L'USDA prevede che la produzione mondiale di olio di oliva diminuirà nuovamente

Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti prevede che la produzione globale di olio d'oliva diminuirà di quasi il tre percento, raggiungendo i 3.03 milioni di tonnellate, durante la campagna agricola 2020/21.

Giu. 5, 2020
Di Daniel Dawson

Notizie recenti

Globale produzione di olio d'oliva si prevede che diminuirà per il terzo anno consecutivo nella campagna 2020/21, secondo una pubblicazione recentemente pubblicata rapporto dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti.

L'USDA stima che la produzione globale scenderà a 3.03 milioni di tonnellate di olio d'oliva, in calo rispetto ai 3.12 milioni di tonnellate prodotte nella campagna agricola 2019/20. Queste cifre dell'USDA si basano su relazioni dei principali paesi produttori e su informazioni provenienti da altre fonti pubbliche e private.

Attualmente mostriamo il consumo di olio d'oliva seguendo la tendenza storica di aumentare ogni anno tra il due e il quattro percento- Bill George, economista agrario senior presso l'USDA

Il dipartimento stima che la stragrande maggioranza del calo della produzione avverrà nell'Unione europea, ad eccezione della Spagna. Dall'altra parte del Mediterraneo, si prevede che anche due dei maggiori produttori della regione - Tunisia e Turchia - avranno raccolti inferiori rispetto a quelli del 2019.

Vedi anche: Novità Harvest 2020

"Sia la Tunisia che la Turchia sono in procinto di trascorrere anni con il Marocco in cerca di un anno ”, ha detto l'economista agricolo senior dell'USDA Bill George Olive Oil Times. "Con noi che attualmente mostriamo all'UE [che è responsabile per i due terzi della produzione mondiale di olio d'oliva] di essere quasi piatta di anno in anno nel 2021, la nostra produzione globale è ridotta ”.

Gli analisti dell'olio d'oliva in Spagna concordano ampiamente con le stime dell'USDA e si aspettano che l'anno agricolo 2020/21 lo faccia assomigliare alla campagna agricola 2018/19 nel bacino del Mediterraneo, in cui la Spagna ha registrato un record 1.79 milioni di tonnellate di olio d'oliva.

Questi analisti si aspettano anche che la produzione in Grecia, Italia, Marocco, Portogallo e Tunisia sarà simile a quella della campagna 2018/19.

"L'olio d'oliva pressato in Spagna per il 2019/20 è stato segnalato dalla [nostra] fonte a 1.2 milioni di tonnellate, con il potenziale per questo di aumentare significativamente nel 2020/21, probabilmente superando il record storico di 1.8 milioni di tonnellate ", ha detto George.

Mentre l'USDA prevede che la produzione di olio d'oliva diminuirà, il dipartimento prevede anche un aumento globale consumo di olio d'oliva. Il dipartimento ha citato la crescente consapevolezza dell'olio d'oliva benefici alla salute abbinato a prezzi costantemente bassi come motivo dell'aumento dei consumi.

"Attualmente mostriamo il consumo di olio d'oliva seguendo la tendenza storica di aumentare ogni anno tra il - e il -% ", ha detto George. "Al momento della nostra previsione, c'erano poche informazioni che suggerissero un cambiamento significativo rispetto alla tendenza storica ".

"Prezzi dell'olio d'oliva in Spagna sono in netto calo rispetto a pochi anni fa, il che contribuirà a incoraggiare la continua crescita dei consumi Covidien-19 e il suo impatto sui redditi e sui modelli di consumo potrebbe diventare un fattore che limita la crescita dei consumi ", ha aggiunto.

Tuttavia, George ha avvertito che non esisteva un analogo storico per prevedere quale impatto avrà il nuovo coronavirus sulla produzione o il consumo globale di olio d'oliva.

"Questo è un po 'sconosciuto in quanto si tratta di un evento che non ha analoghi storici. Al momento, non ci sono dati che suggeriscano un cambiamento rispetto alle attuali tendenze di consumo ". George ha detto. "Le preoccupazioni principali riguardano la persistenza di cali permanenti del reddito. Questo, insieme alle restrizioni sulla ristorazione, ridurrà la domanda di olio d'oliva? "

"Fondamentalmente, le due preoccupazioni sono quanto [a lungo] gli impatti del Covid-19 persistono e il grado di tali impatti ", ha aggiunto. "Forse è un po 'presto per apportare modifiche significative alle attuali previsioni di consumo, data la mancanza di dati concreti e analoghi storici ".

Nel rapporto, l'USDA prevede anche che l'aumento del consumo e la diminuzione della produzione porteranno a un calo delle scorte di olio d'oliva dell'UE.

La diminuzione dell'offerta di olio d'oliva sul mercato e nel - memoria privata, le ragioni dell'USDA, dovrebbero portare a una leggera ripresa dei prezzi nella campagna 2020/21.

Tuttavia, George ha affermato che se dovessero esserci ancora una volta livelli di produzione record in Spagna, compenserebbero l'ammaccatura che altrimenti si sarebbe creata in quelle scorte di olio d'oliva

"L'aumento della produzione in Spagna, che si aggiunge alla produzione dell'UE, sarà solo un effetto negativo sui prezzi poiché il riporto globale e dell'UE nel nuovo anno sono ai massimi recenti ", ha affermato.

Tra i vari altri punti salienti del rapporto, si prevede che le esportazioni dell'UE cresceranno a 725,000 tonnellate, il che aiuterà anche a ridurre le enormi scorte del blocco commerciale.

Dall'altra parte del Mediterraneo, le esportazioni marocchine dovrebbero raddoppiare a 45,000 tonnellate. Il dipartimento ha citato le iniziative del governo per far crescere il settore come parte della ragione di questo aumento monumentale.

"In Nord Africa e Medio Oriente, gli investimenti nella lavorazione dell'olio d'oliva e le politiche governative mirano a aumento delle esportazioni stanno lentamente guidando la crescita ", afferma il rapporto USDA.

Tuttavia, è probabile che nella vicina Tunisia la produzione di olio d'oliva diminuisca drasticamente poiché molti degli alberi del paese entrano in un anno fuori stagione. Si prevede che ciò porterà a una diminuzione del 35%, con il paese nordafricano che esporta un totale di 130,000 tonnellate.





Related News

Feedback / suggerimenti