cane da guardia spagnolo dice che gli aiuti all'ammasso privato sono potenzialmente anti-competitivi

Aprile 17, 2011
Julie Butler

Notizie recenti

Con una decisione imminente da Bruxelles sulla fornitura di aiuti all'ammasso privato per il settore dell'olio d'oliva spagnolo in difficoltà, il capo dell'autorità garante della concorrenza del paese ha versato acqua fredda sulla misura, definendola potenzialmente anticoncorrenziale. Anche questa settimana, i produttori di olio d'oliva sono scesi in piazza per la prolungata crisi dei prezzi durante la quale era pratica comune vendere olio d'oliva a un prezzo inferiore ai costi di produzione.

I produttori hanno il sostegno del ministro dell'Ambiente, degli affari rurali e marittimi Rosa Aguilar. Rimane esteriormente ottimista sul fatto che il commissario europeo per l'agricoltura Dacian Cioloş farà presto cenno all'aiuto, che consentirebbe ai produttori di ricevere pagamenti per mantenere l'olio d'oliva in contenitori di stoccaggio a lungo termine, trattenendolo dal mercato fino a quando le condizioni dei prezzi non miglioreranno.

È stata apertamente delusa - e i produttori indignati - per il fatto che la misura non fosse stata approvata da una riunione del comitato di gestione CE per oli e grassi tenutasi mercoledì. Ma Cioloş - chi ha ha affermato più volte negli ultimi mesi che la Spagna non ha soddisfatto i criteri di aiuto - ha dichiarato alla stampa il giorno seguente che la commissione non aveva l'autorità per decidere la questione. Ha detto che avrebbe esaminato attentamente il nuovo materiale fornito da Aguilar a sostegno dell'aiuto e di se stesso "fornire una risposta abbastanza rapida, nei prossimi giorni. "

La qualità conta.
Trova i migliori oli d'oliva del mondo vicino a te.

Il giorno dopo, il presidente della Commissione nazionale della concorrenza spagnola Luis Berenguer si è fatto avanti dicendo che aveva capito perché l'UE non si fosse aperta, "perché potrebbe essere una violazione delle regole di concorrenza ". Berenguer ha affermato che i problemi del settore risiedono nello squilibrio esistente tra i potenti distributori spagnoli - una manciata di broker che spostano la più grande fornitura mondiale di olio d'oliva - e il "atomizzato "stato di quelli dal lato della produzione. I sindacati agricoli hanno sbagliato a pensare di poterlo fare "risolvere il problema con misure anticoncorrenziali ". Qualsiasi contratto collettivo per l'adozione di misure volte a far aumentare i prezzi implicava anche un accordo per influenzare il funzionamento del mercato, il che avrebbe violato le regole di concorrenza, ha affermato.

La proposta della Spagna prevede l'introduzione di aiuti all'ammasso privato per otto mesi e per un volume di circa 200,000 tonnellate di olio d'oliva. I produttori rilevanti riceverebbero € 1.30 ($ 1.87) per tonnellata / giorno durante questo periodo. L'associazione agricola Asaja stima che la misura costerebbe alla CE 13 milioni di euro (18.7 milioni di dollari) ma avrà un valore di flusso di 300 milioni di euro (433 milioni di dollari) per il settore spagnolo dell'olio d'oliva. La Spagna ha già 125,000 tonnellate di olio d'oliva in deposito.

Nel frattempo, la CE ha annunciato questa settimana che stava rivendicando un totale di 530 milioni di euro (765 milioni di dollari) in fondi per la politica agricola indebitamente spesi dagli Stati membri - di cui la Spagna è stata rallentata per circa un quinto. La grande percentuale della quota del paese - 70.96 milioni di euro (102 milioni di dollari) - è legata alle irregolarità nei pagamenti per i raccolti dal 2003 al 06. "tolleranze tecniche errate applicate, carenze nei controlli sulle rese e errata applicazione delle sanzioni per ritardi nella presentazione delle dichiarazioni di raccolto per quanto riguarda l'olio d'oliva ".

Gli Stati membri sono responsabili della gestione della maggior parte di questi fondi della PAC, compresa la verifica delle richieste di pagamenti diretti degli agricoltori. La CE effettua controlli regolari e può recuperare i fondi arretrati se gli stati non sono in grado di dimostrare che i fondi sono stati spesi correttamente.

Related News

Feedback / suggerimenti