`Le delegazioni di Taiwan e del Regno Unito visitano i centri dell'olio d'oliva italiani - Olive Oil Times

Le delegazioni di Taiwan e del Regno Unito visitano i centri italiani per l'olio d'oliva

Dicembre 2, 2015
Gaynor Selby

Notizie recenti

Un'organizzazione di agricoltori italiani ospita delegazioni dal Regno Unito e da Taiwan nel tentativo di aumentare le vendite di olio d'oliva.

Acquirenti e giornalisti di entrambi i paesi stanno attualmente visitando l'Italia con la possibilità di stipulare contratti per iniziare o espandere il commercio nel migliori oli extra vergine di oliva dalla Toscana, dalla Campania e dalla Lombardia.

Anche l'agenzia commerciale italiana ICE e il consorzio italiano di olio d'oliva Unaprol sono coinvolti nell'evento di marketing.

Le delegazioni britannica e taiwanese incontreranno rappresentanti di diverse aziende produttrici di olio d'oliva provenienti da tre diverse regioni, che presenteranno le offerte dal cuore italiano dell'olio d'oliva.

I seminari si terranno anche a Salerno, Firenze e Salò e i delegati saranno guidati in diverse aziende olivicole dove saranno presentati gli aggiornamenti del raccolto e visitando i frantoi che utilizzano attrezzature e tecnologie di estrazione all'avanguardia.

Secondo l'organizzazione degli agricoltori, Coldiretti, l'obiettivo è dimostrare che l'Italia è leader mondiale in termini di produzione di olio d'oliva dalle tre regioni che illustrano la diversità dell'Italia nella categoria.

Le tre zone scelte per il tour, secondo un portavoce della Coldiretti, sono state "la provincia di Salerno, che da sola rappresenta circa il 60 percento di tutta la produzione campana; La Toscana, dove è nato il concetto di mercato territoriale legato al buon olio extra vergine di oliva ... e la Lombardia, perché è la regione in cui vengono venduti i maggiori volumi di prodotti confezionati in Italia. "

"La decisione di organizzare la visita in arrivo di buyer e giornalisti da Taiwan e dal Regno Unito in Italia è la continuazione di un lungo programma di collaborazione che questi due Paesi hanno sviluppato ”, ha aggiunto.

Coldiretti ha affermato che il Regno Unito è stato storicamente un mercato eccezionalmente difficile da penetrare come altri oli vegetali come la quota di mercato dominante dei girasoli. Tuttavia, le preferenze dei consumatori britannici stanno lentamente cambiando.

"Il settore britannico degli oli e grassi vegetali ha un valore di £ 420 milioni ($ 628 milioni). L'olio d'oliva è il segmento in più rapida crescita di oli e grassi vegetali, ma rappresenta solo il 16.3 per cento del settore e deve affrontare la concorrenza del mercato dell'olio di semi che rappresenta oltre i due terzi del settore. "

Per quanto riguarda Taiwan, l'organizzazione ha affermato che i 23 milioni di consumatori del paese, con un reddito pro capite di circa 21,000 dollari e un PIL nazionale di quasi 500 miliardi di dollari, rappresentano un enorme potenziale di mercato.



Fonte: Coldiretti, Italia

Related News

Feedback / suggerimenti