Africa / Medio Oriente

Il produttore tunisino di olio d'oliva utilizzerà la tecnologia Blockchain per combattere la frode

La lotta alle frodi alimentari e la garanzia di autenticità costituiranno una parte importante del successo di un'azienda.

Gennaio 16, 2020
Di Alexandr Mikoulianitch

Notizie recenti

CHO, uno dei principali produttori di olio d'oliva in Italia Tunisia, sta lavorando con IBM e la loro tecnologia blockchain migliorare la trasparenza e consentire ai consumatori di rintracciare il prodotto dalla raccolta alla mensola della cucina.

"A nostro avviso, raddoppierebbe questo fattore di trasparenza per i nostri consumatori ", ha dichiarato Wajih Rekik, CEO di CHO America, che distribuisce il marchio Terra Delyssa di olio d'oliva.

Quando (i consumatori) scansionano la bottiglia mostrerà loro la regione, dove sono state raccolte le olive, quando sono state frantumate, quando l'olio è stato filtrato, quando è stato confezionato e quando è stato analizzato per la spedizione.- Wajih Rekik, CEO di CHO America

"Abbiamo scoperto che la trasparenza era il nostro secondo fattore di successo ", ha aggiunto. "Abbiamo cercato di capitalizzare su questo, ma in realtà non ci sono molti modi; c'era blockchain [sebbene]. E abbiamo pensato che ci avrebbe davvero portati al livello successivo. "

Blockchain è un sistema di tracciamento delle transazioni progettato per consentire agli imprenditori, ai consumatori o a qualsiasi altra entità che utilizza la tecnologia di tracciare in modo efficace qualsiasi transazione o prodotto dalla data della sua creazione alla destinazione finale.

Guarda anche: Notizie sulla tecnologia dell'olio d'oliva

Gli utenti della tecnologia, in questo caso CHO, registrano le loro informazioni in "blocchi ", che vengono quindi registrati in un libro mastro online - concatenandoli efficacemente insieme. I blocchi possono essere aggiunti alla catena solo, non eliminati, mantenendo così le informazioni disponibili e sicure per la revisione e la trasparenza.

pubblicità

"Una volta inserite tutte le informazioni, non possiamo cambiarle ", ha detto Rekik. "Quindi ci stiamo ritenendo responsabili, e questa è davvero una delle parti più grandi di quel velo di fiducia. ”

Nel caso di Terra Delyssa, la tecnologia consentirà agli acquirenti di scansionare un codice QR che mostrerà loro dove è stata confezionata la bottiglia che è nelle loro mani, quando e dove sono state raccolte le olive che hanno prodotto il loro olio e quando è stato spedito il prodotto finito .

"Quando [i consumatori] scansionano la bottiglia mostrerà loro la regione, dove sono state raccolte le olive, quando sono state frantumate, quando l'olio è stato filtrato, quando è stato confezionato e quando è stato analizzato per la spedizione ", ha detto Rekik.

Il i controlli di qualità non sono solo per i consumatori, tuttavia. CHO ha reso disponibile una porzione separata dei dati blockchain specificamente per i distributori che mostrerà tutte le informazioni di cui sopra e fornirà "accesso all'attuale certificato di analisi ", secondo Rekik.

La tecnologia blockchain è un processo difficile da mettere in pratica, soprattutto quando ci sono molti passaggi diversi da tracciare. Nel raccogliere le olive e trasformarle in olio d'oliva, il monitoraggio di così tanti passaggi distinti era una bandiera rossa per alcuni fornitori di tecnologia.

"Alcuni provider (di blockchain) hanno fatto sembrare che non accadrà in questo decennio; è così complicato che un produttore di olio d'oliva non può attuarlo ", ha detto Rekik. "IBM è riuscita davvero a renderlo semplice. "

L'intero processo crea otto punti di controllo totali che la blockchain registrerà: quando le olive venivano raccolte, frantumate, molite e filtrate; e una volta che l'olio è stato analizzato prima della conservazione, la data di conservazione, quando viene imbottigliato e l'analisi dopo l'imbottigliamento.

Rekik spera che, in futuro, CHO sarà in grado di fornire tutte queste informazioni a distributori di spicco, come Whole Foods o Target, in cui il cliente sarà in grado di vederlo durante l'acquisto del proprio prodotto.

La mossa dimostra la crescente consapevolezza del settore dell'olio d'oliva frodi alimentari, adulterazione dell'olio d'oliva e la gestione delle due problematiche da parte di un marchio costituirà una parte importante del successo di un'azienda.

"Non voglio essere quello che sostiene che il l'industria olivicola è piena di adulterazione", Ha detto Rekik. "Posso solo riconoscere che c'è una grande attenzione negativa da parte dei media al riguardo ... e crediamo che questa sarà la strada da percorrere, questo sarà il futuro; dovrai mostrare al consumatore dove l'hai fatto e come l'hai fatto. "





Related News