Durante un incontro con l'ambasciatore americano ad Atene, Geoffrey Pyatt, il ministro greco dello sviluppo agricolo e alimentare, Makis Voridis, ha chiesto che la Grecia fosse esclusa dalle potenziali tariffe imposte ai prodotti agricoli importati negli Stati Uniti dall'Unione europea come ritorsione ai sussidi dell'UE ad Airbus.

Voridis ha affermato che le strette relazioni che la Grecia e gli Stati Uniti hanno sviluppato nel contesto del dialogo strategico giustificano l'esenzione.

Ha inoltre precisato che principalmente i piccoli produttori greci sarebbero interessati dalle tariffe.

"Questa è una guerra commerciale che non riguarda la Grecia", ha affermato. "Al contrario, la possibilità di tariffe sui prodotti agricoli di interesse greco - come olio d'oliva, olive da tavola, conserve di frutta e ciliegie congelate - danneggerà il reddito di un gran numero di piccoli produttori".

Non c'è stata alcuna risposta ufficiale da parte dell'ambasciatore Pyatt alla richiesta del ministro. I due hanno anche discusso della collaborazione della Rutgers University del New Jersey con la American Farm School di Salonicco e la Agricultural University of Athens sull'agricoltura per i giovani agricoltori e programmi di formazione sul turismo alternativo.



Altri articoli su: