Affari

Il riconoscimento facciale può integrare i test del gusto

I ricercatori stanno sviluppando software di riconoscimento facciale allo scopo di migliorare la precisione dei test panel.

Aprile 3, 2019
Di Rosa Gonzalez-Lamas

Notizie recenti

È stato sviluppato il primo metodo sperimentale che utilizza il riconoscimento facciale delle emozioni per integrare i panel test nella classificazione degli oli extra vergini di oliva Spagna.

Citoliva, Inoleo e l'Emotion Research Lab hanno lavorato insieme per progettare il software di riconoscimento facciale, che avrebbe consentito ai giudici di analizzare la risposta inconscia di un pannello di degustazione a un campione di olio d'oliva.

Il software identifica le emozioni primarie come felicità, sorpresa, rabbia, disgusto, paura, tristezza o neutralità e oltre un centinaio di emozioni secondarie, come noia, disagio, piacere o curiosità.- Raquel Costales Rodríguez, Citoliva

I panel test si concentrano sulla valutazione dei tratti organolettici e delle impostazioni predefinite dell'olio d'oliva. Questo innovativo software potrebbe essere utilizzato per aiutare gli assaggiatori ad accertare come si sentono nei confronti dei campioni di olio di oliva in tempo reale.

L'uso della tecnologia per analizzare i sentimenti rende la valutazione e la classificazione degli oli d'oliva più obiettivi, fornendo una maggiore fiducia ai produttori e ai consumatori di olio d'oliva.

Guarda anche: Notizie sulla ricerca dell'olio d'oliva

Il test organolettico emotivo è in fase di sviluppo e test nell'ambito del progetto OlivEMOTION.

pubblicità

"La metodologia e i risultati di questo progetto di ricerca sono ancora preliminari ", ha detto Raquel Costales Rodríguez, del dipartimento di ricerca e sviluppo di Citoliva Olive Oil Times.

Citoliva è stata responsabile della raccolta di dati sulle reazioni emotive degli assaggiatori di olio d'oliva utilizzando un software creato con l'Emotion Research Lab, che è stato adattato per la valutazione dell'olio d'oliva.

Utilizzando una fotocamera per computer o cellulare per catturare le reazioni facciali, il software è stato in grado di tradurre i movimenti e le microespressioni degli assaggiatori in reazioni emotive che descrivono il grado di piacere o antipatia provocato dai diversi sapori e trame degli oli d'oliva.

"Il software identifica le emozioni primarie come la felicità, la sorpresa, la rabbia, il disgusto, la paura, la tristezza o la neutralità (l'assenza di emozioni) e oltre un centinaio di emozioni secondarie, come la noia, il disagio, il piacere o la curiosità ", ha affermato Costales Rodríguez.

Lo studio ha analizzato un'ampia selezione di oli extra vergini di oliva precedentemente valutati da Citoliva. I risultati di entrambe le valutazioni sono stati confrontati al fine di riprodurre i profili sensoriali degli assaggiatori degli oli di oliva. I ricercatori sono stati quindi in grado di classificare gli oli e studiare la connessione tra le risposte facciali e verbali degli assaggiatori.

"Abbiamo analizzato entrambi gli oli extra vergine di oliva e lampante oli di oliva di diverse varietà di olive e varie regioni ", ha detto Costales Rodríguez. "Sono stati inoltre valutati intensità e valori predefiniti. In termini di profili organolettici, c'erano oli con diversi gradi di fruttato, amarezza e piccantezza. "

"Abbiamo cercato di garantire la massima variabilità possibile con l'obiettivo di ottenere solidi modelli matematici ", ha aggiunto.

Le conclusioni preliminari dei risultati hanno indicato che il software sembra essere uno strumento adatto per integrare i panel test nella valutazione e classificazione degli oli extra vergini di oliva.

I ricercatori di Citoliva ritengono che in futuro lo strumento possa essere utilizzato per ridurre l'insicurezza nella commercializzazione degli oli d'oliva e garantire la fiducia dei consumatori. La tecnologia potrebbe attenuare le paure dei gruppi esportatori che in precedenza hanno affermato che i risultati ottenuti dai panel di degustazione lo sono troppo soggettivo e mettere gli esportatori a rischio legale.

Secondo Costales Rodríguez, Citoliva continuerà a sviluppare il progetto e, sulla base dei risultati, determinerà se il non profit integrerà formalmente questa metodologia nelle valutazioni standard degli oli d'oliva.





Related News